Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 22 Settembre |
San Maurizio
home iconNews
line break icon

Il suicidio è da condannare anche se fatto per evitare la tortura?

© Simón Pais-Thomas / CC

https://www.flickr.com/photos/simonpais/97552264

Toscana Oggi - pubblicato il 30/06/15

È proprio vero che per la Chiesa «nessuno può suicidarsi per nessun motivo»?

Leggo sempre con interesse gli articoli di Ecclesia e sul numero del 24 maggio scorso mi ha colpito quello sul suicidio dal titolo «Perché la Chiesa non ammette il suicidio?». Nella risposta a questo interrogativo padre Athos Turchi conclude dicendo che «nessuno può suicidarsi per nessun motivo». Mi sono domandato, e gradirei una risposta:  è condannabile il suicidio anche quando viene scelto da chi vuole evitare la tortura, cioè da una persona che, consapevole di non poter resistere a lungo al dolore, per evitare di compromettere altre persone, sceglie, se ne ha la possibilità, di suicidarsi?
Piero Bosi

Risponde padre Athos Turchi, docente di filosofia alla Facoltà teologica dell'Italia Centrale. 
Il lettore chiede una chiarificazione che ci porta su un livello più razionale, ma proviamo a rispondere. Un principio o una norma sono il criterio in base al quale possiamo valutare unitariamente un fatto che si vive. Per es. la norma che dobbiamo «fermarci col rosso al semaforo» è il criterio per tutti i cittadini su come regolarsi quando vanno per strada, senza una norma sarebbe impossibile fare le stesse cose. La norma prevede, però, l’eccezione che in caso di vita o di morte di un uomo si possa passare col rosso, perché la vita di un uomo è primaria su tutto e fondamento di ogni normativa.

Dunque se la salvaguardia della vita è fondamento di ogni diritto, al punto che in ragione della vita si possono infrangere tutte le norme, dopo non si può dire che in ragione di una tortura o di un dolore io mi posso uccidere, altrimenti si cambia criterio. Non più la vita è criterio e principio di diritto umano ma lo diventa la tortura e il dolore (cf. Discorso di papa Francesco all’«Associazione scienza e vita», 30 maggio 2015).

Il punto però non è questo. Ciò che dice il lettore mostra che nella mentalità odierna la gente ha scisso la propria vita (che comprende la corporeità, le qualità spirituali, le doti naturali, la sua – insomma – concretissima individualità che il corpo disvela così com’è), dall’io decisionale soggettivo e personale, pensando che l’io sia diverso da ciò che uno è in concreto. È una evidente schizofrenia spirito-materiale.

Per esemplificare è come se l’io-persona fosse diverso dalla materialità che siamo, come se l’anima fosse diversa dal corpo, come se la vita avesse due sezioni una della volontà e l’altra della corporeità. Infatti a volte s’invocano i diritti che riguardono il corpo altre volte quelli della libertà di fare o di essere quello che si vuole. Questa schizofrenia che l’uomo di oggi vive si ripercuote su tutta l’esistenza umana non solo nel comportamento sociale, ma anche politico, legale, giuridico, come accade nella legislazione dove le leggi valgono solo per alcuni e per altri no. Per esempio, oggi si dice che ogni essere umano ha diritto di determinare la sua tendenza sessuale come crede meglio, e allora perché quello che la determina verso i minori non ne ha diritto? La pedofilia è senz’altro uno dei crimini maggiori ma non per le ragioni che portano gli opinionisti e gente simile, infatti questi sono in contraddizione perché rivendicano il diritto all’autodeterminazione sessuale ma la negano agli altri. Il male non sta solo in quello che dicono loro, ma nello stravolgimento della vera e reale significanza della sessualità e della corporeità: l’essere umano è perfetto e completo nella correlazione maschile e femminile e la sessualità ha senso nell’amore reciproco e non nel suo uso libero e indiscriminato. Il cosiddetto «diritto di autodeterminazione» a tutto, anche all’eutanasia, è un abuso su se stessi, perché distrugge dentro di sé il senso della propria vita: non si esiste per caso, né si nasce per caso maschi o femmine.

  • 1
  • 2
Tags:
suicidiotortura
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
6
Padre Ignacio María Doñoro de los Ríos
Francisco Vêneto
Il cappellano militare che si è finto malvivente per salvare un b...
7
SERENITY
Octavio Messias
4 suggerimenti contro l’ansia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni