Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Ma avete ascoltato “davvero” cosa dice Kiko sul femminicidio?

© Public Domain / Youtube
Condividi

Il ragionamento vero del fondatore del Cammino Neocatecumenale riguarda la perdita di fede, la violenza è la conseguenza

Probabilmente avete ascoltato questo frammento del discorso di Kiko Arguello a Roma:

Assai più probabilmente non avete ascoltato la versione integrale del famigerato discorso sul femminicidio che il fondatore del Cammino Neocatecumenale ha fatto al cosiddetto “Family Day” di sabato 20 giugno:

Kiko fa un discorso che parte dall'esegesi neotestamentaria, dalle lettere di San Paolo sulla morte e resurrezione di Cristo e ricorda al suo uditorio come “Siamo condannati a vivere per noi stessi”, una condizione così grave che Cristo è dovuto morire per trarcene fuori. E' il dramma del peccato originale, una vita attaccata al proprio ombelico.

Ovvio che chi non abbia il dono della fede o una sensibilità religiosa, può travisare il discorso di Arguelo il quale non dice mai – ma proprio mai – che la colpa del femminicidio è delle donne. Dice – dopo una lunga digressione sul capitolo della Genesi dedicata al peccato originale e al farsi dio da parte di Adamo ed Eva – che è la perdita di legame tra l'uomo e Dio, cioè il suo riconoscersi creatura, ma soprattutto creatura amata eternamente dal Padre, all'origine della violenza. Kiko spiega che l'opera di Satana nella storia è quella di volerci sottrarre il nostro “essere persona” ovvero la nostra relazione con Dio. Convince Eva e poi Adamo a farsi dio col solo scopo di glorificarsi da soli.

Il femminicidio è quindi – secondo Kiko – causato dalla lontananza sostanziale degli uomini dall'Essere. Chi non sa più che è Dio a donargli la dignità di “persona”, cerca questa sostanza essenziale per il proprio equilibrio, nel ruolo sociale di “marito” di “compagno” di “padre” e da quel ruolo ricava il suo “essere amato”: solo dal rapporto con la moglie, non da un rapporto con Dio. Quando la moglie lascia il marito, egli sperimenta quindi l'assenza di quello che lui a sua volta sperimenta come unica fonte di amore (ma che potremmo dire essere dipendenza, l'amore cristianamente inteso genera libertà), e dunque quello che i cristiani chiamano “inferno”. Egli sente una “morte tanto profonda” che cerca subito la vendetta tramite la violenza inflitta ai figli e alla moglie. “Noi – sostiene Kiko – non possiamo vivere senza essere amati”. Quella di Kiko Arguello è una lectio sull'uomo secolarizzato e sulla perdita di fede.

Ci sono due errori (si errori) nel discorso di Kiko:

Il primo è quello di non spiegare che ci sono tanti atei che non sono assassini di mogli, e che non è solo la fede o la comprensione dell'essere creatura che ferma la mano dell'uomo. L'errore è comprensibile nel contesto della manifestazione dove il 99% dei presenti era più o meno religioso o in grado di comprendere pienamente i riferimenti teologici.

Il secondo è legato al primo: quello di non capire che certe parole nella società dell'informazione verranno sicuramente strumentalizzate e che qualunque discorso va costruito per pillole che anche se parcellizzate non diano adito a dubbi, non siano in alcun modo strumentalizzabili: il discorso complesso non ha posto nei media, è bene ricordarlo.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.