Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Lego, Guerre Stellari e podcast: l’evangelizzazione 2.0 del parroco social dall’Olanda

© Flickr/Roman Catholic Archdiocese of Boston/Creative Commons
Condividi

Si chiama Roderick Vonhögen. E' una star di You Tube e Twitter e racconta il Vangelo in maniera creativa

Ha suonato uno scossone anche al Festival Biblico che si è svolto a Padova. Autentica rivelazione nel campo della comunicazione ecclesiastica è il giovane prete olandese Roderick Vonhögen. 

LA NOTORIETA' CON GUERRE STELLARI
Una vera e propria star del web che ha totalizzato un milione e duecentomila visualizzazioni su Youtube, semplicemente filmandosi mentre assiste (entusiasta) al trailer del nuovo capitolo di Guerre Stellari. Su Twitter, invece, conta più di 16mila seguaci. Il suo segreto? Parla in perfetto inglese, cosa che lo rende comprensibile in quasi tutto il mondo, e affronta temi estremamente popolari, cosa che lo rende simpatico a quasi tutto il mondo.
 

CARTONI ANIMATI CON I LEGO
Da Star Wars, padre Roderick è passato all’interpretazione di fantasy dove nei suoi brevi sketch in webcam, riporta sempre Il Mattino, rintraccia messaggi di natura religiosa. E per invogliare i più piccoli a seguire il Catechismo, ha dato vita a miniserie di cartoni animati: «I personaggi e le ambientazioni sono fatte con mattoncini Lego. Ho ricostruito la Pentecoste e l’Ascensione, per esempio. I bambini li adorano, e piacciono anche ai genitori».
 

I PODCAST AUDIO
La creatività del sacerdote ha spaziato, ancora, dal racconto di Gesù e San Giuseppe in formato Lego sino ai podcast audio con la preghiera del mattino, che non si fermano solo alla classica recitazione, ma sono animati da una vera e propria conversazione tra il prete e un suo collaboratore che spiegano il senso della preghiera.   
 

LA "POTENZA" DEL BLOG
«Quando ero un giovane prete – dice – ad ascoltarmi in chiesa avevo circa duecento persone. Quando ho aperto il mio primo blog, dove parlavo essenzialmente di Guerre Stellari, ho scoperto che a seguirmi, di persone, ce n’erano ventimila. Per me era un passatempo, ma mi sono reso conto che quella era l’occasione per portare la dimensione religiosa nel quotidiano». 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni