Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 03 Agosto |
Sant'Aspreno
home iconNews
line break icon

Il terremoto in Nepal svela un traffico di bambini verso Israele

© Jacoplane

Arthur Herlin - Aleteia - pubblicato il 29/04/15

Dopo il sisma, le autorità israeliane hanno annunciato di voler evacuare con priorità 25 bambini nati da uteri in affitto e i loro genitori adottivi israeliani

È l'esempio perfetto dello sfruttamento su scala mondiale della miseria di alcuni per il piacere di altri, come denunciano quanti si oppongono alla maternità surrogata. Il violento terremoto che ha sconvolto il Nepal ha sollevato un velo su un traffico di bambini – sordido ma legale.

Attualmente a Kathmandu ci sono 25 bambini nati da donne che hanno portato avanti una gravidanza per conto di israeliani che sono andati a recuperarli in Nepal, ha spiegato il Ministro degli Esteri israeliano.

Si tratta di oltre 50 “clienti”, tutti israeliani, che in questo momento aspettano nel Paese sconvolto dal terremoto e che verranno evacuati in modo prioritario con i loro bambini.

Considerazioni mediche o ragioni legali nepalesi potrebbero tuttavia ritardare la loro partenza, ha reso noto il Ministero.

Bebè a richiesta

Dei 25 bambini coinvolti, 15 sono nati su incarico dell'impresa israeliana Tammuz. La maggior parte dei suoi clienti è costituita da coppie di uomini omosessuali, ha spiegato il suo responsabile commerciale, Roy Youldous.

La legge israeliana stabilisce che nel suo territorio solo le coppie eterosessuali hanno il diritto di adottare bambini nati da uteri in affitto. Gli omosessuali eludono la legge ricorrendo alla maternità surrogata in Paesi in via di sviluppo, ha aggiunto Youldous.

In Israele, il prezzo e le procedure scoraggiano anche le coppie eterosessuali, per cui il Nepal sembra essere una delle destinazioni privilegiate.

Madri indiane che affittano il proprio utero

Quattro dei bambini destinati ad essere venduti sono prematuri e hanno bisogno di cure mediche che potrebbero non trovare dopo il terremoto, ha informato il Ministero degli Esteri israeliano.

In Nepal, 80 donne, tutte indiane, aspettano un bambino per conto dell'impresa Tammuz. La legge esige infatti che nessuna madre portatrice sia nepalese. Roy Youldous assicura che ciascuna di loro è seguita da un assistente sociale.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
terremoto nepalutero in affitto
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Don Patriciello richiama Fedez che incita all’aborto: i pre...
2
NEWBORN, GIRL
Annalisa Teggi
Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non a...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
JENNIFER CHRISTIE
Jeff Christie
Mia moglie è rimasta incinta del suo stupratore – e io ho accolto...
5
MAN, ALZEHIMER, WOMAN
ACI Digital
Cosa accade all’anima di una persona che ha l’Alzheim...
6
MADELEINE PAULIAC
Sandra Ferrer
La dottoressa che aiutò a partorire delle suore violentate
7
Gelsomino Del Guercio
Paolo Palumbo: la Sla non lo piega. Ora è un “eroe” su Facebook (...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni