Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Delegazione di musulmani in visita alla Sindone

© Mohammed HOSSAM / AFP
Condividi

Fratelli e cittadini dello stesso mondo

Abbiamo deciso di venire per dare un segnale, per dire che siamo tutti cittadini di questo Paese e di questa città. La Sindone avvicina cristiani e musulmani e, nel mondo dilaniato dalle divisioni, invita a essere fratelli»: è un messaggio di pace e di dialogo quello venuto ieri da un gruppo di musulmani che hanno visitato il sacro telo esposto nel duomo di Torino. Della delegazione facevano parte il presidente della Lega imam e predicatori delle moschee in Italia, Mohamed Bahreddine, e il portavoce del Centro interculturale Mecca, Amir Younes

«Bisogna essere forti e insieme dire no a ogni forma di violenza e di terrorismo e sì alla convivenza: oggi ne abbiamo davvero bisogno», hanno spiegato, ricordando che «anche alle nostre feste per la fine del Ramadan ci sono sempre rappresentanti della Chiesa».

Bahreddine — riferisce l’Ansa — ha descritto i minuti trascorsi di fronte alla Sindone «un viaggio nel tempo e nella storia, in cui abbiamo visto la figura di Gesù nella visione dei fratelli cristiani». «C’è qualcosa che tocca l’anima — ha aggiunto Younes — e quando succede questo è perché sei nell’ambito della religione. Abbiamo visto come sia un momento che raggruppa le persone verso la pace, un momento di cui oggi abbiamo molto bisogno ed è quello che speriamo accada anche nei nostri territori dove si fa la guerra per niente».

«Sono contento di questa partecipazione», ha commentato don Augusto Negri, direttore e presidente del Centro diocesano per il dialogo cristiano-islamico Federico Peirone. È il segno di «una volontà di integrazione e accoglimento delle differenze religiose e culturali».

QUI L'ORIGINALE

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.