Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 31 Ottobre |
San Marciano di Siracusa
home iconNews
line break icon

I cinque rimpianti più frequenti sul letto di morte

<a href="http://www.shutterstock.com/pic.mhtml?id=225389779&amp;src=id" target="_blank" />Patient at a hospital</a> © l i g h t p o e t / Shutterstock

LaFamilia.info - pubblicato il 14/04/15

Testimonianza di un'infermiera e scrittrice australiana

Bonnie Ware è un’infermiera e scrittrice australiana che ha trascorso vari anni della sua vita prendendosi cura dei malati terminali. Di recente ha scritto un libro sulle cinque cose che le persone lamentano maggiormente sul letto di morte. Si tratta delle memorie della sua vita e di come questa sia stata trasformata attraverso gli episodi di pentimento dei malati che ha assistito.

“Per molti anni ho lavorato nel campo delle cure palliative. I miei pazienti erano quelli che erano stati rimandati a casa a morire. Sono stati condivisi alcuni momenti incredibilmente speciali. Sono stata con loro tra le ultime tre e le ultime dodici settimane della loro vita”.

“La gente matura molto quando affronta la propria mortalità. Ho imparato a non sottovalutare mai la capacità di crescita di una persona. Alcuni cambiamenti sono stati fenomenali. Ciascuno di loro ha sperimentato una varietà di emozioni, come era da aspettarsi: negazione, paura, fastidio, rimorso, altra negazione e finalmente accettazione. Ogni paziente, ad ogni modo, ha trovato la sua pace prima di partire, ciascuno di loro”, ha osservato la Ware.

Interpellata sui desideri e sui pentimenti che le persone avevano al momento della morte, ha rivelato sul suo blog i più comuni e quelli che l’hanno colpita maggiormente:

1. Vorrei aver avuto il coraggio di vivere una vita fedele a me stesso, non quella che gli altri si aspettavano da me. Questa è stata la lamentela più comune. Quando le persone si rendono conto che la loro vita sta per terminare e guardano indietro con chiarezza, è facile vedere quanti sogni non si sono realizzati. La maggior parte della gente non aveva realizzato neanche la metà dei propri sogni e doveva morire sapendo che era a causa delle scelte che aveva compiuto, o che non aveva compiuto.

2. Vorrei non aver lavorato tanto. “È una cosa che ho sentito dire da ogni paziente di sesso maschile che ho curato”, ha riferito l’infermiera. “Si sono persi la giovinezza dei figli e la compagnia del partner. Anche le donne hanno parlato di questo rimorso, ma visto che nella maggior parte dei casi appartenevano a una generazione precedente, molte delle pazienti di sesso femminile non erano state la fonte di sostentamento della famiglia. Tutti gli uomini che ho curato hanno lamentato profondamente il fatto di aver trascorso tanta parte della propria vita lavorando”.

3. Vorrei aver avuto il coraggio di esprimere i miei sentimenti. Molte persone hanno soppresso i propri sentimenti per mantenere la pace con gli altri. Come risultato, si sono adattate a un’esistenza mediocre e non sono mai diventate quello che erano capaci di essere. Molte malattie si sviluppano come un risultato collegato all’amarezza e al risentimento che si provano.

4. Mi sarebbe piaciuto essere rimasto in contatto con i miei amici.Spesso le persone non si rendono conto dei benefici dei vecchi amici fino a dopo aver trascorso settimane di convalescenza, e non sempre è stato possibile localizzarli. Molti di loro erano diventati talmente presi dalla propria vita da lasciare che amicizie preziose svanissero con il passare degli anni.

5. Mi sarebbe piaciuto di essermi permesso di essere più felice. È un punto in comune sorprendente. Molte persone non si sono rese conto fino alla fine che la felicità è una scelta. Erano rimaste legate a standard e abitudini antichi. La paura del cambiamento le ha fatte vivere fingendo con gli altri, e con se stessi, di essere felici.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
morte
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Annalisa Teggi
"Dite ai miei figli che li amo": ecco chi è l...
Lucandrea Massaro
Sale il numero di morti nell'attentato di Niz...
ERIN CREDO TWINS
Cerith Gardiner
“Dio ha senso dell'umorismo”: coppia di genit...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
EMILY RATAJKOWKSI
Annalisa Teggi
Emily Ratajkowski: scoprirò il sesso di mio f...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Silvia Lucchetti
Rischiava l'amputazione delle gambe. Oggi ha ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni