Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 29 Ottobre |
San Gaetano Errico
home iconNews
line break icon

La regina di Francia è lei

© Public Domain

Lucandrea Massaro - Aleteia - pubblicato il 24/03/15

Il primo turno delle amministrative ha consolidato i risultati di Marine Le Pen e del FN. Ma la paura del fascismo è ancora forte

Domenica 22 si è svolto in Francia il primo turno delle amministrative: l’ex Presidente della Repubblica, Nicolas Sarkozy, che ha riconquistato la presidenza del suo partito nel novembre scorso, ha così vinto le sue scommesse: riportare l’Ump in testa, legittimare la sua posizione di leader del partito di fronte agli sfidanti alle primarie per le presidenziali del 2017, e strappare alla sinistra la maggioranza dei dipartimenti, l’equivalente delle ex province italiane.

L’UMP è giunto infatti in testa con circa il 29% dei suffragi a livello nazionale, grazie all’alleanza elettorale con i centristi dell’Union des Démocrates et Indépendants (UDI); in generale in Francia il blocco delle destre sale al 36% se si considerano le liste “Divers Droite” che si sono presentate separatamente nelle varie circoscrizioni. Il Partito Socialista di François Hollande e Manuel Valls, maggioritario in 61 Dipartimenti (e accompagnato al piccolo Parti de Gauche), è invece sceso al 21% (a fronte del 24 ottenuto nel 2011, ma 14% alle Europee del 2014) alla luce altresì del mancato accordo con il resto della sinistra, Front de Gauche e Verdi in testa, che però hanno fatto flop. Ma la “regina di Francia” è di nuovo Marine Le Pen: il Front National si ferma in seconda posizione con il 25,7%, risultato che le permette di ritoccare al rialzo il precedente risultato delle Europee (24%) ma che smentisce il boom predetto alla vigilia, quando i sondaggi la davano addirittura al 30% proprio davanti all’odiato UMP (Termometro Politico, 23 marzo).

Proprio questa ipotesi messa in campo dai sondaggisti, il primato in Francia di un partito neofascista come il Fronte Nazionale, ha scatenato paure e ansie. Il sistema francese ha nel doppio turno l’antidoto contro gli estremismi e già in queste ore è stata invocata la “soluzione repubblicana”: ai ballottaggi dove è in vantaggio la destra moderata la sinistra voti l’UMP, dove la sinistra è in vantaggio, la destra voti PS. E’ uno schema da sempre in uso Oltralpe, ma finora ha escluso una estrema destra attorno al 10-12% su base nazionale, ormai in Francia il tripartitismo è la regola, con tre forze politiche stabilmente sopra il 20%.

Come diceva del resto, sulle colonne del quotidiano dei vescovi francesi (La Croix, 20 marzo), alla vigilia delle elezioni,
Roger Cukierman è presidente del Conseil représentatif des instituzione juives de France (Crif), cioé l’unione delle comunità ebraiche francesi:

La situazione è inedita anche perché la vita politica francese è ormai strutturata in tre poli e perché è sempre più difficile posizionare questi tre poli su un continuum lineare che andrebbe dall’estrema sinistra all’estrema destra. I dirigenti del FN confondono le acque. Acquisiscono e ripetono come dei cucù delle parole, ad esempio laicità. Le strumentalizzano e ne stravolgono il significato. In maniera molto giusta, il segretario di Stato Jean-Marie Le Guen parla a proposito del FN di un progetto “antiliberale” e di un posizionamento “socializzante”. È lucido e onesto. In una Francia irritata, arrabbiata, il FN è un aggregatore di scontenti. Capita che i dirigenti accanto a Marine Le Pen esprimano, sullo stesso argomento, delle posizioni diverse gli uni dagli altri. I simpatizzanti non glielo imputano: ognuno ascolta il messaggio che desidera ascoltare e poco importa se un altro dirigente del FN dice il contrario. Invece di indebolirlo, le incoerenze lo rafforzano e gli permettono di raccogliere più ampi consensi. Il FN non è più un agitatore o una valvola di sfogo, a differenza di quello del XX secolo. Vuole accedere ai vertici dello Stato. Per questo, corteggia diverse categorie di elettori. Gli ebrei francesi sono uno di questi target, non per il loro peso elettorale, che è molto debole, ma perché il loro voto consacrerebbe la sua de-stigmatizzazione, la sua rottura con l’antisemitismo, la sua attenzione democratica per le minoranze all’interno della comunità nazionale.

Abbiamo quindi sentito Marine Le Pen dichiarare nel giugno 2014 a Valeurs actuelles (rivolgendosi agli ebrei francesi) che “il FN sarebbe senza dubbio in futuro la migliore difesa per proteggerli”. So che una minoranza di ebrei è sensibile a questi ammiccamenti. Per quanto mi riguarda, non cambiano niente: il FN è non solo un partito da evitare, ma anche un partito da combattere. C’è un’altra cosa che non è cambiata. Il FN del 2015, come quello del XX secolo, è un partito estremista: vuole una trasformazione radicale della società e dell’economia. Che la loro ispirazione sia nazionalista o marxista o religiosa, tali trasformazioni sono sempre violente, usano dei capri espiatori, riducono le libertà e finiscono in catastrofi.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
fascismofrancia
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
VITIGUDINO
Gelsomino Del Guercio
Prima brillante medico, poi suora: la bella s...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni