Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 06 Dicembre |
San Nicola di Myra (o di Bari)
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Marie Keyrouz, la suora libanese che ha cantato contro la guerra

© Greier

Reporte Católico Laico - pubblicato il 23/03/15

La sua proposta musicale oltrepassa le molteplici frontiere culturali e spirituali del suo Paese

Suor Marie Keyrouz si è esibita a Madrid la settimana scorsa nel contesto del ciclo Ellas Crean, una celebrazione del talento femminile nel centro Conde Duque. La Keyrouz è una suora libanese che si è formata come cantante e antropologa. La sua musica è intesa come una forma di espressione religiosa.

In un Paese definito dai suoni orientali e religiosamente dominato dall’islam, suor Marie riesce a sostituire le differenze culturali dell’ambiente con le similitudini, attraverso l’unione di vari stili. La sua musica attinge innanzitutto al cristianesimo maronita, che la porta ai canti antichi dell’Occidente, come quello gregoriano e quello ambrosiano, fino a compositori classici come Bach e Mozart.

Ha influenze anche del repertorio bizantino e della musica moderna libanese. La religiosa trascende le frontiere tra antico e moderno e non si adatta a un’etichetta o a un unico genere culturale, religioso o musicale.

L’assenza di questa etichetta distintiva o di un’influenza particolare è forse una metafora per la sua musica come qualcosa di trascendente, indefinibile e al di là del mondo materiale. Canta per sentirsi più vicina a Dio e per far sì che anche il pubblico lo senta vicino; un pianto religioso con il proposito di dissolvere le barriere umane.

Nel 1984 suor Marie ha fondato l’Ensemble della Pace quando il Libano si stava dissanguando per colpa di una guerra civile spesso definita religiosa, mentre in realtà tutto quello che era considerato sacro è stato represso.

Voleva riunire dei musicisti e usare il suono come uno strumento per sradicare l’identità, la forma materiale che stava provocando tanta violenza e tanto dolore, e far sì che la gente diventasse una cosa sola. Il suo messaggio di pace è stato riconosciuto a livello mondiale, e il suo talento musicale è stato lodato senza fine.

Perché ha optato per il cammino religioso?

Per me il cammino religioso inizia con una chiamata spirituale a cui si risponde con un “no” o con un “sì”, e io ho detto di sì. Fin da quando ero piccola ho cercato di centrare la mia vita sul servizio di Dio e di usare tutto ciò con cui Dio mi aveva benedetta: la mia arte, la mia voce e il mio essere.

In che modo la musica è arrivata ad avere un ruolo tanto importante nella sua vita?

Per molto tempo ho pensato che le canzoni fossero come una preghiera, e durante la guerra in Libano ho capito che la mia voce avrebbe potuto essere un’arma potente per lottare contro il male. Una canzone sacra è parola di Dio e può essere più bella o più perfetta di quella parola di Dio.

Cosa prova quando canta?

Per me è una preghiera: mi getto tra le braccia di Dio e cerco di far sì che tutti riescano a toccarlo attraverso la mia voce.

La sua musica è un insieme di influenze cristiane e orientali, in rappresentanza delle varie eredità culturali del Libano. Perché ha deciso di unire questi stili musicali diversi?

In primo luogo, vorrei specificare che sulla musica orientale hanno influito molto la musica bizantina e quella aramaica, e che per vari secoli tutti questi stili musicali hanno convissuto e hanno avuto le stesse influenze.

In secondo luogo, all’inizio nei miei concerti cantavo musica bizantina, maronita, aramaica e anche canzoni nate sotto l’influenza di musicisti classici occidentali come Bach, Vivaldi, Mozart, Gounod e Heandel. Alla fine del secolo scorso, però, ho voluto legare culture diverse per aiutare la pace. Ho iniziato a offrire un insieme di canti orientali e salmi con un’orchestrazione occidentale, ma rispettando i temi della musica orientale e i requisiti della musica classica. Questo fatto è stato piuttosto apprezzato dalle persone di entrambe le culture.

  • 1
  • 2
Tags:
libanospiritualità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni