Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Essere! Questa è la risposta

© Nicoleta Ionescu/SHUTTERSTOCK
Condividi

Contro idealismo, nichilismo e nominalismo l’amore per la vita, l’amore per quel che “E'”

"Il cristianesimo non è stato tentato e trovato troppo difficile, è stato trovato difficile e quindi non è stato tentato" (GKC)

“Non esistono cose sbagliate, ma solo modi sbagliati di usare le cose. […] Si possono avere cattive intenzioni riguardo a cose buone; e le cose buone, come il mondo e la carnalità, sono state travisate da una cattiva intenzione che si chiama diavolo. Ma il diavolo non può rendere cattive le cose; esse restano com’erano il giorno in cui sono state create. L’opera del cielo è stata soltanto materiale: la creazione di un mondo materiale. L’opera dell’inferno è soltanto spirituale.” (Da San Tommaso d’Aquino, Lindau 2008, 109-110)

Che cos’hanno in comune un gentiluomo inglese vissuto in epoca vittoriana e un frate domenicano italiano vissuto nel tardo medioevo? Molto se il gentiluomo inglese è il gigantesco e vulcanico G.K. Chesterton e il frate domenicano è “il bue muto di Sicilia”, San Tommaso d’Aquino.

Entrambi hanno dedicato tutta la vita a combattere l’insidia sottile dell’idealismo (che Tommaso chiamava Platonismo), entrambi sono stati innamorati della realtà contro il nichilismo (rappresentato nel Medioevo dalle eresie di Catari e Albigesi), entrambi hanno combattuto aspramente il relativismo (che all’epoca di Tommaso si chiamava Nominalismo).
Nel suo linguaggio immaginifico così GKC traduce il noto assioma tomista “nihil est in intellectu quod prius non fuerit in sensu” (Non c’è nulla nell’intelletto che non sia stato prima recepito attraverso i sensi)

“I teologi si erano in certo qual modo irrigiditi in una sorta di alterigia di derivazione platonica, in quanto si ritenevano I possessori di verità squisitamente interiori, inviolabili e inalienabili, come se nessun elemento della loro sapienza avesse radici altrove nel mondo reale. A questo punto la prima cosa che fece l’Aquinate fu dire a questi fondamentalisti della trascendenza qualcosa che suonava pressappoco così:
È ben lungi da un povero frate mettere in dubbio che voi abbiate nella testa degli splendidi diamanti la cui forma risponde alle più perfette regole della geometria, che rifulgono di luce celestiale, e che sono tutti lì, prima ancora che voi cominciate a pensare, per non dire vedere, udire o percepire. Ma non mi vergogno a dire che la mia mente è guidata dai sensi, che gran parte di ciò che penso lo devo a ciò che vedo, odoro, gusto o tocco e che, a mio modo di pensare, mi sento costretto a considerare reali queste realtà.” (Op. Cit. p. 28)

Narra un aneddoto che, professore a Parigi, Tommaso iniziasse le sue lezioni di ontologia posando una mela sulla cattedra e dicendo: “Questa è una mela. Chi non è d’accordo può anche uscire”. A Chesterton sarebbe piaciuto molto un esordio così spettacolare. Questo atteggiamento dice che la conoscenza è innanzitutto un atto di umiltà, di venerazione quasi, verso una realtà che ci precede e che non è nella nostra disponibilità.

Da qui l’idea, comune ad entrambi, ma sconcertante in questo tempo nichilista, che la realtà è sempre buona in se stessa:

“Essere cristiano significa credere che la divinità o la santità non siano in antitesi con la materia o con il mondo dei sensi.” (Op. Cit. 39)

Da qui la valutazione positiva, molto positiva, della corporeità e dell’umano, mentre l’idealismo con la sua pretesa di far corrispondere il corpo ad una astrazione finisce con il disprezzare il corpo concreto, reale.
Ne abbiamo mille prove: dalla nuova idolatria della bellezza (che genera come contrappasso anoressia e bulimia) all’eutanasia, che altro non è che il rifiuto del corpo quando gli è diventato impossibile corrispondere a certi standard imposti dal pensiero dominante, allo strisciante ritorno dell’eugenetica (oggi praticata attraverso l’eliminazione degli albini o dei down).

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.