Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

25 cose che le coppie si perdono quando pensano solo al sesso

© mast3r/SHUTTERSTOCK
Condividi

“[La carità] tutto copre, tutto crede, tutto spera, tutto sopporta” (1 Corinzi 13:7)

di Rafaél Perez

Nel mondo di oggi sembra che l’unico gesto d’amore tra due persone sia un atto sessuale. A parte la bellezza e la virtù dell’amore tra un uomo e una donna, tendiamo a dimenticare la castità come via per il vero amore, modo per prepararci al matrimonio e chiamata a vivere veramente una vita di vocazione come giovane uomo o donna.
Di seguito troverete una slideshow di immagini che illustrano gesti d’amore tra le coppie. Queste fotografie rappresentano varie espressioni di vero amore. Sono uno sguardo a un Amore che ci apre a uno stato d’animo divino se impariamo a cercare e a vedere attraverso la lente di un altro, colui che è di Dio. Fuori dal sesso, tutti questi comportamenti mostrano come sia possibile esprimere e parlare d’amore e rafforzare questo modo di essere attraverso le nostre parole e le nostre azioni.

Solo la nudità che rende “oggetto” la donna per l’uomo, o viceversa, è fonte di vergogna. Il fatto che “non provavano vergogna” significa che la donna non era per l’uomo un “oggetto”, né lui per lei. L’innocenza interiore come “purezza di cuore”, in certo modo, rendeva impossibile che l’uno venisse comunque ridotto dall’altro al livello di mero oggetto. Se “non provavano vergogna”, vuol dire che erano uniti dalla coscienza del dono. San Giovanni Paolo II, “Teologia del corpo”

Quanto temiamo quell’Amore vero! L’amore che impegna, che ci spinge ad essere esseri migliori e più virtuosi e a capire che la “protezione” migliore è vivere una vita casta; quell’amore, quella carità che è “paziente, è benigna la carità; non è invidiosa la carità, non si vanta, non si gonfia, non manca di rispetto, non cerca il suo interesse, non si adira, non tiene conto del male ricevuto, non gode dell’ingiustizia, ma si compiace della verità”. Sì! Quell’Amore che “tutto copre, tutto crede, tutto spera, tutto sopporta” (1 Corinzi 13:4-7). Oggi si vede tanta paura! Abbiamo bisogno di molto coraggio e spirito per condurre una vita casta, ma una volta che si fa la promessa (e il sacrificio), i frutti sono incredibili e riempiono il tuo cuore per l’eternità!

Quel vero Amore è ciò che Dio ci insegna e ci chiama a vivere. “Egli ci ha amati per primo” (1 Giovanni 4:19). Similmente a come Dio ci mostra in molti modi quanto ci ama (cosa che dobbiamo imparare a riconoscere con reverenza), è un dato di fatto che anche noi condividiamo questi gesti d’amore con il nostro altro significativo. A questo proposito, diventiamo (siamo!) un riflesso dell’amore di Dio per il mondo, brillando attraverso la Sua purezza e felicità nelle nostre relazioni umane.

Ecco 25 gesti dell’Amore che Egli ci chiama a vivere:

1 Lungi abbracci

2 Godersi dei momenti speciali e unici insieme

3 Baci sulla fronte

4 Prendere la sua mano mentre camminate

5 Ridere

6 Parlare del vostro futuro insieme

7 Cenare in luoghi in cui non bisogna pagare

Pagine: 1 2 3

Tags:
castità
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni