Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 04 Agosto |
Sant'Aspreno
home iconStile di vita
line break icon

La tua vita ti sembra monotona?

© Monica Arellano-Ongpin

padre Carlos Padilla - pubblicato il 04/12/14

Come possiamo essere stanchi se la vita sfugge rapidamente? Abbiamo bisogno di toccare l'amore e di donarlo, di accendere il fuoco sopito

Penso a ciò che ci ha detto papa Francesco parlando dell’importanza di dare luce con la nostra testimonianza e di non stancarci mai: “Testimonianza, affinché la luce brilli e non sia nascosta in camera. Che brilli la luce! Che vedano le opere buone che compie il Padre, attraverso di noi, ovviamente. Testimonianza, perché chiedano: ‘Perché vivete così?’. Coerenza di vita. Camminare: camminanti e non erranti. E fare attenzione alla tentazione della stanchezza”.

Quando ci stanchiamo ristagniamo. Smettiamo di essere quell’acqua che scorre. Smettiamo di dare vita e speranza. Quando è facile stancarsi di essere fedeli, di essere testimoni, di dare vita! La sorte del profeta è dura, esigente, stanca.

È più facile stare tranquilli e non fare nulla. È più facile non essere testimoni che esserlo. È più facile lasciare che l’acqua non scorra. Si soffre meno. Penso che la vita che si custodisce per sé si perda, imputridisca. Penso che l’acqua trattenuta non serva a nulla. Non guarisce la vita degli uomini.

I poeti, gli artisti, i bambini, i pazzi vedono il mondo da un’altra prospettiva. Portano acqua nuova. Ci danno vita nuova. Sono i profeti attraverso i quali Dio ci parla.

Una poesia che ho trovato mi ha dato un po’ di luce, ha portato un po’ d’acqua all’anima: “Giorni azzurri d’inverno, soffia il vento. / Sole e nubi. / Pace, non sento / corre l’anima, luce senza volo, / calma lo scorrere delle acque. / Fonte, mare, barca e torrente. / Non voglio sentire il fuoco ma perdermi nel tuo grembo. / Signore della mia vita, vieni. / Anche se mi costa averti, trattenerti è il mio desiderio. / Con le mani che non afferrano, con i piedi che non sfuggono. / Vieni, Signore, non lsciarmi. / Il tuo calore calmi il freddo. / Luce e pietra, fiume e montagna. / Come dimenticarmi del cielo?”

Vogliamo essere fiume, alveo, ponte, acqua, fonte, pozzo. Vogliamo essere di Dio e far sì che i giorni di molte persone siano azzurri in inverno. Vogliamo che molti riposino e bevano nel nostro pozzo profondo.

Penso che la nostra vita sia fiume, sia nube, sia vento. Penso che ciò che facciamo è molto, e anche così è solo una goccia nell’oceano. Penso che siamo tempio e montagna, roccia sicura e vento.

Penso che l’acqua scorra e ci guarisca. L’acqua degli altri. L’acqua di Dio. La nostra stessa acqua. Vedo che l’acqua purifica il cuore. Forse abbiamo paura dell’acqua.

Nel Battesimo siamo stati immersi nell’acqua. Affondati nel seno dell’oceano per ricevere Cristo. Abbiamo bisogno di tornare a immergerci nel mare di Dio. Abbiamo la vocazione di fiume che porta al mare.

L’acqua scorre o ristagna. Siamo fiume o siamo stagno. Dipende da noi. Navighiamo verso il mare, non ci fermiamo alla costa. Ma quanto ci risulta facile stancarci di essere santi!

Ci stanchiamo di dare vita, di sforzarci, di aspirare alle vette, di dover soddisfare le aspettative di coloro che si aspettano tanto da noi. Fino a quando bisogna dare?

Ci sono persone che vivono stanche di dare, di essere generose, di aspirare a vivere sempre con il Signore. Scivolano pesantemente lungo la vita, chiedendo permesso alle loro gambe per camminare. Non fanno progetti. Si sentono come pensionati in anticipo dalla propria vita. Per questo, si limitano a vivere in modo pigro.

A volte corro il rischio di trasformarmi in questo stagno e di smettere di essere fiume. Quando non permetto che arrivino a me nuove correnti. Quando voglio essere roccia, terra secca. Quando divento statico e freddo. Roccia quieta, esanime. Senza vita.

Al Sinodo della famiglia, papa Francesco ha parlato della “tentazione dell’ irrigidimento ostile, cioè il voler chiudersi dentro lo scritto (la lettera) e non lasciarsi sorprendere da Dio, dal Dio delle sorprese (lo spirito); dentro la legge, dentro la certezza di ciò che conosciamo e non di ciò che dobbiamo ancora imparare e raggiungere”.

  • 1
  • 2
Tags:
stile di vita
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
MADELEINE PAULIAC
Sandra Ferrer
La dottoressa che aiutò a partorire delle suore violentate
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
NEWBORN, GIRL
Annalisa Teggi
Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non a...
4
MAN, ALZEHIMER, WOMAN
ACI Digital
Cosa accade all’anima di una persona che ha l’Alzheim...
5
Gelsomino Del Guercio
Don Patriciello richiama Fedez che incita all’aborto: i pre...
6
JENNIFER CHRISTIE
Jeff Christie
Mia moglie è rimasta incinta del suo stupratore – e io ho accolto...
7
BISHOP BARRON
Francisco Vêneto
Il vescovo Barron mette in guardia sull’ideologia del testo...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni