Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 07 Marzo |
Sante Perpetua e Felicita
home iconStile di vita
line break icon

Le nuove sette virtù educative

© CLU_ISS

Gilberto Borghi - Vinonuovo.it - pubblicato il 26/11/14

Una visita a una parrocchia un po' particolare sulle colline riminesi mi ha fatto riflettere su alcuni tratti oggi indispensabili per una pastorale efficace

Oggi a casa con la febbre. Un po’ di bronchite e voce azzerata. E allora rifletto. Reduce da poco dalla visita a Monte Tauro, una piccola parrocchia di poche anime sulle colline Riminesi. Ma una parrocchia speciale. Lì, una quarantina di monaci e monache "dossettiani", da oltre trent’anni, hanno fatto una scelta strana. Ognuno di loro vive con una persona con grave disabilità, di quelli che nessuno vorrebbe mai averci a che fare. Ci mangiano, ci dormono, ci pregano, ci lavorano (fin dove si può) insieme. Ci vivono insieme. Ma la stranezza è anche un’altra. Questi stessi monaci gestiscono la parrocchia. E questa contaminazione è davvero singolare. E mi ha fatto riflettere, fino a evidenziare sette nuove virtù educative che oggi, forse, sono indispensabili per una pastorale efficace.

La prima di queste è l’essere "innamorati" di Cristo. Fa la differenza! Non esiste oggi, a mio avviso, nessuna possibilità di educare alla fede se, la Sua presenza non si dà in noi come gioia, dolcezza, pienezza di vita, prima e al di là di ogni altro carattere che la presenza di Dio possa suscitare in noi. Disabilitando ogni altra immagine di Dio, che non sia primariamente quella di Amore. A Monte Tauro questo si tocca con mano e si respira nell’aria. E attira giovani e adulti che popolano quella parrocchia ben oltre le appartenenze geografiche.

La seconda è un’altra "ì": essere "interi". Cioè essere capace di mostrare e vivere la fede non solo nella testa, ma anche nel cuore, e soprattutto nel corpo. E a Monte Tauro la fede è corpo sul serio, perché avere a che fare con un diversamente abile ti costringe a vivere nel corpo. Corpo che diventa luogo di ricucitura interna delle persone, dove i disequilibri tendono a scemare e la solidità delle persone viene in primo piano.. E oggi una fede che non aiuti la persona a ricucirsi dentro non è credibile oggi, da nessuno.

La terza virtù, è ancora una "i": essere "incarnati". Essere cioè sintonizzati sul proprio tempo storico e culturale, senza consegnarsi ad esso, certo, ma anche senza nostalgie di epoche passate ormai perdute, con l’orologio esistenziale puntato sul presente. E non è solo questione di saper usare internet o cose simili. Molto di più ha a che fare con il non aver ucciso, dentro di sé, il desiderio di vivere il presente che ci è stato regalato, così com’è, prima di giudicarlo o condannarlo, senza averne paura, perché è l’unico tempo che Dio ci ha dato da vivere. Qui a Monte Tauro nessuno vuole cambiare il mondo, perché ha capito che a dover cambiare è il proprio sguardo sul mondo.

La quarta virtù è vivere giocati sul filo della "gratuità". Siamo abituati a questa parola, ma forse, proprio per questo ne abbiamo perso il senso. Che non è quello di compiere azioni per il bene degli altri, principalmente. Ma di compiere azioni, che facendo il bene degli altri, sono però assolutamente non necessarie alla nostra vita. Per i monaci non è necessario amare un diversamente abile. Ma è ciò che dà valore e colore alla loro vita reale. E i parrocchiani lo sentono.

Quinta virtù. Oltre la gratuità, oggi un testimone è interessante se sa "condividere", prima e al di là delle parole che può dire. Cioè un educatore oggi, deve "partire da dove è l’uomo", qualsiasi sia la sua condizione. Mentre spesso noi continuiamo a pensare che per accedere alla fede, e crescere in essa, siano necessarie condizioni umani minimali, senza le quali la fede non può esistere. Oggi non può esistere più una fede fondata sulla cultura! Ma una fondata sull’esperienza del sentirsi amato, questa sì. Anzi. In questa logica, i più disponibili a riconoscere di essere amati sono proprio coloro che ne sono più lontani, i peccatori, gli esclusi. Ecco parchè la parrocchia a Monte Tauro dà l’impressione di una vera comunità. Dove la prima catechesi è far sentire amata la persona che arriva.

  • 1
  • 2
Tags:
virtu
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
Gelsomino Del Guercio
Prete morto per Covid: lo aveva “profetizzato” in una...
3
SANREMO, FIORELLO, AMADEUS
Annalisa Teggi
10 canzoni che hanno parlato di Dio dal palco di Sanremo
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
FETUS 3 MONTH,
Padre Maurizio Patriciello
Puoi parlare di aborto perché tua madre non ti fece trascinare vi...
6
MADONNA
Maria Paola Daud
La curiosa immagine della Vergine Maria protettrice dal Coronavir...
7
Paola Belletti
Laura Magli, giornalista Mediaset: “Mi sento così amata dal...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni