Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 25 Settembre |
San Cleopa
home iconNews
line break icon

Non è ancora un mondo a misura di bambino

© Daniel Zanini H.

La nuova Bussola quotidiana - pubblicato il 10/10/14

L'Occidente ha riempito i bambini di cose, ma non di rispetto per il loro sviluppo naturale

di Anna Bono

Nessuna civiltà aveva mai fatto tanto per i bambini, per la loro sicurezza, la loro integrità fisica e morale, la loro serenità. Nella civiltà cristiana occidentale il diritto a un’infanzia felice e protetta si è affermato indiscusso, reso attuabile nel tempo di pace e di benessere crescente seguito alla fine del secondo conflitto mondiale. Nel 1946, per promuovere tale diritto ed estenderlo a tutti i bambini del mondo, è nato l’UNICEF, Fondo internazionale delle Nazioni Unite per l’infanzia, e nel 1989 l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha approvato la costituzione della Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, divenuto il trattato in materia di diritti umani con il maggior numero di ratifiche: vi hanno infatti aderito finora 194 stati.

Quest’anno l’Unicef ne ha celebrato il 25° anniversario con una pubblicazione intitolata: “Il mondo è diventato un posto migliore per i bambini?”.

La risposta è affermativa, almeno se si considerano i numeri relativi a scolarizzazione, assistenza sanitaria, sicurezza alimentare. Tuttavia, dal 1946, milioni di bambini non occidentali hanno continuato, e continuano, a essere privati dell’infanzia: costretti da istituzioni millenarie a lavorare fin dai primi anni di vita, ad armarsi, combattere e uccidere, a sposarsi precocemente – le bambine cedute in matrimonio da una famiglia a un’altra in cambio di denaro – senza istruzione e cure mediche, condividendo con gli adulti condizioni abitative malsane, scarsità di risorse fino a patire la fame, tutti i rigori e i pericoli della guerra e dell’esodo forzato, sottoposti dai familiari a punizioni fisiche anche mortali, dovutamente inflitte per disobbedienze ritenute imperdonabili e irrimediabili.

L’ostacolo maggiore naturalmente era, ed è tuttora, la tradizionale concezione dei figli come proprietà, di cui disporre a discrezione, e dei bambini in generale come creature pre-sociali, di minor valore, persino sacrificabili agli adulti (“pre-persone”, per dirla con l’autore di fantascienza Philip Dick in un celeberrimo racconto): “conta sempre di più chi è nato prima” spiegava un anziano africano della costa swahili del Kenya per giustificare il fatto che, per tradizione tribale, i primi a mangiare devono essere gli uomini adulti e per ultimi i bambini, insieme alle madri, accontentandosi di quel che avanza.

L’Occidente, modello esemplare di sensibilità nei confronti dei più piccoli e vulnerabili, ha ritenuto quindi, e a ragione, di avere il dovere e il diritto di interferire nella vita delle famiglie e delle nazioni, oltre i propri confini, con iniziative a vari livelli in difesa dei bambini e per la affermazione dei principi universali espressi nella Convenzione: pressioni a livello governativo, campagne di denuncia, appelli internazionali, interventi umanitari per rimediare alla mancanza di risorse, di volontà e di impegno da parte di comunità e governi.

Quasi non ci si è accorti che, nel frattempo, qualcosa stava invece cambiando in Occidente, che, mentre restava salda e condivisa la promessa di procurare ai bambini ogni possibile bene materiale, non altrettanto lo era quella di salvaguardarne la dignità e lo sviluppo naturale: non se ostacolano rivendicazioni di libertà e di diritti, del tutto malintesi, eppure sostenute a costo di trasformare i bambini da persone, da soggetti dotati di diritti, in meri diritti essi stessi di qualcuno.

Su pressione di minoranze peraltro esigue, e tuttavia potenti, delle indicazioni ONU recepite dall’Unione Europea che, a sua volta, le traduce in direttive per gli stati membri, impongono come bene per i bambini attività sessuali praticate fin dall’asilo, partendo dalla masturbazione, e un precoce addestramento scolastico al sesso in qualsiasi sua forma, senza nulla escludere. L’ideologia del gender incita a manipolare i bambini fino a concepire di ritardarne la pubertà con la somministrazione di farmaci per consentire loro di scegliere a che sesso appartenere. Senza minimamente preoccuparsi delle conseguenze, si permette che dei bambini non nascano da un atto d’amore, ma vengano fabbricati su ordinazione, e che crescano privi del papà o della mamma, negando la necessità che siano allevati in famiglie naturalmente formate da un uomo e da una donna.

  • 1
  • 2
Tags:
infanzia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
5
Gelsomino Del Guercio
Scandalo droga e festini gay con il prete: mea culpa del vescovo ...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni