Aleteia
domenica 25 Ottobre |
Santi Crispino e Crispiniano
News

Dare un'anima all'Expo

© Godong

Popoli - pubblicato il 08/10/14

Nel grande evento dedicato all'alimentazione cosa c'è oltre l'aspetto economico?

di Francesco Pistocchini

Un «grande pretesto»: sintesi ingenerosa per una iniziativa che metterà Milano e l’Italia a un crocevia della globalizzazione? A pochi mesi dall’inaugurazione di Expo (1º maggio – 31 ottobre 2015), se ci si sofferma sulle cronache giudiziarie che toccano l’evento, sulle ambiziose promesse di infrastrutture connesse, o anche solo sui ritardi dei lavori, parrebbe di no. Ma se si pensa al tema, «Nutrire il Pianeta, energia per la vita», non si può negare che la prossima Esposizione universale racchiude una potente carica di novità. E l’evento milanese promette di essere un «grande pretesto» anche per mettere al centro della riflessione mondiale temi cruciali di giustizia e lotta alla povertà.
«La prospettiva che il tema schiude riguarda tutta l’umanità e va a toccare temi profondi – osserva Luciano Gualzetti, vicedirettore di Caritas ambrosiana che, con Caritas Internationalis, è partner di Expo -. Coinvolge scienza, tecnica, ma anche una dimensione antropologica. La domanda è come la Terra possa nutrire tutti coloro che ospita e hanno diritto a vivere con dignità».

La vittoria milanese nella gara per organizzare l’Esposizione arrivò nel 2008, in un momento di esplosione dei prezzi di molti generi alimentari. L’impatto su milioni di persone ha significato impoverimento e aumento dei sottonutriti. Un pianeta con 7 miliardi di abitanti, in grado di produrre cibo per un numero molto maggiore, ha circa 850 milioni di persone affamate o sottonutrite (dati Fao), a fronte di circa 500 milioni che soffrono di obesità (ancora più numerose sono le persone sovrappeso, ricorda l’Oms).

Sei mesi di Expo diventano allora un’occasione irripetibile per accendere i riflettori su una situazione paradossale. «È l’occasione per spingere tutti a domandarsi che cosa abbiamo costruito fino a oggi – continua Gualzetti -, se abbiamo messo a disposizione le risorse della Terra per una vita dignitosa». Domanda imprescindibile per un pianeta che tra vent’anni avrà 9 miliardi di abitanti e reagisce troppo lentamente ai cambiamenti climatici. Per questo le 164 Caritas di tutto il mondo hanno deciso di aderire, «per ricordare a tutti quelli che partecipano che viviamo in un momento storico in cui il divario tra ricchi e poveri sta crescendo e che l’alimentazione è un diritto umano fondamentale», come ricordava il cardinale Maradiaga dell’Honduras, presidente di Caritas Internationalis. La Campagna globale contro la fame, «Una sola famiglia umana, cibo per tutti», lanciata nel 2013, è un esempio delle dinamiche che l’Expo sta mettendo in moto. Il 19 maggio 2015 delegati da tutto il mondo si ritroveranno per presentarne gli esiti: un contributo che parte dal basso, perché membri di Chiese locali e missioni, volontari che vivono a contatto con i problemi, racconteranno il loro percorso. Lo scopo è di invitare tutti i Paesi del mondo ad adottare una legislazione quadro sulla sicurezza alimentare, cioè sulla garanzia di un’alimentazione adeguata per tutti.

Sud del mondo, la prima volta
La presenza estesa dei Paesi del Sud del mondo è una delle novità della prossima edizione. Il tema aveva convinto Stati poveri e in via di sviluppo ad affidare agli italiani l’organizzazione dell’evento. La candidatura milanese era accompagnata da promesse di aiuti e stimoli allo sviluppo tali da risultare la più convincente. Nel «paniere» degli impegni presi si è inserito di tutto, mettendo a frutto anche progetti ed esperienze che già esistevano del mondo accademico milanese, delle Ong, del volontariato. Da allora grandi visioni hanno accompagnato i progetti di realizzazione del sito espositivo. Mentre la cronaca registrava ogni giorno scontri di interessi politici ed economici (i terreni per il sito espositivo sono stati comprati solo nel 2013), la riflessione su quale modello di proposta avanzare non si è fermata. L’idea originaria di un grande orto botanico non ha trovato sviluppi. Un compromesso si è raggiunto intorno alla riproposizione di padiglioni nazionali che, come da tradizione, sono lo strumento per attirare milioni di visitatori. Ma le novità non mancano.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
alimentazioneambienteexpo 2015
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
POPE FRANCIS AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
La fake news sul Papa che giustifica le union...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
fedez don alberto ravagnani
Gelsomino Del Guercio
Fedez e don Alberto Ravagnani: confronto su s...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni