Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La storia di Jamal, cresciuto tra le braccia del Bambino Gesù

© ORLANDO SIERRA / AFP
HONDURAS, Tegucigalpa : A child during a program of the NGO Compartir, in Tegucigalpa on August 29, 2014. Honduran children migrate illegally to the US to prevent being recruited by youth gangs. The NGO seeks oportunities for Honduran youths. AFP PHOTO/Orlando SIERRA
Condividi

Abbandonato dai genitori a sei mesi, è diventato uomo grazie a uno speciale progetto educativo

Aveva sei mesi e i genitori lo lasciarono lì, al reparto di pediatria del Bambino Gesù di Roma, perché afflitto da una grave patologia neurologica che colpisce l’intestino.

Da allora l’ospedale lo ha "adottato" e cresciuto come un figlio, fino ad assumerlo come dipendente dopo la lunghissima degenza. E se lo scorso anno ha potuto diplomarsi come ragioniere, racconta, "è stato solo grazie alla Scuola in ospedale".

E’ la commovente storia di Jamal Jebli raccontata su Repubblica (21 settembre). Jamal oggi ha 20 anni, abita a San Giovanni (Roma) e consegna la posta ("ma in realtà sono un tuttofare") all’ospedale dove ha vissuto per 18 anni della sua vita.

Educazione in ospedale
Un’esperienza che oggi nella capitale conta 23 sezioni in reparto, divise fra cinque ospedali, che si avvalgono di docenti di scuole partner, come il Virgilio e il Virgilietto per il Bambino Gesù, per permettere a bambini e ragazzi ricoverati di continuare il loro percorso scolastico.

Mai più solo
Di questa esperienza in continua evoluzione – spiega, sempre su Repubblica, Alberto Antinori, prof del Virgilietto che nell’89 introdusse le medie al pediatrico del Gianicolo – "Jamal è la personificazione del successo: il suo percorso è stato il banco di prova di tutte le nostre iniziative". Jamal fra le mura del Bambino Gesù ha fatto dalla prima elementare alla quinta superiore, "anche se negli ultimi anni – racconta – quando stavo un po’ meglio, qualche volta in classe andavo, a via delle Fornaci". Anche lì, a accompagnarlo erano volontari dell’ospedale, a cominciare da padre Mario, il cappellano.

Sono loro che – insieme ai docenti – hanno portato il mondo esterno in ospedale per Jamal: lezioni d’informatica, film, tanta amicizia e… una sorpresa speciale: l’incontraro con il suo idolo, Francesco Totti. "E per un romanista sfegatato come me – racconta il ragazzo, originario del Marocco – è stato il top". 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.