Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 26 Gennaio |
Santi Timoteo e Tito
home iconChiesa
line break icon

I "consigli" di Wojtyla per essere un buon arcivescovo

© GIANCARLO GIULIANI/CPP

<span class="standardtextnolink">July 30, 2002: Pope John Paul II celebrates a Mass and Canonization of Blessed Hermano Pedro de San Jos&Atilde;&copy; de Betancourt, Guatemala City.</span>

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 23/09/14

Nel 1964, nei suoi quaderni segreti, il futuro papa polacco elaborò un (profetico) pensiero anche sulle persecuzioni e il peccato

Il 1964 è un anno importante per Karol Wojtyla. Diventa, infatti, arcivescovo metropolita di Cracovia, seconda città della Polonia. Nel volume "Sono tutto nelle mani di Dio", appunti personali di Giovanni Paolo II, edito dalla Libreria Editrice Vaticana, quella svolta nella vita del futuro papa polacco è condensata negli esercizi spirituali a Jasna Góra (il santuario che contiene l’icona miracolosa della Madonna di Częstochowa), guidati da monsignor Kazimierz Józef Kowal­ski (31 agosto – 3 settembre 1964). 

Monsignor Wojtyla scriveva nei suoi appunti personali che «l’uomo e ancora di più il sacerdote/vescovo è "doulos", lo schiavo di Dio». Perché l’ottenimento della Grazia dipende totalmente e unicamente dalla benevolenza e dalla misericordia divina.   

IL POTERE DI CRISTO
Nell’episcopato, secondo l’arcivescovo di Cracovia «si dovrebbero unire la paternità e la maternità: la partecipazione del Cuore Divino di Gesù e del Cuore di Maria. Questo si esprime nella cura dei più bisognosi sia nell’anima, sia nel corpo». Il vescovo partecipa al «potere di Cristo». Lo stile giusto per esercitare questo potere è quello pastorale «come ha sottolineato Giovanni XXIII».

L’AMORE UNIVERSALE
Da qui una serie di indicazioni dell’attività episcopale, come «l’importanza della verità nella vita e nell’attività del vescovo», l’amore, che deve essere «universale, non particolare e non può creare divisioni». Deve essere «servile», poichè «il servizio a quanto pare, nel modo migliore, indica l’amore». Infine deve »perdonare».

ODIARE IL PECCATO
Wojtyla sostiene che «ognuno di noi è peccatore e lo sono anche i vescovi». Il peccato è un «peso grande» e può, prima di tutto, «far crollare» tutta la Chiesa e in particolar modo la propria diocesi. «Perciò è indispensabile l’odio per il peccato». Per sconfiggerlo, consiglia il futuro Pontefice, «non basta solo rimproverare e distruggere, ma bisogna sempre introdurre degli ideali positivi».

IL PERICOLO DELLE PERSECUZIONI
Una delle strade prioritarie attraverso «entra» il peccato sono le persecuzioni. Un messaggio quasi profetico se si pensa a ciò che sta accadendo oggi ai cristiani in Iraq. Non bisogna «mollare» di fronte alle persecuzioni, ammonisce l’arcivescovo di Cracovia, che poi chiarisce il rapporto tra il vescovo e il peccatore. «Il vescovo deve avere il cuore aperto, accettare anche umiliazioni dalla bocca dei peccatori» e credere nella «vittoria della Grazia sul peccato. Il nostro compito è portare la Grazia – sottolinea – e non arrendersi di fronte a nessun peccato».  

L’OTTIMISMO E LA SPERANZA
Centrale per il vescovo è la figura della Madonna. «La partecipazione alla fede di Maria è l’unica strada di fronte ai rischi e alle minacce per la fede». Maria è colei che infonde «speranza» ai pastori diocesani. «Viviamo la speranza? – si domanda Wojtyla – Ci appoggiamo fondamentalmente e totalmente sulla Grazia di Dio? Con quale stato d’animo  torna la gente dopo aver avuto un contatto con noi? Se rimangono contagiati dell’ottimismo del vescovo, abbiamo compiuto il servizio della speranza». Tutto questo è possibile se «dentro di noi c’è la forza di Cristo, al modo di Maria». 

IL GIRO NEI SANTUARI
Quell’anno l’arcivescovo polacco fece tappa più volte in Italia. Andò a Roma, in particolare dalle suore Feliciane, e ai santuari di San Michele Arcangelo a Monte Sant’Angelo (provincia di Foggia), di Montevergine (provincia di Avellino), San Giovanni Rotondo (San Pio era ancora in vita, poiché morì nel 1968) e Lanciano. 

Tags:
recensioni di librisan giovanni paolo iisanti e beati
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
4
Perdonare
Bret Thoman, OFS
I 4 passi del perdono secondo un esorcista
5
Silvia Lucchetti
A 18 anni, sola in ospedale: il pianto di un neonato mi ha ridato...
6
Tzachi Lang, Israel Antiquities Authority
John Burger
Un'iscrizione che riporta “Cristo nato da Maria” ritrovata in un'...
7
WOMAN,OUTSIDE,BORED
Gelsomino Del Guercio
Soffri di accidia? Scoprilo e segui i rimedi di un monaco del IV ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni