Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 30 Ottobre |
San Marciano di Siracusa
home iconStile di vita
line break icon

Il gusto di ricominciare

© luminaimages/SHUTTERSTOCK

Vinonuovo.it - pubblicato il 18/09/14

Non possediamo la bacchetta magica per risolvere i problemi della scuola. Ma abbiamo gli ingredienti per rendere l'inizio qualcosa di bello

I primi giorni di scuola sono come l’inizio di una vita nuova, soprattutto quando si tratta di cominciare un ciclo di studi. C’è una preparazione "magica" a quel momento fatta dalle raccomandazioni dei genitori, dai consigli di parenti e amici, dal comprare zaini, astucci, quaderni, diari. Tra i tanti da ricordare ci sono coloro che incontrano per la prima volta questo mondo che abiteranno per anni fino alla maturità: l’inizio delle scuole elementari o primarie!

Come non pensare all’eccitazione mista a timore per una nuova avventura, nell’affrontare quell’esperienza di cui in famiglia ci avevano parlato tanto e avere la netta sensazione, forse per la prima volta, di essere cresciuti davvero. Mettere lo zaino in spalla è quasi indossare una tuta spaziale per un viaggio senza confini, un percorso lungo ed impegnativo verso mete più o meno conosciute. A quell’età, nel pianeta scuola, incontri – quasi fossi un novello "Piccolo Principe" – una figura straordinaria di cui avevi solo sentito parlare nei racconti degli altri: la maestra o il maestro! In quel momento scopri che la tua famiglia ha già fatto un passo indietro e i tuoi 5-6 anni di esperienza di vita sono tutto quello che hai per affrontare quelle ore in classe. Non sei solo e di questo ti rendi subito conto, circondato dai tuoi coetanei più o meno spaesati come te, quelli che sono i tuoi primi compagni di classe!

È una vera e propria realtà da scoprire, tutto nuovo e da imparare, l’inizio delle rivoluzioni della vita di una donna e di un uomo in miniatura, una rivoluzione silenziosa pure per il mondo intero, poiché ogni cucciolo che comincia il suo cammino scolastico e a studiare, potrebbe essere domani colei o colui che lo cambierà nelle piccole o grandi cose. Da parte delle famiglie, degli insegnanti, del personale scolastico si richiede, dunque, la creazione di un contesto significativo, accogliente, creativo, a misura di bambino, coinvolgente, promuovente, ludico, formativo; si tratta di fare della scuola, in un periodo unico e speciale, un luogo dove seminare sogni ed insegnare a coltivarli perché diventino progetti di vita. Certo questo ha un costo, richiede fatica, investimento di energia e denaro, una politica favorevole, capacità educative notevoli, doti morali e umane su cui investire; ma una società che non scommette tutto e il meglio sulla porzione più delicata della gioventù, che futuro potrà mai avere?

Poi i "cuccioli" diventano "grandi" e acquistano uno sguardo diverso sui primi giorni di scuola, più ironico e originale, come quello della liceale Sabrina che sul suo diario on line scrive: «Cosa volete insegnarci andandovene, vacanzacce? Quale morale sperate ne ricaviamo? Che tutto finisce, che i limiti permettono di vivere intensamente le cose, che tutto è un gran regalo che dobbiamo gestire con raziocinio? Vorreste dirci coi vostri occhietti socchiusi che vi dobbiamo un po’ di saggezza, che ve ne andate per farci apprezzare il vostro valore? Ma per favore, vecchie bacucche insabbiate! Chi vi trattiene? Andate pure. Tanto noi ci rifaremo con i sabati e le domeniche, Natale, Pasqua, Capodanno, piogge torrenziali, febbri e starnuti, motivi di famiglia, mal di pancia colossali. Tanto noi dalla settimana prossima ci alzeremo dignitosamente tutte le mattine col sorriso fiero e smagliante e non vi daremo la soddisfazione di mezzo sbadiglio. Tanto studieremo vogliosamente dalle quattro alle otto, presi da tomi di dimensioni bibliche da non vedere neanche il calare del sole. Tanto rideremo delle verifiche incastrate come a "Tetris" ogni giorno in modo da creare settimane infernali. Tanto brinderemo alla vostra assenza col sudore delle nostre fronti».

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
scuola
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
Timothée Dhellemmes
Seconda ondata di Covid: in Europa il culto c...
Lucandrea Massaro
Sale il numero di morti nell'attentato di Niz...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
ERIN CREDO TWINS
Cerith Gardiner
“Dio ha senso dell'umorismo”: coppia di genit...
EMILY RATAJKOWKSI
Annalisa Teggi
Emily Ratajkowski: scoprirò il sesso di mio f...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni