Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 09 Marzo |
San Giovanni di Dio
home iconChiesa
line break icon

Come credere in Dio quando è morta una persona cara?

© SHUTTERSTOCK

padre Carlos Padilla - Aleteia - pubblicato il 11/08/14

Ci sono momenti molto duri che fanno vacillare la fede

Il dolore e la tristezza per la perdita di una persona cara possono turbarci. In quei momenti possiamo allontanarci da Dio, ribellarci alla sua volontà, fuggire dalle sue braccia.

Ecco che Gesù ci mostra il suo dolore. È turbato, con una profonda tristezza nell’anima. Suo cugino, Giovanni il Battista, è stato ingiustamente decapitato. Che tristezza profonda doveva esserci nel suo cuore! Gesù si ritira cercando la solitudine, cercando Dio: «In quel tempo, quando Gesù udì della morte di Giovanni Battista, partì su una barca e si ritirò in disparte in un luogo deserto».

Giovanni è morto. Lo amava e lo ammirava, e ora non c’è più. Non ha potuto salvarlo come avrebbe poi fatto con Lazzaro. Ora Gesù ha bisogno di stare solo, di guardare dentro se stesso. Si ritira a pregare. Vuole pace. Desidera stare tranquillo.

Il dolore profondo ci fa cercare il silenzio e la tranquillità. Quei luoghi in cui il cuore riposa nella roccia ferma che è Dio. Gesù cerca la solitudine. Gesù, uomo e Dio, ha bisogno di riposare in suo Padre. Ha bisogno di rientrare in sé e approfondire tutto ciò che sta accadendo.

Quanta poca interiorità ha l’uomo di oggi! Viviamo verso l’esterno, riversati sul mondo, senza tempo per meditare sulla vita. Gesù sale su una barca e cerca un luogo solitario. Ha bisogno di allontanarsi dalla costa, di parlare con suo Padre nell’intimità, di piangere, riposare in Lui, mettere la testa sul suo petto, darsi tempo per perdonare e per soffrire.

Non c’è più l’amico più fedele, colui che ha dato la vita per aprirgli la strada, che ha esortato generosamente i suoi discepoli ad abbandonarlo per seguire Lui, che non ha potuto essere suo discepolo. Gesù sente che senza Giovanni è più solo. Si allontana sulla barca per stare un po’ da solo. Forse si sarebbe ritirato in un luogo appartato o avrebbe navigato più a largo in quel lago che per lui era familiare.

Mi piace vedere Gesù in silenzio, solo, che medita, che cerca. Mi piace immaginare i suoi dialoghi profondi con suo Padre. Cosa sarebbe accaduto in quella preghiera? Avrebbe parlato al Padre della sua impotenza, del suo dolore, avrebbe reso grazie per la vita di Giovanni, avrebbe pianto perché lo amava e fa male continuare a camminare senza di lui. Cerca suo Padre perché si rende conto di quanto è accaduto. Sarebbe rimasto in silenzio, ascoltando. Avrebbe chiesto la pace in un mondo violento.

Questo atteggiamento di Gesù è un invito per il mese di agosto. Gesù si ritira a pregare, cerca la solitudine. Magari in questi giorni d’estate potessimo trovare momenti di riposo, di pace, di preghiera. È necessario guardare al periodo che abbiamo vissuto e cercare le orme di Dio nella nostra vita. Dio ha cura di noi nel cammino. Dio ci viene incontro. Vogliamo ringraziarlo per il suo affetto e la sua vicinanza. Vogliamo mettere nelle sue mani i nostri dolori e le nostre frustrazioni. Vogliamo lasciare che sia Lui a sostenerci.

È positivo allontanarci dalla riva dell’anno trascorso, per avere momenti in cui la nostra anima riposi in Dio, in cui possiamo stare a tratti in silenzio, raccontandogli ciò che ci pesa e ciò che ci fa gioire, le nostre perdite e i nostri sogni. Magari trovassimo come Gesù un luogo in cui stare in pace in modo speciale. Forse camminando, o davanti a un’immagine, o al mare, o in montagna.

Nella nostra vita mancano luoghi solitari. Le esigenze della nostra famiglia, del lavoro, degli impegni… Non abbiamo spazi per la solitudine. Gesù ha provato compassione. Non c’è nulla che io possa provare che Egli non comprenda perché lo ha vissuto.

Una persona scriveva in un momento di dolore e turbamento:

  • 1
  • 2
Tags:
fedemorte
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Lucandrea Massaro
Blasfemia a Sanremo: “Perché mi percuoti?”
2
MAN, DARKNESS, FACE
Annalisa Teggi
Quando al diavolo scappò detto cosa può davvero fare la preghiera
3
SANREMO, FIORELLO, AMADEUS
Annalisa Teggi
10 canzoni che hanno parlato di Dio dal palco di Sanremo
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
6
FETUS 3 MONTH,
Padre Maurizio Patriciello
Puoi parlare di aborto perché tua madre non ti fece trascinare vi...
7
Franciscan Mission of Legnano
Cerith Gardiner
Gustatevi la gioia di questi frati e suore francescani che ballan...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni