Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 08 Dicembre |
Immacolata Concezione
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Come dovrebbero rispondere i genitori al “coming out” di un figlio?

large family shadow – it

Carissa Rogers

Legatus Magazine - pubblicato il 09/08/14

Amore incondizionato, fede e speranza

di Daniel Mattson

Le domande più impegnative che mi vengono poste quando parlo dell’insegnamento della Chiesa sull’omosessualità provengono da genitori che seguono gli insegnamenti della Chiesa e hanno un figlio o una figlia che ha fatto “coming out” e si è identificato come gay o lesbica. Ecco ciò che dico loro.

Amore incondizionato. Quando un figlio si rivela, deve sapere che non lo respingerete e che il vostro amore per lui non cambierà mai, indipendentemente dalle sue scelte. Naturalmente l’amore non può essere cieco di fronte alla verità della Chiesa, ma prima di parlare della verità, un figlio ha bisogno di sentire amore incondizionato.

Ascoltare. E poi ascoltare un po’ di più. Poi fare silenzio. Poi ascoltare un po’ di più. Fino a che non si è vissuta un’attrazione dello stesso sesso, non è possibile comprendere pienamente lo sconvolgimento interiore, l’isolamento e la paura della solitudine e del rifiuto che ha vostro figlio. Vostro figlio saprà che il vostro amore è autentico dal vostro tentativo di comprendere la sua esperienza – senza interrompere o condannare.

Le prediche sull’immoralità degli atti omosessuali hanno fatto cambiare raramente – se è mai successo – idea a qualcuno. Se siete cattolici devoti, vostro figlio potrebbe temere che la vostra prima risposta sia dirgli che questo lo porterà all’inferno. Sentire un linguaggio di questo tipo in genere lo allontanerà da voi e dalla Chiesa. Lo porterà ad abbracciare una comunità che lo affermerà nella sua nuova identità e confermerà ciò che dicono alcuni: che voi e la Chiesa siete dei bigotti da ignorare.

Prima di esortare un figlio o una figlia a cercare la via della verità, educate voi stessi, ascoltate altri che si sono già trovati in questa situazione e cercate aiuto. EnCourage, il braccio di sostegno familiare dell’apostolato del Coraggio, è il luogo migliore in cui trovare aiuto. Il supporto è fondamentale!

Capite che Dio ha permesso questo nella vostra vita e in quella di vostro figlio per la vostra santificazione collettiva. La fiducia totale nella Provvidenza divina può essere difficile quando un figlio fa “coming out”. Padre John Harvey, fondatore dell’apostolato del Coraggio, ha sottolineato che la virtù più difficile da acquisire è “l’accettazione generosa della volontà di Dio”. Dio ha permesso l’attrazione dello stesso sesso nella mia vita come mezzo che ha rivelato la mia totale necessità di lui. Per i genitori, l’attrazione per persone dello stesso sesso del proprio figlio è un mezzo attraverso il quale Dio li invita al totale abbandono alla Provvidenza divina. Ricordate che Dio fa sì che tutto concorra al bene (cfr. Rm 8:28).

Dio vuole che vi preoccupiate più della vostra crescita nella santità che di quella di vostro figlio. Più siamo fedeli a Cristo e agli insegnamenti della sua Chiesa, più saremo strumenti efficaci nelle sue mani per il bene spirituale di altri. Chiedete allo Spirito Santo un aumento dei doni della saggezza, della comprensione e del giusto giudizio. Offrite i meriti del Santo Sacrificio della Messa per la liberazione e il benessere di vostro figlio.

Il modo migliore per aiutare la salvezza di vostro figlio è il dono della sofferenza redentrice. Nello splendido paradosso esistente nella redenzione divina, ciò che è più doloroso nella nostra vita diventa ciò che porta al risultato più gioioso. Attraverso la sofferenza redentrice, ad esempio, il dolore provocato dalle scelte di un figlio diventa il mezzo mediante il quale un genitore può amarlo con un amore come quello di Cristo e aiutarlo a tornare alla casa del Padre.

“Non disperate, perché siamo un popolo pasquale, e l’alleluia è il nostro canto”
. Rifiutatevi di vivere nel passato o nel futuro, le due regioni gemelle della disperazione. Cristo ci dice di vivere nel presente, perché l’oggi è l’unico luogo in cui si trova la pace e la grazia è disponibile per noi. Ripercorrete onestamente la vostra relazione con vostro figlio e cercate il perdono per le mancanze passate, ma evitate di rammaricarvi o di biasimarvi per l’attrazione per lo stesso sesso che prova vostro figlio. Allo stesso modo, bandite tutte le paure nel futuro incerto.

Vivete sempre con speranza. Le preghiere esaudite di Santa Monica per il figlio Sant’Agostino dovrebbero dare speranza ai genitori. Anche la conversione sul letto di morte di Oscar Wilde dovrebbe ispirare speranza. Sono certo che la sua salvezza sia stata dovuta all’insistenza della madre affinché fosse battezzato nella Chiesa cattolica e alle sue continue preghiere per lui.

Infine, cosa più importante, aspettate il Signore. Permettete a Dio di agire e, nella “pienezza del tempo”, aspettate con “speranza gioiosa” e con trepidazione il momento in cui Dio rivelerà il suo potere salvifico nella vita di vostro figlio.

Per un aiuto ulteriore, visitate il sito web dell’apostolato del Coraggio: CourageRC.net.

——-
Daniel Mattson lives in the Midwest, where he has a career in music. He blogs about issues regarding Catholicism and homosexuality at LettersToChristopher.wordpress.com. He can be contacted for speaking engagements at letterstochristopherblog@gmail.com.

[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
figliomosessualità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni