Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 08 Marzo |
San Giovanni di Dio
home iconApprofondimenti
line break icon

Non è un mondo per cristiani

Xosé Arsenio Coto / Flickr / CC

Giuseppe Savagnone - Vinonuovo.it - pubblicato il 25/07/14

Sulla scarsa attenzione intorno alle notizie drammatiche sulle persecuzioni che continuano ad arrivare dall'Iraq e dalla Nigeria

Ci sono violenze in cui è difficile separare nettamente il ruolo dei carnefici da quello delle vittime. All'opinione pubblica mondiale, giustamente impressionata dal massacro di civili e dalle devastazioni indiscriminate di cui è responsabile in questi giorni l'esercito israeliano nella striscia di Gaza, non può sfuggire che questa azione militare si inserisce in una folle faida pluridecennale, in cui la posta in gioco è stata ed è, dichiaratamente, da parte palestinese, l'annientamento dello Stato d'Israele. Una faida che, peraltro, ha avuto il suo ultimo rilancio con l'assassinio di tre ragazzi ebrei e una pioggia di razzi lanciati da Hamas su obiettivi civili.

Reciprocamente, a chi (come alcuni notissimi giornalisti italiani) fanaticamente identifica le critiche alla politica israeliana con un'ennesima manifestazione di antisemitismo e considera l'operazione in corso un legittimo atto di autodifesa, è facile ricordare le innumerevoli vessazioni a cui Israele ha sottoposto in questi anni – e continua a sottoporre – uomini, donne e bambini palestinesi anche in tempo di "pace" e l'inaccettabilità di uno stile che ricorda purtroppo quello di cui gli stessi ebrei sono stati vittime al tempo del nazismo.

Ferma restando la solidarietà con gli innocenti che, dall'una e dall'altra parte, scontano le responsabilità dei loro capi, si capisce la difficoltà che le persone di buon senso hanno nel condannare unilateralmente l'una o l'altra fazione in conflitto, chiudendo gli occhi sui torti dell'altra. Più che attraverso una simile presa di posizione a favore dell'uno o dell'altro, la pace si può raggiungere attraverso una "conversione" di entrambi (è quello che ha tentato papa Francesco qualche tempo fa) alla logica del dialogo.

Ci sono, però, violenze dove la contrapposizione tra carnefici da una parte e vittime dall'altra è più evidente e in cui sarebbe più possibile e necessario schierarsi dalla parte delle seconde contro i primi. Ma, stranamente, sono quelle di cui si parla di meno e alle quali l'opinione pubblica – a livello sia internazionale che italiano – guarda con minore attenzione, se non addirittura con aperto disinteresse.

Una di queste è la sistematica persecuzione dei cristiani in alcune aree del mondo, come l'Iraq e la Nigeria, ad opera di fanatici che deliberatamente si propongono la loro eliminazione fisica dai territori che essi controllano. In Iraq – ma anche nelle zone della Siria coinvolte dall'offensiva conquistatrice dell'Isil, l'autoproclamatosi califfato islamico che ora controlla questi territori – ai cristiani è stato posta la drastica alternativa tra convertirsi all'islam o abbandonare le loro case, le loro terre, il loro lavoro, senza neppure portare con sé i loro averi mobili. Altrimenti, la morte.

È l'estremo esito della dissennata avventura irachena di George Bush. Al tempo del tiranno (lo era veramente!) Saddam Hussein, i cristiani erano rispettati e costituivano una componente come le altre della società. Occupavano anche posti di responsabilità: il ministro degli esteri di Saddam, Tarek Aziz, era cristiano. Nella nuova situazione creatasi con l'intervento americano, tutti gli equilibri sono saltati. Saddam aveva sulla coscienza centinaia di migliaia di vittime innocenti, ma non sono state di meno quelle provocate dal caos seguito alla sua caduta. E, soprattutto, è venuta meno ogni possibilità di coesistenza tra le confessioni religiose del paese. E qui ci sono dei violenti che schiacciano degli inermi. Così, i cristiani iracheni, che dieci anni fa erano un milione e mezzo, ora sono ridotti a meno di trecentomila, costretti come sono a fuggire da territori dove erano radicati dall'epoca più antica del cristianesimo.

Un altro teatro delle persecuzioni nei confronti dei cristiani è la Nigeria, dove il gruppo terroristico islamico di Boko Haram imperversa distruggendo chiese e massacrando le persone. A destare l'attenzione dell'opinione pubblica mondiale è stato il rapimento di quasi trecento studentesse, con la minaccia di venderle come schiave. Ma questa è solo la punta dell'iceberg. «Nell'ultimo anno sono tremila i morti provocati dalle violenze di Boko Haram. Ogni giorno 800 persone sono costrette a scappare dalle proprie zone di residenza. È quanto emerge da un rapporto dell' Internal Displacement Monitoring Centre (Idmc), secondo il quale gli sfollati nigeriani ammontano ormai a 3,3 milioni di persone» (www.repubblica.it).

Tutto ciò avviene con la complicità di paesi islamici, alcuni dei quali amici dell'Occidente. Il portavoce della diocesi di Abuja ha dichiarato: «C'è un fiume di soldi che va a finanziare i Boko Haram: una ricerca indica che quasi chiaramente Arabia Saudita, Kuwait, Qatar, Iran mandano i soldi, danno la possibilità di formazione di questi islamisti, inviano armi che arrivano poi in Egitto, Libia, Tunisia e, da lì, scendono attraverso il Sahara per arrivare a noi, in Nigeria» (www.radiovaticana.va).

Non vorrei togliere una sola parola agli articoli e a servizi radiotelevisivi che si moltiplicano, in questi giorni, per denunziare le violenze perpetrate dagli israeliani a Gaza, come non mi sentirei di minimizzare l'angoscia di un popolo, quello israeliano, costantemente minacciato di distruzione. Ma mi chiedo perché – a parte lo scalpore determinato dal rapimento di massa delle studentesse nigeriane – si parli così poco, almeno nel nostro paese, della persecuzione sistematica delle minoranze cristiane, di cui ho citato sopra due esempi particolarmente drammatici. Si tratta, se non mi sbaglio, dell'unico caso di violenze determinate in modo prevalente – anche se non esclusivo (altri moventi, di un certo rilievo, sono presenti sullo sfondo) – da pura e semplice intolleranza religiosa. E questo dovrebbe indignare tutti, credenti di qualunque fede e non credenti.

Non so se questa indignazione porterebbe a misure concrete. Ma proprio il caso delle ragazze nigeriane ha mostrato che una presa di posizione massiccia dell'opinione pubblica è possibile e finisce per avere degli effetti, anche se non immediati. In ogni caso sarebbe un segno che, in un mondo occidentale così sensibile ai diritti, anche ai cristiani viene riconosciuto almeno quello di esistere.

Qui l'originale

Tags:
persecuzione cristiani
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
Lucandrea Massaro
Blasfemia a Sanremo: “Perché mi percuoti?”
3
SANREMO, FIORELLO, AMADEUS
Annalisa Teggi
10 canzoni che hanno parlato di Dio dal palco di Sanremo
4
MAN, DARKNESS, FACE
Annalisa Teggi
Quando al diavolo scappò detto cosa può davvero fare la preghiera
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
FETUS 3 MONTH,
Padre Maurizio Patriciello
Puoi parlare di aborto perché tua madre non ti fece trascinare vi...
7
Gelsomino Del Guercio
Prete morto per Covid: lo aveva “profetizzato” in una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni