Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 24 Novembre |
Santi Andrea Dung Lac e 116 compagni
home iconNews
line break icon

"Libere di correre". Donne che sbeffeggiano la violenza

© Public Domain

don Marco Pozza - Sulla strada di Emmaus - pubblicato il 07/07/14

Donne che scelgono di raccontare e di metterci la faccia

Un fatto di cronaca nera che fa sbocciare un capolavoro di cronaca rosa, che per questa volta è il colore della speranza: quella che riesce sempre a sorprendere, ad oltranza, anche a Padova. Mesi addietro, mentre corrono sugli splendidi argini della nostra città, alcune ragazze subiscono delle violenze da parte di alcuni sconosciuti: una di loro vince la vergogna e trova il coraggio di denunciare l’accaduto, che porta al fermo dell’aggressore. A leggere certe notizie ormai siamo abituati: non per questo, però, certe gesta perdono la loro gravità e la loro bruttezza. Ignorandole, semplicemente s’ingigantiscono: è dall’origine dell’umanità che il male predilige le tenebre – il non racconto, la non denuncia, la mancata ribellione – per ingrossarsi e ingrassarsi. A scapito della speranza collettiva, anche se a pochi sembra interessare alcunché.

Certe donne, però, mica son facili alla rassegnazione: non per nulla – scriveva Oriana Fallaci – «essere donna è una sfida che non annoia mai». Che non annoia e che accende il cuore. Cosicché da quell’episodio funesto, un gruppo di donne ha tratto l’incipit di una nuova avventura, finita direttamente sulle pagine di Runners’ World di questo mese, la bibbia del popolo che corre. Si sono chiamate “Libere di Correre”, laddove la libertà era prima di tutto solidarietà con chi era incappato nella disavventura e vicinanza a tutto il popolo femminile che nel silenzio tacito soffre e trema, oltre che lotta. Sono partite organizzando una corsa, la cosa più semplice che era nelle loro possibilità: quello che piaceva loro fare, quello che per loro era riscatto, affermazione, libertà per l’appunto. E l’hanno dedicata a questa ragazza: certi messaggi fanno bene al cuore, sia di chi soffre sia di chi gioisce. Alla fine è uscita una festa, perchè quando la vita chiama, la sorpresa è sempre la prima delle alleate che accetta la sfida: uomini e donne, bambini e anziani, podisti e gente della porta accanto. Tutti di corsa per dire “No alla violenza sulle donne”. Con quel colore rosa che le contraddistingue, a indicare che il vero segreto per cambiare la mentalità del mondo rimane quello di cambiare la nostra mentalità. Di scendere in strada, di prestare la voce, di metterci la faccia, meglio ancora se sorridente visto che il male ama la bruttezza e mal sopporta i gesti dell’amore gratuito.

Sono passati dei mesi e “Libere di Correre” non è più solo un gruppo: forse sta diventando uno stile, magari diverrà qualcosa di più grande, o forse rimarrà così: piccolo, debole, sin quasi invisibile. Però presente: alle gare alle quali le invitano, col microfono in mano o le scarpe ai piedi, con un messaggio sempre a portata di mano: «Essere l’uomo più ricco al cimitero non mi interessa. Andare a letto la notte sapendo che abbiamo fatto qualcosa di meraviglioso, questo si mi interessa» (S.Jobs). Parole condivise, prospettive di speranza, gesti concreti. Come quello di mercoledì prossimo (c/o Parco Sarmazza, Vigonovo, ore 19): stavolta l’alleanza è con Suor Miriam di Casa Priscilla. Anche qui una donna di mezzo, anche qui delle storie da ricostruire nel silenzio e nella dedizione, anche stavolta “di corsa”: per certe storie un attimo prima o un attimo dopo potrebbe cambiare la traiettoria della loro esistenza. Una suora che da vent’anni abita in periferia, prima ancora che questo termine diventasse una moda, anzi lo stile stesso di un Papa. Anche suor Miriam corre, dove la vita chiama e dove sovente pochi hanno il coraggio di rispondere. Stavolta “Libere di Correre” prestano la voce a questa suora di periferia: perché certe storie fa bene al cuore sentirsele raccontare, farle diventare proprie, accorgersi che tutto può ancora succedere. Ci si sente più umani e meno foresti tra le vie della medesima città. Vien voglia di correre: di lasciarsi sorprendere dall’amore.

(da Il Mattino di Padova, 6 luglio 2014)

Qui l’articolo originale

Tags:
violenza contro le donneviolenza sessuale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
KSIĄDZ PRZY OŁTARZU
Padre Bruno Esposito, OP
Breve ‘Vademecum’ per la nuova edizione del M...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
TEENAGER
Tom Hoopes
I 7 doni dello Spirito Santo rispondono a 7 n...
Giovanni Marcotullio
Vi spieghiamo perché la Messa comincia con il...
CARLO ACUTIS MIRACOLI EUCARISTICI
VatiVision
Carlo Acutis: il documentario sulla mostra su...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni