Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il divorzio, passaporto per la povertà

© KieferPix/SHUTTERSTOCK
Condividi

Senza famiglia non c'è crescita economica sostenibile

Agli allievi del primo anno di economia viene mostrato in genere un diagramma chiamato “flusso circolare del reddito” per spiegare come si organizza l’economia. In questo schema, le imprese comprano fattori di produzione e vendono beni e servizi sul mercato. Dall’altro lato, le famiglie comprano i beni e servizi prodotti dalle imprese e venderanno a queste lavoro, terra e capitale. In base a questo modello, ci sono tre attori chiave: le imprese, le famiglie e i mercati misteriosi ed eterei.

Dal 26 al 30 giugno si è svolto nella sede di e-Cristians di Barcellona (Spagna) un seminario organizzato dal think tank FundSocial. I corsi si sono concentrati sul ruolo di uno dei tre attori determinanti nell’economia: la famiglia.

"La teoria economica neoclassica dominante teorizza solo il mercato”, ha affermato Josep Miró i Ardèvol, membro di FundSocial, che ha presentato i frutti del suo lavoro sulla funzione economica della famiglia per aprire il dibattito.

Anche se esiste tutta una scienza dedicata all’impresa, è stato necessario attendere fino all’ultimo terzo del XX secolo perché sorgesse una prospettiva che la includesse nel modello economico: il paradigma istituzionale.

Malgrado questo, oggi manca ancora da includere uno dei tre attori del diagramma del flusso del reddito: la famiglia.

Il punto di partenza del seminario è stato proprio il fatto che si sta ignorando uno dei tre attori negli schemi economici che si studiano per cercare di scoprire “cosa non ha funzionato” e perché è scoppiata la crisi economica del 2008.

L’economia, una scienza umana

L’economia è un’antropologia”, ha ricordato Miró i Ardèvol, cosa che in genere non viene approfondita nelle facoltà di Economia.

L’esperto ha aggiunto che oggi si sa per certo che un fattore chiave della crescita economica è il capitale umano, ovvero l’insieme delle capacità, conoscenze e competenze delle persone, ma per generare capitale umano serve capitale sociale.

Quest’ultimo è dato dalle reti intessute da una società, dalle famiglie alle associazioni. Si basa, inoltre, sulla fiducia e sulle norme condivise che favoriscono la cooperazione. E qui entra in gioco la famiglia, che educa, offre anni di studio, trasmette valori e promuove le abitudini salutari dei figli, generando così capitale sociale. Un capitale sociale che si traduce in capitale umano quando si tratta di economia.

Miró i Ardèvol ha dimostrato in questo modo l’importanza della famiglia per assicurare lo sviluppo economico.

I costi economici di una società senza famiglie

“Il PIL di un paese calcola quello che la sua società valorizza maggiormente”, di modo che tutto si può esprimere in costi economici. In questo senso, il lavoro svolto da una madre in casa prendendosi cura dei propri figli non viene tenuto in conto per misurare la crescita economica, mentre questo potrebbe avvenire per la droga o la prostituzione, a giudicare dalle ultime novità politiche.

Miró i Ardèvol ha sottolineato che è un fatto totalmente contraddittorio, perché non si calcola il lavoro della madre, che fa incrementare il capitale sociale e umano, mentre si tiene conto di elementi che lo distruggono.

Cosa accadrebbe se non ci fossero famiglie?

Manel Silva, avvocato dello Stato e membro del Consiglio di Stato, ha ricordato nel seminario alcuni dati poco diffusi nel dibattito pubblico, come il fatto che il divorzio è la via più rapida per cadere in povertà, che aumenta la delinquenza dei figli e il fatto che possano fare ricorso a droghe o che moltiplica per sei la possibilità che un figlio subisca abusi sessuali da parte dei genitori o del patrigno/matrigna.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.