Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 22 Settembre |
San Maurizio
home iconApprofondimenti
line break icon

Il divorzio, passaporto per la povertà

© KieferPix/SHUTTERSTOCK

Forum Libertas - pubblicato il 03/07/14

Senza famiglia non c'è crescita economica sostenibile

Agli allievi del primo anno di economia viene mostrato in genere un diagramma chiamato “flusso circolare del reddito” per spiegare come si organizza l’economia. In questo schema, le imprese comprano fattori di produzione e vendono beni e servizi sul mercato. Dall’altro lato, le famiglie comprano i beni e servizi prodotti dalle imprese e venderanno a queste lavoro, terra e capitale. In base a questo modello, ci sono tre attori chiave: le imprese, le famiglie e i mercati misteriosi ed eterei.

Dal 26 al 30 giugno si è svolto nella sede di e-Cristians di Barcellona (Spagna) un seminario organizzato dal think tank FundSocial. I corsi si sono concentrati sul ruolo di uno dei tre attori determinanti nell’economia: la famiglia.

"La teoriaeconomica neoclassica dominante teorizza solo il mercato”, ha affermato Josep Miró i Ardèvol, membro di FundSocial, che ha presentato i frutti del suo lavoro sulla funzione economica della famiglia per aprire il dibattito.

Anche se esiste tutta una scienza dedicata all’impresa, è stato necessario attendere fino all’ultimo terzo del XX secolo perché sorgesse una prospettiva che la includesse nel modello economico: il paradigma istituzionale.

Malgrado questo, oggi manca ancora da includere uno dei tre attori del diagramma del flusso del reddito: la famiglia.

Il punto di partenza del seminario è stato proprio il fatto che si sta ignorando uno dei tre attori negli schemi economici che si studiano per cercare di scoprire “cosa non ha funzionato” e perché è scoppiata la crisi economica del 2008.

L’economia, una scienza umana

L’economia è un’antropologia”, ha ricordato Miró i Ardèvol, cosa che in genere non viene approfondita nelle facoltà di Economia.

L’esperto ha aggiunto che oggi si sa per certo che un fattore chiave della crescita economica è il capitale umano, ovvero l’insieme delle capacità, conoscenze e competenze delle persone, ma per generare capitale umano serve capitale sociale.

Quest’ultimo è dato dalle reti intessute da una società, dalle famiglie alle associazioni. Si basa, inoltre, sulla fiducia e sulle norme condivise che favoriscono la cooperazione. E qui entra in gioco la famiglia, che educa, offre anni di studio, trasmette valori e promuove le abitudini salutari dei figli, generando così capitale sociale. Un capitale sociale che si traduce in capitale umano quando si tratta di economia.

Miró i Ardèvol ha dimostrato in questo modo l’importanza della famiglia per assicurare lo sviluppo economico.

I costi economici di una società senza famiglie

“Il PIL di un paese calcola quello che la sua società valorizza maggiormente”, di modo che tutto si può esprimere in costi economici. In questo senso, il lavoro svolto da una madre in casa prendendosi cura dei propri figli non viene tenuto in conto per misurare la crescita economica, mentre questo potrebbe avvenire per la droga o la prostituzione, a giudicare dalle ultime novità politiche.

Miró i Ardèvol ha sottolineato che è un fatto totalmente contraddittorio, perché non si calcola il lavoro della madre, che fa incrementare il capitale sociale e umano, mentre si tiene conto di elementi che lo distruggono.

Cosa accadrebbe se non ci fossero famiglie?

Manel Silva, avvocato dello Stato e membro del Consiglio di Stato, ha ricordato nel seminario alcuni dati poco diffusi nel dibattito pubblico, come il fatto che il divorzio è la via più rapida per cadere in povertà, che aumenta la delinquenza dei figli e il fatto che possano fare ricorso a droghe o che moltiplica per sei la possibilità che un figlio subisca abusi sessuali da parte dei genitori o del patrigno/matrigna.

  • 1
  • 2
Tags:
divorzioeconomiafamiglia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
6
Padre Ignacio María Doñoro de los Ríos
Francisco Vêneto
Il cappellano militare che si è finto malvivente per salvare un b...
7
SERENITY
Octavio Messias
4 suggerimenti contro l’ansia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni