Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 27 Ottobre |
Sant'Evaristo
Aleteia logo
home iconArte e Viaggi
line break icon

L’emozione di un faccia a faccia con il Mosè di Michelangelo

© Public Domain

Rodolfo Papa - pubblicato il 10/06/14

L’informazione sopracitata riferisce che alcuni dipinti a soggetto religioso, alcuni paesaggi, alcune parti del Mosè, sono apprezzate di meno; questa informazione proveniente dalle neuroscienze può essere spiegata con il riferimento a un fenomeno contemporaneo raccontato più compiutamente dallo storico britannico Peter Burke, sotto la definizione di iconofobia.[2] L’iconofobia  è di fatto il risultato della modernità, che non tiene in nessun conto le immagini artistiche, il loro significato e il loro valore di testimoni del tempo, a tutto vantaggio di riproduzioni meccaniche della realtà, con il mostruoso sottointeso che le immagini dipinte, le opere d’arte, non siano in grado di narrare la verità perché soggette al solo mondo delle emozioni.[3]

Questo assunto ha causato, nel corso degli ultimi tre secoli, che l’immagine artistica abbia progressivamente perso la sua tridimensionalità narrativa e polisensa e di qui abbia anche perso peso sociale, culturale e perfino politico a tutto vantaggio di realtà direttamente costruite sul sistema della comunicazione emozionale pubblicitaria. Quindi che alcuni o molti visitatori di una mostra alle Scuderie del Quirinale abbiano avuto meno emozioni di fronte a paesaggi e dipinti a soggetto sacro cristiano, non dimostra che questi interessano di meno, ma solo che il pubblico testato non è in grado di comprenderli fino in fondo, cioè di saperli leggere. Se, infatti, ci troviamo dinnanzi ad un codice miniato scritto in caratteri greci, se possiamo accedere a tutti i livelli di comprensione di quel testo, saper comprendere il greco antico, le abbreviazioni, il senso delle miniature e le qualità del miniaturista e perfino comprendere non solo la lingua antica, ma il senso di quel brano squadernato nelle due pagine che abbiamo innanzi agli occhi e per giunta saperlo collocare nello spazio e nel tempo e arrivare a comprendere il livello metalinguistico che il testo espone, allora alla comprensione si aggiungerà la piena fruizione e quindi l’emozione piena, il godimento estatico del testo, altrimenti potremmo solo annuire debolmente al racconto che ci viene offerto da una didascalia, o peggio passare disinteressati ad altro, ignorando il capolavoro esposto davanti al nostro sguardo ottuso.

Il fatto dunque, che i visitatori non provino emozioni molto alte di fronte a dipinti di paesaggi e ad immagini a carattere sacro, non dice molto di più che quello che noi addetti ai lavori sappiamo da molto tempo, cioè che l’iconofobia ha prodotto una analfetizzazione artistica di ritorno di proporzioni colossali: di fatto nessuno sa leggere la lingua dell’arte, i significati espliciti ed impliciti che essa veicola e l’arte sta divenendo una lingua morta, perché praticata solo da alcuni. Di qui si potrebbe immediatamente dire che c’è necessità di rilanciare lo studio dell’arte nelle nostre scuole, di rilanciare lo studio dell’arte presso i nostri seminari e nelle nostre università sia statali che pontificie, perché si possa creare una inversione di tendenza nel recuperare una capacità linguistica indispensabile alla conservazione dei nostri monumenti, e necessaria alla creazione di nuovi.

Nella notizia a carattere scientifico da cui siamo partiti, possiamo infine raccogliere un dato estremamente positivo e cioè che in ogni caso il livello di relazionalità passa attraverso la rappresentazione del volto umano. Questa notizia, che già conoscevamo in campo artistico, antropologico, filosofico, si lega anche in qualche modo al carattere fondamentale della cultura artistica cattolica, ovvero il volto di Cristo come centro ontologico e teologico del sistema d’arte cristiano, ontologico e teologico. L’arte figurativa -così come la intendiamo negli ultimi secoli- è una invenzione cristiana, per meglio dire cattolica, che incentrando tutto il linguaggio artistico sulla rappresentazione del mistero dell’incarnazione, morte e risurrezione di Nostro Signore Gesù Cristo,  ancora oggi attraverso il Volto ha la capacità di comunicare, e anche di emozionare il pubblico.

Concludiamo con un omaggio a Leonardo da Vinci, che cinque secoli fa, ha offerto, per vie diverse, una riflessione molto simile alla conclusione offerta dalla ricerca scientifica di cui si è data notizia. ,a dimostrazione che alcune branche del sapere producono verità trans-disciplinari e meta-disciplinari incontrovertibili, capaci di attingere all’originario dell’uomo.
Nel Libro di pittura di Leonardo, il Codice Urbinate 1270, conservato nella Biblioteca Apostolica Vaticana, è chiaramente scritto che la rappresentazione di Dio muove più che il solo nome scritto, e che la pittura deve essere vera. La somma di questi due aspetti è per Leonardo la cifra della pittura che, per questa sua capacità di rendere presente, è superiore ad ogni altra arte .[4]

QUI L'ARTICOLO ORIGINALE

——-
Rodolfo Papa, Esperto della XIII Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovi, docente di Storia delle teorie estetiche, Pontificia Università Urbaniana, Artista, Storico dell’arte, Accademico Ordinario Pontificio. Website www.rodolfopapa.it Blog: http://rodolfopapa.blogspot.com  e.mail: rodolfo_papa@infinito.it.

[1] http://www.lescienze.it/lanci/2014/04/29/news/sapienza_mos_michelangelo_emozioni_cervello-2118411/
[2] Peter Burke, Testimoni oculari, Il significato storico delle immagini, Carocci editore, Roma, 2002.
[3] Cfr. Rodolfo Papa, Discorsi sull’arte sacra, Cantagalli, Siena, 2012.
[4] Cfr. Rodolfo Papa, La “scienza della pittura” di Leonardo. Analisi del “Libro di pittura”, Medusa, Milano 2005, pag. 96.

  • 1
  • 2
Tags:
arteneuroscienze
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
VENERABLE SANDRA SABATTINI
Gelsomino Del Guercio
Sandra Sabattini beata il 24 ottobre. Lo ha deciso Papa Francesco...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
medjugorje
Gelsomino Del Guercio
Cosa sono i “segreti” di Medjugorje? Che messaggi nascondono?
5
POPE JOHN PAUL II
Paola Belletti
Wojtyla affrontò il problema della frigidità sessuale femminile
6
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
7
Gelsomino Del Guercio
Il Papa parla della fine del mondo e di San Michele: “Lui guiderà...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni