Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 06 Maggio |
San Nunzio Sulprizio
home iconStile di vita
line break icon

La grigliata di Gesù

© Public Domain

Edizioni San Paolo - pubblicato il 25/04/14

Tre ricette per ricordarci che il Risorto non era un fantasma

In quel tempo, Gesù si manifestò di nuovo ai discepoli sul mare di Tiberìade. E si manifestò così: si trovavano insieme Simon Pietro, Tommaso detto Dìdimo, Natanaèle di Cana di Galilea, i figli di Zebedèo e altri due discepoli. Disse loro Simon Pietro: «Io vado a pescare». Gli dissero: «Veniamo anche noi con te». Allora uscirono e salirono sulla barca; ma quella notte non presero nulla. Quando già era l’alba, Gesù stette sulla riva, ma i discepoli non si erano accorti che era Gesù. Gesù disse loro: «Figlioli, non avete nulla da mangiare?». Gli risposero: «No». Allora egli disse loro: «Gettate la rete dalla parte destra della barca e troverete». La gettarono e non riuscivano più a tirarla su per la grande quantità di pesci. Allora quel discepolo che Gesù amava disse a Pietro: «È il Signore!». Simon Pietro, appena udì che era il Signore, si strinse la veste attorno ai fianchi, perché era svestito, e si gettò in mare. Gli altri discepoli invece vennero con la barca, trascinando la rete piena di pesci: non erano infatti lontani da terra se non un centinaio di metri. Appena scesi a terra, videro un fuoco di brace con del pesce sopra, e del pane. Disse loro Gesù: «Portate un po’ del pesce che avete preso ora». Allora Simon Pietro salì nella barca e trasse a terra la rete piena di centocinquantatré grossi pesci. E benché fossero tanti, la rete non si spezzò. Gesù disse loro: «Venite a mangiare». E nessuno dei discepoli osava domandargli: «Chi sei?», perché sapevano bene che era il Signore. Gesù si avvicinò, prese il pane e lo diede loro, e così pure il pesce. Era la terza volta che Gesù si manifestava ai discepoli, dopo essere risorto dai morti(Gv 21,1-14).

Pesce di lago alla griglia

Il pesce più famoso del lago di Tiberiade è il San Pietro, da non confondersi con il pesce sanpietro che si trova comunemente in pescheria, che è invece un pesce di mare. Poiché è praticamente impossibile reperire questa specie fuori dalla Galilea, è possibile utilizzare per la ricetta proposta i pesci di lago che si trovano facilmente sul mercato.

Ingredienti

  • 1 Kg di pesce di lago misto (trotelle, salmerini, luccio, persico ecc.)

  • 1 cucchiaino di timo tritato (meglio se fresco)

  • 1 limone

  • olio extravergine di oliva

  • sale

Pulire il pesce e strofinarlo con olio, sale e timo. Praticare un paio di incisioni sul dorso dei pesci più grossi e metterli a cuocere sulla griglia calda, avendo cura di iniziare con i pesci più grandi, che richiedono un tempo di cottura maggiore (circa 5-7 minuti per lato). Servire il pesce accompagnato da qualche fetta di limone e da un rametto di timo fresco. Salare ancora se necessario. Una possibile variante è quella di tenere il pesce a marinare per 2 ore prima di cuocerlo sulla griglia. La marinatura va fatta con vino bianco, olio, coriandolo e aneto.

Il Risorto non è un fantasma
Che Gesù risorto non sia un fantasma lo dimostra il fatto che egli mangi pesce davanti ai discepoli (cfr. Lc 24,30), mentre i morti non mangiano. Lo dimostrano inoltre le piaghe sulle mani, evidente legame con la sua precedente condizione di crocifisso (cfr. il famoso episodio di Tommaso in Gv 20,24-29).

Per non fraintendere il messaggio evangelico, sarebbe opportuno evitare di usare il termine “apparizioni”. Bisognerebbe piuttosto parlare di “incontri” tra Gesù risorto, le donne e i discepoli; si potrebbe anche raccontare il suo “darsi a vedere”, svelando il proprio mistero nella misura in cui i discepoli possono recepirlo.

Con un particolare notevole: i discepoli che faticano a credere nel Risorto mostrano come la sua risurrezione non sia un'invenzione della fantasia dei seguaci di Gesù. Al contrario: non faceva parte della prospettiva di molti giudei del tempo l'idea della risurrezione; è Gesù che, ancora una volta, spiazza gli uomini e le donne che lo seguono e dà loro appuntamento su altri scenari della storia: “Mi sarete testimoni a Gerusalemme, in tutta la Giudea e la Samaria e fino ai confini della terra” (At 1,8).

Un mangione e un beone?
I vangeli ricordano che Gesù viene accusato di indulgere troppo alla buona tavola e alla compagnia di gente di cattiva reputazione, come gli esattori delle tasse per conto dei romani o addirittura le prostitute. L'accusa non è ignota al Maestro: è proprio lui infatti a farvi cenno (cfr. Lc 7,34) in occasione di un rimprovero alla gente per non aver ascoltato né Giovanni Battista, la cui vita essenziale e solitaria era ben nota, né Gesù stesso, che invece viveva in mezzo alle persone. Non esiste perciò un'ascesi fine a se stessa, quanto piuttosto una sobrietà di fondo che permette di svolgere più agevolmente e liberamente la missione assegnata da Dio.

Il simbolo di Gesù
Nelle prime stagioni del cristianesimo, quando dirsi esplicitamente cristiani poteva costare l'emarginazione sociale o addirittura la persecuzione, i credenti indicavano l'appartenenza di fede apponendo – su un edificio o su una sepoltura – il disegno di un pesce stilizzato. L'allusione era a Gesù, dal momento che le iniziali greche delle parole “Gesù Cristo, Figlio di Dio, Salvatore” formano il sostantivo “pesce”. Un'immagine che costituiva un marchio, dunque, anzi una professione di fede.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
gesù cristorisurrezione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
2
Gaudium Press
Sapevi che la fede nuziale può avere la forza di un esorcismo?
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Best of Web
Muore per 20 minuti, si sveglia all’improvviso e racconta d...
5
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
6
CHIARA AMIRANTE
Gelsomino Del Guercio
Chiara Amirante inedita: la cardiopatia, l’omicidio scampat...
7
VANESSA INCONTRADA
Gelsomino Del Guercio
Vanessa Incontrada: ho scelto di battezzarmi a 30 anni per ritrov...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni