Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 17 Settembre |
Roberto Bellarmino
home iconApprofondimenti
line break icon

Non lasciamolo solo

ALBERTO PIZZOLI

Giuseppe Savagnone - Tuttavia - pubblicato il 17/04/14

Gli esempi si potrebbero moltiplicare.  Fra i princìpi e la vita quotidiana della comunità cristiana c’è sempre una “cultura” che traduce i primi nella seconda. Quella  dominante fino a poco tempo fa era diventata inadeguata. Francesco sta lavorando su questo piano intermedio, cercando di cambiarla.

Ci riuscirà? Non lo so, non può ancora saperlo nessuno. Le resistenze sono fortissime, anche da parte di chi in linea teorica approva il suo sforzo. Si guardi, per esempio, all’impegno con cui il nuovo papa ha cercato di rilanciare il tema della collegialità, presentandosi fin dall’inizio come semplice “vescovo di Roma”, pur senza minimamente mettere in discussione il suo primato. Nulla di più conforme alla tradizione e al Concilio Vaticano II. Ma nulla di più lontano da una prassi che ha spesso visto i vescovi locali considerarsi ed essere considerati dei funzionari di una struttura piramidale. Sta di fatto che anche la Conferenza Episcopale Italiana ha preferito declinare l’esplicito invito del pontefice a scegliere autonomamente il proprio presidente, invece di riceverlo per nomina dall’alto.  

E non è questo il solo segnale che lascia perplessi. In questo momento nella Chiesa sembra che tutte le voci si siano zittite.  Il solo a parlare, il solo a occupare tutta la scena, è Francesco.
Così, come era già accaduto in passato, e contro le intenzioni dell’interessato, il centralismo è riaffermato, paradossalmente, anche con questo pontefice. Agli occhi di tutti, oggi come ai tempi di Giovanni Paolo II, la Chiesa sembra identificarsi col papa!

Spero sia solo una fase transitoria. Ma a renderla tale può essere solo una più decisa assunzione di responsabilità da parte di tutti i membri della comunità cristiana, ognuno secondo il proprio ruolo.
Il solo modo di aiutare papa Francesco nella sua opera è di non lasciarlo solo. Non ha bisogno di fans, ma di compagni di strada. Smettiamola di limitarci ad ammirarlo, imitiamolo. 
Questo è, esplicitamente, il suo desiderio. Questo è, soprattutto, ciò che può veramente servire a rinnovare la nostra Chiesa.

Qui l’originale

  • 1
  • 2
Tags:
collegialitaconcilio vaticano iipapa francescoriforma curia

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
GETAFE
Dolors Massot
Due sorelle giovanissime diventano suore contemporaneamente a Mad...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
THERESA GIUNI
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Giuni Russo è giunta fino a Cristo per mano d...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
EUCHARIST
Philip Kosloski
Preghiere da recitare all’elevazione dell’Ostia a Messa
7
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni