Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 24 Giugno |
San Giovanni Battista
home iconStile di vita
line break icon

Come ci autoinganniamo: le conseguenze delle rotture sui figli

Gladskikh Tatiana

<span><a href="http://www.shutterstock.com/gallery-96187p1.html" id="portfolio_link">Gladskikh Tatiana </a></span>

Josep Miró - Forum Libertas - pubblicato il 25/03/14

C'è una notevole resistenza a riconoscere gli effetti del divorzio, anche se i dati parlano chiaro.

Una delle caratteristiche della nostra epoca è lo svincolamento delle azioni, delle loro conseguenze, ovvero la perdita del senso di responsabilità. Bisogna dire che questa perdita obbedisce a una tendenza molto umana, ma proprio per questo il contesto di riferimento della nostra civiltà, come un denominatore comune universale e quindi un'espressione della legge naturale, ha forgiato la cultura del dovere e la responsabilità come antidoto. La società svincolata, che si muove sotto il dominio della soggettività della soddisfazione del desiderio come massimo bene, rompe con questa tradizione culturale e definisce la responsabilità di “colpevolizzazione”. Oggi, in molti aspetti, fare appello alla responsabilità dei propri atti è “colpevolizzare”.
Uno dei casi più generalizzati è quello delle numerose e crescenti rotture matrimoniali, che hanno un impatto diverso nella società in funzione dell'esistenza di figli e della loro età. Evidentemente, anche la coppia soffre conseguenze negative. Cito due effetti per non ampliare troppo la questione, iniziando da quello dello stress: la rottura occupa una posizione di spicco nella generazione dello stress, al di sotto della morte di una persona cara e alla pari o al di sopra della disoccupazione. L'altra conseguenza è la distruzione del capitale sociale generata dalla coppia che semplicemente scompare o tende a zero.
In relazione ai figli e se questi si trovano in età scolare, le conseguenze studiate fino alla nausea sono considerevoli. Ciò non implica alcuna “criminalizzazione” di chi si separa, ma una riflessione matura sulla necessità di cercare di ricostruire il vincolo spezzato, o di cercare la forma meno traumatica possibile. Ma se avviene la separazione, la conseguenza esiste e in genere è importante. Dovrebbe essere l'impostazione usuale, il luogo comune, la considerazione di dominio pubblico, ma in realtà la cultura svincolata la pone in altri termini. Alla domanda “La separazione ha conseguenze sui figli?”, la risposta è “No… se è ben gestita, c'è consenso sull'educazione, non ci sono dispute, se il rapporto con il genitore è sano”. Il fatto che ci siano le virgolette è dovuto al fatto che si tratta della risposta di una psicologa esperta in bambini con difficoltà di apprendimento.
Questo però è prendere una cantonata, perché le condizioni che si sottolineano sono l'eccezione e non la regola. La risposta corretta è sì, ovviamente, e solo se si verificano determinate condizioni l'impatto negativo non esiste o è ridotto; e queste condizioni sono la buona gestione della rottura, ecc. Visto che ci sono sempre più persone con figli che rompono, è sempre maggiore la massa critica di pubblico oggettivo che resiste a riconoscere che la rottura non è positiva per i figli; e questo insieme alla cultura imperante impedisce che affiori qualcosa di cui tutta la società ha bisogno per fornire senso, buone risposte, felicità ai suoi membri: la responsabilità.
[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]
Tags:
divorziofamigliasenso di responsabilita
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
3
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
4
saint paul
Giovanni Marcotullio
La Santa Sede contro il ddl Zan: è caso diplomatico
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
COUPLE GETTING MARRIED
Gelsomino Del Guercio
Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livo...
7
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni