Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 20 Ottobre |
Santa Maria Bertilla Moscardin
Aleteia logo
home iconStile di vita
line break icon

Bergoglio, il maestrillo che insegnava con libri e musica

Mirko Testa - Aleteia - pubblicato il 02/03/14

Intervista a Jorge Milia, alunno del professor Bergoglio ai tempi del Colegio de la Inmaculada Concepción a Santa Fe

Manzoni, Dostoevskij, Dante e Borges: questi gli autori preferiti di Jorge Maria Bergoglio, che nell’anno scolastico 1964-1965 fu professore di Letteratura a Santa Fe presso il Colegio de la Inmaculada Concepción. Gli studenti di allora ricordano molto bene questo giovanotto, non ancora prete, appassionato di letteratura, a cui i superiori avevano chiesto di diventare insegnante di una materia umanistica, pur avendo alle spalle una formazione scientifica. E il professor Bergoglio, il maestrillo – come si chiamano i gesuiti in formazione –, aveva il dono di insegnare non già fredde nozioni, quanto piuttosto di riuscire a trasmettere ai ragazzi la passione per la letteratura che animava lui stesso, come racconta in una intervista alla Civiltà Cattolica, un suo ex alunno Jorge Milia, scrittore, poeta e giornalista.

Sempre con l’intento di instillare nei suoi studenti l’amore per la letteratura, Bergoglio invitò nel collegio le più importanti personalità del mondo della letteratura, tra le quali Jorge Luis Borges, il più illustre e prestigioso intellettuale argentino, che era da sempre uno dei suoi scrittori preferiti. A Borges, considerato un autentico gigante della letteratura mondiale, il maestro Bergoglio aveva scritto domandandogli se avesse potuto trovare il tempo di venire a Santa Fe a tenere ai ragazzi del Collegio una lezione di letteratura gauchesca. Lo scrittore lo sorprese, accettando di un buon grado e tenendo un vero e proprio seminario sull’argomento della durata di cinque giorni.

Racconta del suo ex professore alla Civiltà Cattolica Jorge Milia: “Quando insegnava letteratura, il suo linguaggio era piuttosto diverso dal linguaggio attuale, che è caratterizzato dallo sforzo di semplicità per andare incontro alle persone”.

Il rapporto tra gli alunni, il professore e la letteratura “era una relazione attiva di coinvolgimento, di passione. Spesso era proprio Bergoglio a provare una sensazione di meraviglia nello scoprire l’immagine nascosta in un passaggio del testo, in una frase o anche soltanto in una parola che uno di noi gli presentava. Ecco, era capace di trasmettere quelle esperienze agli altri. Non si comportava con i modi tipici di un maestro che dirige e detta tracce da seguire, quanto facendoci partecipare, dando ovviamente consigli e spiegazioni. Se qualcuno esprimeva interesse ad approfondire un argomento o un’opera, non soltanto lo consentiva, ma si offriva di dargli una mano. Era evidente che lui dava stima e sostegno a chi si avventurava su percorsi personali di approfondimento”.

Ma l’impegno di Bergoglio non si limitava all’insegnamento della letteratura e fu molto attivo nel dare vitalità al mondo del teatro nell’Istituto. Anzi, ha precisato Milia, “è stato il primo ad ammettere donne nelle produzioni dell’Accademia di teatro del Collegio. Fino ad allora si erano scelte opere senza personaggi femminili (a costo di alterarle o mutilarle) o, ancor peggio, alcuni personaggi femminili erano stati rappresentati da uomini, compagni di corso. Bergoglio pose risolutamente la questione in questi termini: ne andava a detrimento l’immagine della donna. Un’affermazione che mi sembra avere un riflesso oggi nella sua posizione sull’importanza della donna nella Chiesa e nella società. Si mise subito a chiedere di madri e sorelle dei vari attori, e in poco tempo riuscì a inscenare l’opera con molto successo, con la necessaria presenza femminile”.

Per quanto riguarda il rapporto con la musica, in un’epoca in cui tutti erano travolti dal fenomeno Beatles, al Collegio dell’“Immacolata” c’era chi accarezzò il sogno di farsi emulo del quartetto di Liverpool. Mancavano però gli strumenti e non c’era neanche un posto dove provare. Anche in quell’occasione “l’aiuto del

  • 1
  • 2
Tags:
culturapapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis e quella “rivelazione”: “I miei angeli custodi sono ...
2
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Cosa intendeva Carlo Acutis quando parlava di “autostrada per il ...
3
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
4
Paola Belletti
Il tuo bimbo ancora in utero ti ascolta e impara già prima di nas...
5
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Gli ultimi istanti di vita di Carlo Acutis: “Chiuse gli occhi sor...
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
CONFESSION, PRIEST, WOMAN
Gelsomino Del Guercio
Segreto, psicologo e assoluzione: 3 consigli per una corretta Con...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni