Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 11 Agosto |
Santa Chiara di Assisi
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

“Muoio” l’ultimo grido di vita con un tweet

Olesya Zhukovskaya

© Public Domain

Aleteia - pubblicato il 21/02/14

E' giusto pubblicare - e talvolta speculare - su queste immagini in nome dell'informazione?

La foto dell’infermiera ucraina colpita al collo ha fatto il giro del mondo. 
Qualcuno su Facebook ha scritto che è viva, attaccata ad un respiratore, mentre altri hanno confermato che la ragazza è morta, poco dopo il suo tweet.


La rivoluzione con lo smartphone

A 21 anni la rivolta – come scrive
 Il Messaggero del 20 febbraio – si fa con il cellulare in mano. Twittando ogni istante. Fino alla fine. Anche quando un 
proiettile l’ha colpita al collo mentre protestava in piazza a Kiev e la sua giacca bianca da 
infermiera ha iniziato a ricoprirsi di sangue, 
Olesya Zhukovskaya non si è fermata: una mano sulla ferita, l’altra con il telefonino. Dev’essere stato in quel momento, fermato da uno scatto che ha fatto il giro del mondo, che ha postato il suo ultimo tweet: 
«Sto morendo». 

Così la morte è finita in rete, in diretta. Senza modificare gli automatismi dei 
social network. Il disperato messaggio di Olesya è stato ritwittato migliaia di volte e scelto anche come «preferito». Centinaia di tweet sono comparsi sotto il suo, tutti i ragazzi del movimento, tutti con i 
telefonini in mano, hanno iniziato a dialogare a distanza, per cercare di capire cosa le fosse successo. I primi messaggi, alcuni ritwittati anche da 
Euromaidan, il movimento che guida la protesta di Kiev, hanno confermato la sua morte. Molti per ricordarla hanno postato una bella foto di Olesya, sorridente, elmetto in testa e maglietta con la 
croce rossa sul petto, di notte, davanti alle barricate. 


Ma è corretto pubblicare in maniera ossessiva queste immagini? Qual è il limite? Si può fare tutto in nome dell’informazione? 

Ci sono casi analoghi che affiorano nella memoria collettiva: quello della morte in diretta di Gheddafi, filmato con uno smartphone mentre veniva freddato dai ribelli libici. E ancora l’esecuzione in diretta del dittatore iracheno Saddam Hussein. Un uso dell’immagine spietato per portare vicino al pubblico i fatti, nudi e crudi.  

Tags:
comunicazioneinformazionemortetweetucraina
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni