Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 05 Dicembre |
San Giovanni Damasceno
home iconNews
line break icon

Dove ci porta la nostra cultura impastata di sesso e “benessere”?

Sean Dreilinger

John Zmirak - Aleteia - pubblicato il 03/02/14

“Gimme Shelter” esplora il mondo delle “ragazze da scartare” e la crisi dei rifugi per le donne in gravidanza negli Stati Uniti

Ho trascorso un happy hour con alcune persone conosciute da poco attraverso una rivista culturale conservatrice, e per ore mi ero sentito a casa mentre condividevamo storie di campus universitario, ma mentre svuotavamo il settimo giro di bevande la conversazione ha cambiato rotta: dal tappeto all’asfalto, e sono stato lanciato in mezzo alla mischia. Forse dovevo prevederlo, prima di menzionare la parola aborto.

L’argomento era Teddy Kennedy, e io ho citato il suo abbandono dei nascituri come uno degli aspetti brillanti della sua miseria morale. Il più biondo del tavolo tossiva discretamente. Un altro ha fatto il diplomatico assentendo leggermente. Il terzo ha solo sviato lo sguardo. Una persona più raffinata avrebbe capito l’antifona e avrebbe spostato il discorso su Hillary Clinton, ma io sono figlio di un postino del Queens e sono andato avanti, fino a quando il biondo si è girato verso di me e ha dichiarato senza tante cerimonie: “Abbiamo bisogno dell’aborto legalizzato per abbattere i costi del welfare”.

Per la prima volta in moltissimi anni sono rimasto in silenzio, e per un tempo sufficiente a far sì che un altro dei miei nuovi amici aggiungesse: “E gli indici di criminalità. Non hai mai letto Freakonomics? New York è tornata ad essere vivibile grazie a Roe vs Wade” [Freakonomics è una serie di studi dell’economista Steven Levitt e del giornalista Stephen Dubner, che tra altre tesi polemiche suggerisce che l’aborto è stato il maggior responsabile della diminuzione dei crimini negli USA. Quanto alla questione Roe vs Wade, si tratta del caso giudiziario in cui la Corte Suprema statunitense ha approvato il diritto all’aborto]. Io avevo letto non solo Freakonomics, ma anche la dettagliata critica che ha stroncato la tesi degli autori. Alla fine ho preso la giacca e me ne sono andato.

I miei “muscoli dell’empatia” devono essere un po’ meno atrofizzati di quelli della maggior parte delle persone, e ho rafforzato questa convinzione vedendo un nuovo film con alcune delle giovani stelle più sexy di Hollywood: Vanessa Hudgens e Rosario Dawson. Il film, “Gimme Shelter”, è uno sguardo austero e onesto alle “ragazze da scartare” che portano il peso dei nostri costumi sessuali moderni, che cercano l’amore sotto le pietre e finiscono incinte e disperate. Questo è il vero volto della questione della vita negli Stati Uniti. Nella vita di queste ragazze, gli uomini sono pateticamente impreparati alla paternità. E il sistema di “benessere sociale” che configuriamo come sostituto sembra concepito proprio per perpetuare questa assenza di aiuto.

La protagonista, Apple Bailey (Vanessa Hudgens), è un’adolescente che fugge dagli abusi della madre drogata (Rosario Dawson), ma si rifiuta di cadere di nuovo nel “sistema” degli orfanotrofi e dei rifugi per minori, nelle cui strutture era stata già sbattuta da una parte all’altra come un container pieno di rifiuti radioattivi. Preferisce ricorrere a uno sporco pezzo di carta, una lettera ricevuta quando era ancora piccola, scritta dal padre che non ha mai conosciuto. È dietro quest’uomo (Brendan Fraser) che va, bussando alla porta della sua casa lussuosa, con orrore (comprensibile) dell’attuale moglie-trofeo (Stephanie Szostak) e dei figli pettinati in modo impeccabile.

Ho detto “comprensibile” perché potrei comprendere la situazione. La bella Vanessa Hudgens è irriconoscibile in questo ruolo, sporca e vestita come una ragazzina di strada. È arrogante, accusatrice e profana. È il tipo di “minaccia urbana” che porta istintivamente a voler chiamare la polizia, ma suo padre è preso dal senso di colpa e dalla nostalgia soffocata. Calma la moglie, porta dentro i figli lindi e pinti e cerca di scoprire come offrire ad Apple quello che merita una figlia.

  • 1
  • 2
Tags:
abortobenesseresesso
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
FATHER JOHN FIELDS
John Burger
Muore sacerdote che si era offerto volontario...
MARIA DEL MAR
Rodrigo Houdin
È stata abbandonata in una discarica, ma ha c...
JOE BIDEN
Francisco Vêneto
Un sacerdote ha negato a Joe Biden la Comunio...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Little Sisters Disciples of the Lamb
Cerith Gardiner
Conoscete l'ordine religioso che accoglie suo...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni