Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 13 Giugno |
Sant'Antonio da Padova
home iconChiesa
line break icon

Etty Hillesum e l’incontro con Dio che trasforma la vita

Roberta Sciamplicotti - Aleteia Team - pubblicato il 15/01/14

Tra le tante persone che appaiono nelle pagine del Diario e delle Lettere ne spicca una in particolare: Dio, “sepolto da pietra e sabbia”. “Etty, lottando con le pietre e la sabbia, senza demordere, entra in colloquio con Dio, lo cerca, lo ama, lo rifiuta, lo contesta. Lo rende Persona viva”. “Si lascia sorprendere da Dio, si lascia anche tagliare e, dal carbone grezzo, cominciano ad affiorare le sfaccettature, composte, ordinate e pronte a ricevere e a donare sempre più luce”.

La mia vita è diventata un dialogo ininterrotto con te, mio Dio, un unico grande dialogo”, scriveva. “Anche di sera, quando sono coricata nel mio letto e riposo in te, mio Dio, lacrime di riconoscenza mi scorrono sulla faccia e questa è la mia preghiera”.

Il rapporto con Spier portò Etty “a quella passività/attività che è terreno fertile per cambiare genuinamente e dal profondo. Dio, secondo l’insegnamento di Jung, e perciò stesso nella mentalità di Spier, è un archetipo, dove con questo termine si intende e ci si riferisce al 'tipo dell’anima', cioè all’impronta. Dio e anima possono collegarsi, riferirsi. La possibilità di riferimento dell’anima con l’essenza di Dio è una corrispondenza e, in termini psicologici, si esprime come l’archetipo dell’immagine di Dio. Tutta questa dinamica passa per l’Erlebnis, la vicenda vissuta, la conoscenza esperienziale, che Spier offre alla Hillesum perché diventi sua esperienza personale, propria; costituita da innumerevoli esperienze che, nel quotidiano, una volta risvegliatane la capacità, vanno addensandosi l’una all’altra. La velocità del procedere è ignota, mentre è ben chiaro il fine: l’esperienza stessa di Dio”.

“Etty viene condotta da Spier, con piena consapevolezza da parte del terapeuta parrebbe, attraverso la lotta corpo a corpo, a conoscersi, ad entrare in se stessa, ad esplorarsi con occhi nuovi, a liberarsi dalla 'costipazione spirituale' di cui afferma di soffrire”. Per ottenere la guarigione, spiega la stessa Etty, le “bastò poter entrare in contatto con se stessa, scavalcando di slancio il muro spesso della paura”, attraverso “una profonda presa di coscienza. Prendere coscienza, profondamente e lucidamente e, con questo, diventare capace di disporre delle forze profonde che sono in me”.

Nel suo Diario, Etty dichiara infatti di sentire il bisogno di stare sola e di un contatto profondo con se stessa e con Dio. Per la giovane, “Dio sgorga dal di dentro, le si levita dentro e, quanto più ella si radica in se stessa, scendendo in profondità, tanto più Dio si manifesta”.

Con “ingenuità e magnificenza” descrive poi qual è ormai il senso della propria vita: diffondere intorno a sé ciò che lei stessa ha ricevuto. Diventa quindi l'esempio della “generosità del vivere e del ritornare a vivere (ancora più arduo dopo averne toccato con mano la greve e cruda realtà) a Westerbork; rimane il dono di sé portato al suo estremo limite: rifiutare di salvarsi e offrirsi alla condivisione totale più piena e assoluta con i suoi fratelli. In una parola: lo spreco della vita per amore”.

  • 1
  • 2
Tags:
agnosticismoetty hillesumlagernazismorecensioni di librishoah
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Gelsomino Del Guercio
Strano cerchio bianco sulla testa del Papa. Il video diventa vira...
3
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Claudio De Castro
Sono andato a Messa distratto, e Gesù mi ha dato una grande lezio...
7
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni