Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 27 Novembre |
Beata Vergine della Medaglia Miracolosa
home iconNews
line break icon

A Natale, dedica tempo agli altri, consuma in modo sensato e condividi

© Corinne SIMON / CIRIC

Aleteia - Aleteia Team - pubblicato il 24/12/13

Le tre proposte della Caritas per queste feste

In una società asfissiata dalla crisi, dalla disoccupazione e dallo scoraggiamento per cercare nuove vie, la Caritas spagnola invita a vivere il tempo di Natale in chiave di speranza, attraverso una campagna che ricorda che “attraverso i nostri gesti, le nostre scelte, i nostri atteggiamenti siamo annuncio di speranza per gli altri”.

Secondo l'organizzazione ecclesiale, l'invito a vivere questo tempo di Natale in chiave di speranza si basa sulla messa in pratica di proposte come queste:

– Dare priorità alle relazioni con gli altri, al tempo che dedichiamo loro, andando loro incontro, prendendo l'iniziativa, accogliendo e ascoltando.

– Consumando con i nostri cinque sensi. Il commercio equo è una buona opzione per avvicinarsi a realtà di altri Paesi e collaborare a un'economia sostenibile per i produttori e le loro famiglie. In questo modo, è possibile riempire il Natale con qualcosa di più dei regali ed essere speranza per gli altri.

– Condividendo qualcosa di noi con quanti ne hanno più bisogno: il nostro tempo, i nostri beni, le nostre capacità… e lasciandosi toccare dalla loro realtà.

Speranza creativa e comunitaria

La speranza proposta dalla Caritas per questo tempo di Natale è allo stesso tempo creativa, comunitaria e misericordiosa.

Creativa perché non si limita a sperare in un mondo migliore, ma si impegna a far sì che sia realmente migliore e si dedica a gettare semi del Regno.

Comunitaria perché quello che speriamo lo speriamo per tutti, visto che la speranza è solidale.

Misericordiosa perché va incontro a chiunque soffre e a tutto ciò di cui ha bisogno. È una speranza samaritana che non lascia sulla via chi è ferito.

Con la campagna di quest'anno, la Caritas chiude un ciclo di campagne istituzionali iniziate nel 2011 e che si sono sviluppate sul tema generale “Vivere semplicemente perché altri possano vivere semplicemente”.

La campagna 2013-14 della Caritas cerca di “constatare e testimoniare che vivendo con semplicità e preoccupandosi del bene comune stiamo aprendo cammini di speranza verso un nuovo modello economico e sociale in cui le persone sono la prima cosa da riscattare e salvaguardare”, ha sottolineato la responsabile della campagna, Eva San Martín.

“Dalla Caritas annunciamo che c'è un altro modo di intendere l'economia e la società basato sulla priorità dell'elemento comunitario, sulla preoccupazione per il bene comune”.

La campagna invita a costruire e a potenziare l'aspetto comunitario, perché questa è l'unica via di umanizzazione e di speranza per fornire una soluzione alle problematiche sociali attuali.

Nelle due campagne precedenti si è posto l'accento sulla denuncia di un modello politico, sociale ed economico che non sta funzionando, che genera più povertà e favorisce la violazione dei diritti umani, oltre ad aprire finestre sulla riflessione, l'autocritica e la ricerca di alternative che aiutino a costruire un nuovo contesto di sviluppo, di economia, di relazione con il lavoro e di convivenza con gli altri.

Per questo motivo questa campagna Caritas sottolinea il grande ruolo che gioca ogni persona, ogni comunità e ogni gruppo come costruttore di speranza in questo momento cruciale della storia.

La dimostrazione che è così sono gli oltre 70.000 volontari che lavorano alla Caritas per dare speranza e che negli ultimi tempi si sono uniti all'organizzazione con la volontà di collaborare o con le proprie donazioni.

Tra tanta brava gente ci sono dalle persone umili che hanno fornito il proprio apporto economico malgrado le difficoltà a quanti hanno ceduto temporaneamente abitazioni che avevano vuote per aiutare famiglie con problemi di sfratto, imprese che hanno offerto gratuitamente i propri servizi o i propri prodotti per le necessità dei più bisognosi o persone che essendo state accompagnate dalla Caritas per uscire da una situazione di esclusione hanno voluto diventare volontarie.

Tags:
caritasnatale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
ILARIA ORLANDO,
Silvia Lucchetti
Iaia: il dono di essere nata e morta lo stess...
Matrimonio cristiano
Karolina Kόzka ha preferito la morte alla vio...
NATALE, IENE, COVID
Annalisa Teggi
Natale, il suo canto di gratitudine commuove ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni