Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 26 Novembre |
Santa Caterina d'Alessandria
home iconChiesa
line break icon

Evangelii Gaudium: Papa Francesco e la via del Concilio

© DR

Chiara Santomiero - pubblicato il 29/11/13

Mons. Baldisseri: “La riforma del papato non è una frattura. La Chiesa cammina nella storia: il cambiamento è per un annuncio sempre attuale”

Con l’Esortazione apostolica Evangelii Gaudium Papa Francesco ha indicato alla Chiesa il cammino da seguire nei prossimi anni sotto il segno della missionarietà e del discernimento collegiale. Aleteia ne ha parlato con mons. Lorenzo Baldisseri, Segretario generale del Sinodo dei vescovi.

Qual è la sua prima impressione generale del documento? Cosa la colpisce di più?

Baldisseri: La gioia. L’annuncio del Vangelo come un annuncio di lieta notizia che spesso, invece, non viene sottolineato. Specialmente in questi ultimi tempi, l’annuncio della buona notizia è stato un po’ appannato dai problemi, dalle cosiddette questioni “non negoziabili” che esistono naturalmente così come le questioni dottrinali. C’è nel documento un approccio nuovo che viene proprio da Papa Francesco, un uomo che si presenta con il cuore in mano e “primeggia” in questo campo.

La famosa espressione “primerear” che ci ha insegnato Papa Francesco…

Baldisseri: Primerear, appunto, che è un neologismo porteño più che argentino in senso stretto. E’ interessante notare come il Papa in questo momento, è proprio il primo, “primereia” in tutti i campi, anche nell’ambito sociale e politico. C’è un grande interesse per questo uomo il quale, in fondo, cosa dice? Il Vangelo. Credo che il Papa abbia individuato bene il titolo dell’esortazione e la necessità di esprimere la gioia della fede. Non per niente la parola gioia viene citata 59 volte. L’altro aspetto che emerge da una prima lettura del documento è che il suo autore viene da un altro continente che non è quello europeo. Sebbene la formazione personale ed anche ecclesiale di Bergoglio si basi sulla cultura occidentale che ha veicolato la fede nel mondo per circa venti secoli, però si sente l’influsso delle altre culture oltre a quella europea che pure hanno segnato l’immigrazione in Argentina e in America latina in generale. La differenza culturale è evidente in molte parti dell’esortazione, per esempio quando parla, auspica la conversione pastorale a tutti i livelli.

Cosa bisogna intendere per conversione pastorale?

Baldisseri: I comandamenti di Dio che sono scritti nel cuore degli uomini sono fondamentali e richiedono una conversione personale perché valgano nella vita di ognuno di noi. Lo stesso va fatto anche nell’ambito delle strutture sociali, nell’economia, nella cultura. Questo è l’invito che troviamo nella Evangelii Gaudium che è un documento programmatico e insieme esortativo. La necessità di conversione a tutti i livelli. Conversione vuol dire fare una virata, senza praticare rotture, operare la metanoia all’interno e all’esterno di noi. La revisione deve riguardare tutti gli aspetti, comprese le strutture della Chiesa.

L’attenzione dei giornalisti si è appuntata sulla conversione del papato…

Baldisseri: Il Papa dice “io chiedo la conversione, ma devo dare il buon esempio”. Se tutte le strutture devono operare la conversione pastorale partendo da parrocchie, comunità di base, associazioni, diocesi, coinvolgendo il vescovo il quale è chiamato ad essere il pastore che sta davanti al gregge, sta nel mezzo e anche in coda e quindi ad essere un pastore presente, allora, conclude Papa Francesco, anche il papato deve avere la sua riforma.

Questo è un tema che un po’ allarma alcuni ambienti ecclesiali…Cosa intende Papa Francesco per riforma del papato?

Baldisseri: Di certo non il concetto del primato di Pietro perché questo fa parte della dottrina della Chiesa. Si tratta piuttosto di ciò che nel passato si identificava come riforma della Curia. Al numero 32 dell’esortazione apostolica il Papa sottolinea la volontà di una maggiore partecipazione dell’episcopato mondiale, cioè dare concretezza al concetto di collegialità. In questa prospettiva ha indicato la traccia segnata dall’enciclica dedicata al tema dell’ecumenismo,

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
enciclicaevangelii gaudiumpapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
WSZYSTKICH ŚWIĘTYCH
Gelsomino Del Guercio
8 modi per aiutare e liberare le anime del Pu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni