Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 04 Dicembre |
San Francesco Saverio
home iconNews
line break icon

Il lavoro che viene meno e il territorio che cambia

@DR

Chiara Santomiero - Aleteia Team - pubblicato il 18/11/13

Visconti (Caritas Bergamo): “abbiamo imparato a conoscere un fenomeno che non c'era mai stato: la disoccupazione”

Cinque anni consecutivi di crisi economica e una ripresa ancora lontana hanno prostrato anche le zone più sviluppate del Paese sul piano industriale e d’impresa. La perdita di migliaia di posti di lavoro incide pesantemente sul vissuto delle famiglie mentre l’incertezza del futuro rischia di compromettere l’intero tessuto sociale dei territori. Per questo è ancora più necessario piantare “semi” di speranza come racconta ad Aleteia, don Claudio Visconti, direttore della Caritas diocesana di Bergamo e delegato per la carità della Lombardia.

Come vanno le cose a Bergamo?

Visconti: Abbiamo imparato a conoscere un fenomeno che da noi non c’era mai stato: la disoccupazione. In cinque anni sono venuti meno migliaia di posti di lavoro. La conseguenza è che coloro che erano già fragili sono precipitati, mentre tante famiglie sono entrate in difficoltà. Per un po’ gli ammortizzatori sociali sono riusciti a tamponare la situazione ma adesso stanno finendo. La questione più drammatica, come viene spesso testimoniata dai nostri 70 centri di ascolto animati da 1500 volontari, è chi esce dal mondo del lavoro non ci rientra, soprattutto se ha una bassa professionalità.

Quali strumenti anti-crisi ha messo in campo la diocesi?

Visconti: E’ stato costituito il Fondo famiglia lavoro che dal 2009 è riuscito ad aiutare 3500 famiglie. All’inizio si era pensato di tenerlo in funzione per un paio di anni ma ci siamo accorti che era necessario continuare per molto più tempo. Molta parte dei fondi erogati – mai in contanti – riguardano l’assistenza pura e semplice come buoni per beni essenziali nei negozi convenzionati e bollette: la Caritas paga attualmente circa 7 mila euro di bollette a settimana. L’azione più importante, però, l’abbiamo svolta nella ricerca di nuovi posti di lavoro, presso le casse edili o i piccoli artigiani offrendoci di pagare gli oneri fiscali per nuovi assunti – circa 8 mila euro a persona – in cambio dell’assunzione di particolari categorie di lavoratori: quelli più prossimi alla pensione o con più figli a carico. In questo modo siamo riusciti ad ottenere 100 nuovi posti di lavoro, alcuni dei quali con nostra grande gioia si sono trasformati in assunzione a tempo indeterminato. Soprattutto abbiamo posto un segno e inviato un messaggio: se ci si dà una mano, insieme si possono raggiungere degli obiettivi anche in una situazione grave come quella attuale.

Ci sono anche altre iniziative?

Visconti: La terza “gamba” di questa azione è il microcredito per piccoli progetti: tramite il “Fondo speranza” della Cei abbiamo finanziato 150 famiglie e altre 150 con i fondi diocesani. Dal 2013 si è posto anche il problema dei mutui di molte case non più sostenibili da parte delle famiglie. A quelle che hanno un minimo di disponibilità, raccomandiamo di non andare in mora e, attraverso una convenzione con una banca, la Caritas paga il resto della rata per tre mesi. Un altro segno, inoltre, è il progetto “Super cent”, con il quale si possono versare anche pochi euro in maniera costante tramite un bonifico sulla propria banca senza spese di commissione. Tre mila persone hanno assunto con fedeltà, in maniera continuativa, questo impegno che rappresenta il classico “granello” con il quale tutti possono contribuire a fare cose grandi.

Quali effetti ha prodotto la crisi sull’atteggiamento delle persone?

Visconti: Il nostro è un territorio che ha sempre dato con molta generosità per ogni emergenza che si è presentata nel tempo. Tutto si basava però dalla sicurezza del posto di lavoro. Oggi che questa sicurezza è stata posta in discussione, il meccanismo sembra inceppato. C’è una grande generosità nell’immediatezza – come dimostra la raccolta per la catastrofe di questi giorni nelle Filippine – ma nell’ordinario è diventato più difficile. Perché anche le famiglie che non hanno perso il lavoro, hanno paura che possa accadere e sono più caute. Le famiglie sono in apprensione: prima era impensabile perdere il lavoro, il territorio di Bergamo è stato sempre un catalizzatore di occupazione: infatti è la terza città d’Italia per numero d’immigrati, almeno 150 mila. Con la realtà della disoccupazione viene meno un luogo di identità forte dei bergamaschi perché il lavoro non è solo capacità economica ma elemento di coesione sociale.

  • 1
  • 2
Tags:
crisi economicalavoro
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
FATHER JOHN FIELDS
John Burger
Muore sacerdote che si era offerto volontario...
MARIA DEL MAR
Rodrigo Houdin
È stata abbandonata in una discarica, ma ha c...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CHARLES
Anna Ashkova
La preghiera del Beato Charles de Foucauld da...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni