Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!
Aleteia

Il più famoso terrorista cattolico della storia

Melissa Toh
Condividi

Guy Fawkes e altri cattolici cercarono di far esplodere la Camera dei Lord in quello che è noto come “Gunpowder Plot”. Erano eroi o criminali?

Buon Gunpowder Treason Day! O Guy Fawkes Day, in base alla propria appartenenza politica. Entrambi ricordano il fallito “Gunpowder Plot” di un gruppo di cattolici che progettarono di far esplodere la Camera dei Lord a Londra in risposta alla dura persecuzione anti-cattolica da parte del Governo. A seguito di una soffiata con una lettera anonima, la polizia scoprì Guy Fawkes con dell'esplosivo poche ore prima dell'attacco. Da allora, Guy Fawkes e gli altri cospiratori sono stati idolatrati o demonizzati, celebrati come martiri e considerati esempi del perché non ci si può fidare dei cattolici. Il film del 2005 “V per Vendetta” ha riadattato per la nostra epoca la leggenda di Guy Fawkes, e gruppi come Anonymous hanno assunto la sua immagine come simbolo della coraggiosa opposizione alla tirannia. Ma è davvero un eroe?

“Il Gunpowder Plot deve essere visto e compreso nella cornice del suo contesto storico”, ha affermato Joseph Pearce, writer-in-residence e docente di materie umanistiche presso il Thomas More College. “I cattolici perseguitati e assediati dell'Inghilterra avevano aspettato con tenacia e speranza la morte dell'anziana regina confidando che il suo successore, Giacomo I, avrebbe mantenuto le sue promesse di porre fine ai continui attacchi al cattolicesimo”.

“Anche se Giacomo era sposato con una cattolica, venne meno alla sua promessa e portò avanti la stessa politica di torturare i sacerdoti e mandarli a morte. La breve euforia che circondò la morte di Elisabetta I nel 1603 fu seguita dalla disperazione quando i cattolici inglesi compresero che non era possibile prevedere la fine del terrore nel quale vivevano. Nel caso di alcuni, questa disperazione portò al tristemente famoso piano per assassinare il re e i suoi ministri”.

Pearce afferma che le difficoltà dell'epoca si riflettono in alcune opere di Shakespeare – che potrebbe essere stato egli stesso cattolico. “Chi vuole cogliere davvero il senso dell'oscurità che era calata sui cattolici inglesi in questo periodo sinistro della storia d'Inghilterra non deve fare altro che guardare alle trame di Macbeth, Re Lear e Otello, ciascuno dei quali trasmette la rabbia e lo scoraggiamento dello Shakespeare cattolico in quell'epoca”.

Nonostante la grave persecuzione che i cattolici subivano in quel momento in Inghilterra, l'autore cattolico John Zmirak afferma che il complotto fu immorale. “Non era un atto di guerra giusta. Perché? Non aveva possibilità di successo. Non c'era alcun erede cattolico che attendeva in Scozia con un esercito a sostenerlo. Non c'era alcun progetto realistico di ristabilire l'ordine”.

Zmirak sottolinea che il complotto in realtà acuì la persecuzione dei cattolici. “È stato solo un atto di violenza vendicativa, nichilistica – che ha portato a una prevedibile persecuzione dei cattolici. Per la stessa ragione, usare violenza contro gli abortisti è sbagliato: è un atto di guerra civile. E perderemmo”.

“Le rivoluzioni violente sono soggette ai principi della guerra giusta, che includono la possibilità di successo, il dovere di non colpire chi non è coinvolto nei combattimenti e di usare solo una violenza proporzionale all'ingiustizia che viene sofferta”.

Zmirak non ha una grande opinione dell'utilizzo moderno del personaggio di Guy Fawkes. “Anonymous e i teppisti di ‘Occupy Wall Street’ si ispirano non al vero Guy Fawkes, ma a uno dei film sulla politica più spregevoli mai realizzati, 'V per Vendetta'. Fawkes era un folle, ma merita di meglio”.

Docente di Storia della Chiesa presso il College e il Seminario dei Santi Apostoli, suor Dolores Liptak, R.S.M. concorda con la valutazione negativa di Zmirak del Gunpowder Plot. “Chiaramente, il piano di Guy Fawkes è stato un errore… Il concetto di far saltare in aria persone innocenti in nome di un principio (non importa quale) è detestabile per tutti i cristiani”.

“La persecuzione è una realtà spaventosa e terribile per un gruppo. È orribile, malvagia, ma viene data la grazia di accettarla, e so che deve essere accettata – come hanno fatto i primi seguaci di Cristo e molte altre persone di buona volontà. Molti hanno fatto la cosa giusta: versare il proprio sangue per il bene dell'edificazione del regno di Dio in questo mondo peccatore”.

Hanno contribuito a questo articolo i seguenti esperti di Aleteia:

Suor Dolores Liptak, R.S.M., docente di Storia della Chiesa presso il College e il Seminario dei Santi Apostoli.

Joseph Pearce, “writer-in-residence” e docente di materie umanistiche presso il Thomas More College delle Arti Liberali a Merrimack, New Hampshire (Stati Uniti). È coeditore della St. Austin Review e redattore capo di Sapientia Press.

John Zmirak ha scritto libri come “The Bad Catholic’s Guide to the Catechism”. I suoi articoli possono essere letti su The Bad Catholic’s Bingo Hall.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni