Ricevi Aleteia tutti i giorni
Aleteia

Un cristiano come può non perdere la speranza?

@DR
Condividi
Commenta

Sant'Agostino invitava a non voler capire solo quello che il Signore ci chiede, ma ad accogliere quello che il Signore ci dà

Viviamo in un'epoca in cui situazioni di disagio e povertà ci prospettano un avvenire incerto e cupo. Il rischio è di perdere, insieme con la sicurezza economica, anche la speranza. Un cristiano cosa può fare per guardare al futuro con rinnovata fiducia?

Flavia

Al capitolo 3 della Lettera di Pietro leggiamo: “E chi potrà farvi del male, se sarete ferventi nel bene? Se poi doveste soffrire per la giustizia, beati voi! Non sgomentatevi per paura di loro e non turbatevi, ma adorate il Signore, Cristo, nei vostri cuori, pronti sempre a rispondere a chiunque vi domandi ragione della speranza che è in voi” (1 Pt 3, 13-15). Nell'ultimo convegno ecclesiale di Verona queste parole sono state oggetto di una profonda riflessione. Il cardinale Dionigi Tettamanzi, nella presentazione, ha affermato chiaramente che non si deve parlare soltanto di speranza ma anche “con speranza”. Spesso è quasi dimenticata. Ma è stato scritto che è quella virtù che viene portata per mano dalla fede e dalla carità.

Guardando la situazione del mondo di oggi, con tanti disagi e con tante incertezze, come cristiani, per non essere vittime di un certo pessimismo, siamo invitati a recuperare una maggiore fiducia nella bontà e nella paternità di Dio che certamente non abbandona mai i suoi figli. E' proprio il vivere con la presenza di Cristo nel cuore che ci libera da ogni paura e ci rende capaci di dare ragione di questa nostra speranza. Credo che siamo invitati sempre, ma soprattutto nei momenti di maggiore disagio, a risentire l'invito di Sant'Agostino che ci esorta a non voler capire solo quello che il Signore ci chiede, ma ad accogliere quello che il Signore ci dà. Forse siamo chiamati a non lamentarci solo di quello che ci manca ma a renderci anche conto di quello che abbiamo e che, spesso, non accogliamo con gratitudine e rispetto. Questa capacità di dare ragione della speranza che è in noi, non è frutto di un prodotto solo intellettuale, ma è espressione di un cuore pieno di amore e illuminato anche da tutti quei valori che sono frutto dello Spirito. Ricordiamoci che nel nostro cammino cristiano non siamo da soli ma, animati dalla fede e ripieni di amore, lo percorriamo insieme a Cristo risorto che ha vinto anche la morte. Non dobbiamo avere paura, ma solo fidarci e affidarci all'amore paterno di Dio.

——–
Invia il tuo interrogativo, scrivendo una email a padreantonio@asuaimmaginesettimanale.it oppure spedendo una lettera all'indirizzo A Sua Immagine, Borgo Sant'Angelo 23, 00193 Roma. La risposta arriverà dal silenzio e dalla spiritualità del Monastero di San Benedetto di Subiaco. Padre Antonio offrirà una chiave per trovare un senso alle questioni poste, accompagnando il cammino di credenti e non credenti.

Top 10 d’Aleteia
  1. I più letti
    |
    I più condivisi
  2. Gelsomino Del Guercio/Lucandrea Massaro/Aleteia
    L’Italia concede la cittadinanza ad Alfie!
  3. Giovanni Marcotullio/Aleteia
    Alfie, il giudice, l’insulto e la …
  4. Gelsomino Del Guercio/Lucandrea Massaro/Aleteia
    L’Italia concede la cittadinanza ad Alfie!
  5. Giovanni Marcotullio/Aleteia
    Alfie, il giudice, l’insulto e la …
  6. Costanza Miriano/Il blog di Costanza Miriano
    Il NHS è come un idolo al quale si offrono …
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni