Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 25 Novembre |
Santa Caterina d'Alessandria
home iconChiesa
line break icon

Che tipo di fede era quella dei discepoli prima della morte di Gesù?

@DR

padre Angelo Bellon, o.p. - Amici Domenicani - pubblicato il 23/10/13

"Almeno in alcuni casi la fede nella divinità di Gesù era esplicita"

Caro Padre Angelo,


mi chiamo Massimo, vorrei farle una domanda. Che tipo di fede era quella dei discepoli (e delle folle) prima della morte di Gesù Cristo? Bisogna aspettare la Risurrezione per parlare veramente di fede oppure è possibile già durante la vita terrena di Gesù? Un sacerdote mi ha detto che si potrebbe parlare di fede implicita prima della morte. Potrebbe spiegarmi (per quanto possibile) e, eventualmente, darmi anche qualche indicazione?
Grazie
Massimo

Caro Massimo,

1. credo che in alcuni casi ci sia stata la fede esplicita nella divinità di Cristo. L’esempio più illuminante riguarda la circostanza in cui Gesù ha conferito il primato a San Piretro. Ecco il testo: “Disse loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Rispose Simon Pietro: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente». E Gesù gli disse: «Beato sei tu, Simone, figlio di Giona, perché né carne né sangue te lo hanno rivelato, ma il Padre mio che è nei cieli. E io a te dico: tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa e le potenze degli inferi non prevarranno su di essa” (Mt 16,15-18). Come vedi, Gesù fa riferimento ad una rivelazione fatta dal Padre a San Pietro.

2. Con la sua risposta san Pietro afferma due cose: che Gesù è il Messia promesso e atteso. Inoltre proclama la divinità di Cristo perché dice che Gesù è “il” Figlio di Dio vivo. Il Dio vivo per gli ebrei è l’unico vero Dio, ben distinto dagli dei pagani, che sono inesistenti, morti.

3. L’articolo “il”, che nel testo greco precede la parola Figlio, mostra con evidenza che non si tratta di un figlio adottivo qualunque, ma del Figlio unico di Dio, cioè della seconda persona della SS. Trinità. Opponendo la persona di Gesù a quella dei profeti (Geremia o Giovanni Battista) come pensava la gente, san Pietro dice chiaramente che non si tratta di una filiazione adottiva, morale, ma di una vera filiazione naturale.

4. Questo reso ancor più manifesto se si pensa che Gesù non avrebbe chiamato Pietro “beato” e non avrebbe parlato di una speciale rivelazione divina se Pietro avesse inteso parlare di una filiazione adottiva, come quella dei profeti. Se così fosse stato, Piretro non avrebbe detto sostanzialmente nulla di diverso da quello che pensava la gente.

5. Pertanto la fede di san Pietro è fede nella divinità di Cristo. È una fede che non proviene dalle forze umane, ma è dovuta ad una rivelazione soprannaturale del Padre perché “nessuno conosce il Figlio se non il Padre” (Mt 11,27). L’espressione carne e sangue era usata dai rabbini per indicare la debolezza dell’uomo in opposizione alla potenza infinita di Dio.

6. Ugualmente quando in Gv 6,68-69 San Pietro a nome degli Apostoli dice a Gesù: “Signore, da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna e noi abbiamo creduto e conosciuto che tu sei il Santo di Dio” possiamo capire che San Pietro e gli altri apostoli avevano capito e creduto alla divinità di Gesù. Non dimentichiamo che nell’Antico Testamento il termine “Santo” veniva applicato solo a Dio. Perfino i demoni erano stati costretti a riconoscere la divinità di Cristo quando dicevano: “Che vuoi da noi, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci? Io so chi tu sei: il Santo di Dio!” (Mc 1,24).

7. Un altro caso di fede manifesta nella divinità di Gesù lo troviamo in Lc 1,43, quando Elisabetta, colma di Spirito Santo, rivolgendosi a Maria, dice: “A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me?”. Dalle parole di Elisabetta appare chiaro che lo Spirito Santo le aveva rivelato il mistero compiuto in Maria e cioè stava iniziando a diventare Madre, e madre del Signore, Madre di Dio!

8. Non vado oltre, caro Marco, ma questi esempi mi sembrano sufficienti per affermare che almeno in alcuni casi la fede nella divinità di Gesù non era solo implicita, ma esplicita.

Ti saluto, ti ricordo al Signore e ti benedico.
Padre Angelo

Tags:
gesù cristoresurrezionerivelazionevangelo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
CARLO ACUTIS MIRACOLI EUCARISTICI
VatiVision
Carlo Acutis: il documentario sulla mostra su...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni