Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Perché Dio “ha reso ciechi i loro occhi” e “indurito il loro cuore”?

@DR
Condividi

La prima causa dell'incredulità è l'incredibilità dell'amore di Dio, la seconda è la cecità dell'uomo

Vorrei una spiegazione di un versetto del Vangelo di Giovanni (12,40) dove Cristo, riprendendo le parole di Isaia, dice: “Ha reso ciechi i loro occhi e ha indurito il loro cuore, perché non vedano con gli occhi e non comprendano con il cuore, e si convertano e io li guarisca”. Perché Dio avrebbe reso ciechi costoro? E quale sarebbe la colpa se è stato Dio a indurire il cuore? Che male c'è a comprendere con il cuore. Non è fede?

Grazie,

Anna

——-
di padre Antonio

L'evangelista parte da una considerazione che, nonostante i tanti segni compiuti da Gesù, rimane sempre una forte incredulità ed è perciò preoccupato di comprendere questo mistero della mancanza di fede. Giovanni evidenzia i motivi di questa incredulità e, tra questi, anche che l'uomo non può credere perché è accecato. Per questo si serve del testo di Isaia: “Accecò i loro occhi…” (6,9-10). Silvano Fausti nel testo Una comunità legge il Vangelo di Giovanni così commenta: “Il testo è preso dal racconto della vocazione di Isaia. Ma Giovanni lo modifica. Mentre in ebraico è il profeta che rende il popolo duro di orecchi e cieco; mentre nella versione dei LXX è il popolo che non vuole convertirsi, Giovanni qui dice che un altro, non nominato ma ben riconoscibile, 'accecò gli occhi e indurì il cuore'. Autore della cecità non è né il Profeta, né il popolo, né tantomeno il Signore: è il capo di questo mondo, che il Signore è venuto a gettar fuori (v. 31). E lo getta fuori con il suo essere innalzato, che ci fa vedere il suo amore incredibile. Si tratta del diavolo, il menzognero e omicida dall'inizio, il Satana che entra nel cuore di Giuda. Egli, con la sua menzogna, ha distolto l'orecchio dalla Parola di vita, accecando gli occhi e indurendo il cuore di tutti (cfr. Gen 3, 14): 'Non potete ascoltare la mia parola. Voi siete da quel padre che è il diavolo e volete fare i desideri del padre vostro'. E' lui che ci ha proposto un'immagine diabolica del Padre, precisamente la sua. Per questo non possiamo vedere, comprendere e volgerci al Signore. Giovanni tralascia anche 'l'indurimento di orecchi' di cui ci parla Isaia 6,10, per insistere sugli occhi e sul cuore. Infatti chi ha un cuore libero può vedere dalla sue opere chi è lui. Egli non propone una dottrina: è luce del mondo proprio nella sua carne di Figlio, che fa vedere il Padre. L'evangelista, inoltre, a differenza di Isaia 6, 9-10, non nomina 'il popolo'. Questo termine ha per lui un significato positivo: sono invece i suoi capi, anche se non tutti, a essere ciechi e duri di cuore. Quindi se la prima causa dell'incredulità è l'incredibilità dell'amore di Dio, la seconda è la cecità dell'uomo, ingannato dalla menzogna che solo la croce vincerà”. Il mio cuore è libero per poter vedere i segni che Dio opera nella mia vita?

——–

Invia il tuo interrogativo, scrivendo una email a padreantonio@asuaimmaginesettimanale.it oppure spedendo una lettera all'indirizzo A Sua Immagine, Borgo Sant'Angelo 23, 00193 Roma. La risposta arriverà dal silenzio e dalla spiritualità del Monastero di San Benedetto di Subiaco. Padre Antonio offrirà una chiave per trovare un senso alle questioni poste, accompagnando il cammino di credenti e non credenti.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.