Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
home iconStile di vita
line break icon

Papa Francesco, “in famiglia” con i ragazzi delle scuole dei gesuiti

ANDREAS SOLARO

Chiara Santomiero - pubblicato il 07/06/13

Padre Denora: “oggi la nostra missione è essere al servizio del futuro”

P { margin-bottom: 0.21cm;

“Volevi fare il papa?”, “Come hai fatto a decidere di fare il prete?”, “Sei mai stato in Sicilia? Se vieni ti accogliamo volentieri”. Gli allievi delle scuole dei gesuiti di Italia e di Albania – in 9 mila sono arrivati venerdì mattina nell’aula Aula Paolo VI in Vaticano per incontrare il primo papa gesuita della storia – si sono rivolti senza timori a Francesco dandogli del “tu” ed esprimendo le domande grandi e piccole che la loro età e la vicinanza che avvertono con il pontefice gli ha suggerito. D’altra parte è stato lo stesso papa ad incoraggiarli affermando che “con tutti voi mi sento in famiglia” e accorciando il discorso ufficiale per ascoltarli il più possibile.


E di domande da parte dei ragazzi ne erano arrivate tante come racconta ad Aleteiapadre Vitangelo Denora, delegato per i collegi della Provincia d’Italia e di Albania e direttamente responsabile per le scuole di Torino, Milano e Napoli.


Denora: Era desiderio del Papa che ci fosse spazio per dialogare con i ragazzi e così abbiamo “inventato” un concorso chiedendo a tutte le scuole di proporre agli studenti più piccoli di scrivere una lettera con l’incipit “caro Papa” mentre per i più grandi la formula era “Al Papa vorrei dire…”. Abbiamo ricevuto tantissime risposte da parte dei ragazzi che nel proporre domande hanno raccontato molto di sè, dei loro valori, sogni, paure. I ragazzi del liceo hanno raccontato il timore e il dolore di perdersi, quelli delle scuole medie hanno scritto a Francesco: “ti sentiamo un papa rivoluzionario perchè ascolti i nostri desideri senza strumentalizzarli come fa la società di oggi”. Non so cosa succeda esattamente, ma in questa relazione con Bergoglio i giovani si sentono liberi di esprimersi e si sentono ascoltati. E nell’incontro nell’aula Paolo VI è stato molto evidente.

Cosa rappresenta oggi in Italia la realtà dei collegi dei gesuiti?


Denora: In Italia ci sono 5 mila alunni tra scuole dell’infanzia, primaria, secondaria e licei classico e scientifico. Altri 700 studenti sono nel collegio di Scutari in Albania che fa parte della provincia italiana. Io credo che la missione delle nostre scuole oggi in Italia sia quella di essere un servizio nei confronti del futuro. Le scuole dei gesuiti sono nate come opera di carità perchè si pensava che la carità più grande da fare a una società fosse offrire una buona formazione a persone che crescessero avendo fiducia nei propri talenti e mettendo questi talenti a servizio degli altri. Papa Francesco ha invitato ripetutamente i giovani – lo ha fatto anche oggi – ad avere grandi sogni, ad avere fiducia nei doni che il Signore ha fatto a ciascuno e a metterli al servizio degli altri. Questo è il cuore della nostra missione educativa e pensiamo che in Italia oggi ce ne sia tanto bisogno in un contesto in cui la scuola cattolica è in difficoltà, ma lo è tutto il mondo della scuola perchè non sono in molti a ritenerlo un campo prioritario nel quale una società gioca il suo futuro e dove si può aiutare i giovani a traghettare questo periodo così difficile.

Scuola paritaria e scuola statale: un rapporto difficile?


Denora: Oggi in Italia bisogna impostare in modo nuovo questo dibattito tra scuola paritaria e scuola statale proprio perché tutti abbiamo davanti la stessa sfida educativa e non serve continuare a litigare sui soldi come se ognuno li togliesse all’altro. Dobbiamo aiutarci. Anche le scuole paritarie hanno il desiderio di essere scuole aperte a tutti – non si vogliono fare scuole per elite – e sono preoccupate per il disinvestimento che c’è nel nostro Paese nei confronti della scuola. Bisogna pensare tutti insieme ai giovani e proporre livelli educative di qualità altrimenti la scuola ma anche la società e la nostra Chiesa non hanno futuro.

Come affrontare le sfide che avete davanti, compresa una fase di ristrutturazione?


Denora: Innanzitutto credendo nel nostro progetto educativo. Credo che dall’incontro con il Papa venga fuori un’energia nuova, sia per gli educatori che per I giovani. Sono profondamente convinto che uno dei luoghi dove ancora oggi avviene qualcosa di sacro – anche se non tutti lo chiamiamo così – è il luogo in cui si vive l’esperienza spirituale della relazione educativa con I ragazzi. Lì c’è qualcosa che si avvicina molto al mistero della vita, della persona, ed è da lì che nasce la speranza e la fiducia nel futuro.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
gesuitipapa francescoscuola
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Catholic Link
7 armi spirituali che ci offrono i santi per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni