Aleteia
sabato 24 Ottobre |
Sant'Antonio Maria Claret
News

Rapito dai banditi e dimenticato dal mondo

Carly Andrews - pubblicato il 16/04/13

La storia di padre Michael Kayal

Rapito e dimenticato: il 9 febbraio 2013, il sacerdote 27enne Michael Kayal di Aleppo, in Siria, è stato sequestrato dai ribelli estremisti islamici. A due mesi dalla scomparsa non si hanno più sue notizie, ma il mondo resta in silenzio.

Monsignor Georges Dankaye, rettore del Collegio Armeno di Roma e procuratore della Chiesa armena cattolica presso la Santa Sede, parla del rapimento di padre Michael e del terribile incubo che tormenta i cristiani siriani. È una realtà di spargimento di sangue, tortura e disumanità a livelli impensabili.

“Padre Michael è stato mio allievo in seminario per due anni ad Aleppo. Era molto gentile e intelligente”, racconta Dankaye, sorridendo tristemente. “Amava praticare lo sport, gli piacevano la musica e cantare. Era sempre pronto a dare una mano”.

I due sono stati anche più di un anno insieme al Collegio Armeno, quando Michael studiava Diritto canonico presso il Pontificio Istituto Orientale. È stato poi ordinato sacerdote il 2 novembre 2011.

Quando padre Michael è tornato in Siria, le sollevazioni erano già iniziate e la violenza si stava diffondendo nel Paese. Eppure, il suo “spirito, il suo entusiasmo e il suo zelo” hanno tuttavia conquistato il cuore sia del parroco che dei parrocchiani. Mentre la situazione peggiorava e i rifugiati affluivano dalle periferie di Aleppo, padre Michael, insieme a tre altri giovani sacerdoti, ha avviato una missione con i migranti. “Andavano ogni giorno nelle scuole in cui le famiglie musulmane stavano trovando rifugio e portavano loro da mangiare, assicurando sia il pranzo che la cena, e portavano anche altri aiuti, nonché medici”.

Sembra che padre Michael stesse seguendo la scia dei santi lavorando con spirito di servizio e compassione: “Mi ricordo di una telefonata in cui mi disse: ‘Quello che posso fare sempre è servire, e nulla è più grande di questo’”, ricorda Dankaye. 

Il 9 febbraio, padre Michael ha lasciato Aleppo. Era previsto che si recasse a Roma, fermandosi in una piccola città lungo il cammino per Beirut prima di arrivare in Italia il 12 febbraio. Viaggiava da poco quando a uno dei tanti blocchi posti lungo le strade siriane, una banda di ribelli ha preso d’assalto l’autobus. “C’erano tre presbiteri a bordo, due in veste sacerdotale e un salesiano senza abito. Hanno visto i due con la veste sacerdotale e li hanno fatti scendere; al terzo non hanno detto nulla”.

“Mezz’ora dopo hanno parlato al telefono con suo fratello dicendo ‘Vi contatteremo presto per giungere a un accordo’”, ha continuato monsignor Dankaye. “Da quel momento l’unico contatto è stato con suo fratello, mai con la Chiesa; e allora il fratello ha parlato con il vescovo… e sembra che il vescovo abbia informato il Governo”. La famiglia di padre Michael ha rivelato di aver ricevuto la richiesta di un riscatto di 15 milioni di lire siriane e della liberazione di 15 prigionieri. Tuttavia, in seguito, i terroristi hanno rinunciato alla richiesta di rilascio dei prigionieri, accontentandosi solo del denaro. “Questo ci fa pensare che si tratti di un piccolo gruppo armato più che del Fronte di Liberazione Siriano, perché la liberazione di 15 prigionieri avrebbe fatto molto gola”. “Ci sono circa 2000 di questi piccoli gruppi. Non si organizzano o coordinano tra loro; ogni gruppo ha i propri obiettivi, i propri ideali”. La disorganizzazione è diventata evidente dopo il sì della famiglia al pagamento del riscatto, quando il gruppo non si è fatto più avanti per reclamarlo.

Qual è quindi la situazione ora? Padre Michael è ancora vivo? Dankaye afferma che “l’unica informazione che abbiamo è una telefonata del 20 febbraio; gli hanno permesso di parlare con la madre per meno di mezzo minuto, e ha detto ‘Mamma, sto bene, ma prega per me’. Da allora non ci sono stati altri contatti. Non sappiamo nulla. Tutto è avvolto dal mistero”.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
libertà religiosapersecuzione cristianisiria
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
POPE FRANCIS AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
La fake news sul Papa che giustifica le union...
Gelsomino Del Guercio
6 frasi di Papa Francesco sulle persone omose...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa su coppie gay: serve una "legge di co...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni