Aleteia
lunedì 26 Ottobre |
Santi Luciano e Marciano
News

La Siria ha bisogno di aiuti, non di armi

TAUSEEF MUSTAFA

Roberta Sciamplicotti - pubblicato il 28/03/13

Profughi e sfollati interni, vittime di un conflitto che sembra inasprirsi

“La comunità internazionale invii aiuti alla popolazione siriana in fuga dalla guerra, invece di spedire armi”. A lanciare questo appello è stato padre Simon Faddoul, presidente di Caritas Libano, che non ha voluto commentare ulteriormente la decisione della Lega Araba di armare i ribelli del Free Syrian Army, preferendo soffermarsi sulla situazione nei campi profughi.

“La condizione dei rifugiati è terribile e sta peggiorando sempre di più: ormai si è perso il conto delle persone che attraversano il confine”, ha spiegato. Secondo dati ONU, sarebbero ormai più di un milione, e nei campi soffrono fame e freddo (Agenzia AsiaNews, 27 marzo).

Per monsignor Antoine Audo, vescovo caldeo di Aleppo e presidente di Caritas Siria, la prima emergenza è organizzare gli aiuti alimentari per le famiglie, perché “i siriani sono ormai divenuti tutti poveri”. C'è poi l’aspetto medico-sanitario, ovvero la necessità di assicurare assistenza medica a bambini, malati, donne e anziani. “Dobbiamo fare tutto quello che possiamo, ma anche pregare e chiedere ai potenti di scegliere la pace al posto della violenza e degli interessi politici e economici”, ha affermato (Radio Vaticana, 22 marzo).

Per i cristiani, che hanno la Chiesa come unico supporto e punto di riferimento, la situazione è particolarmente difficile, come ha ricordato padre Andrzej Halemba, responsabile internazionale dell'associazione Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS) per il Medio Oriente. “Ecco perché è essenziale distribuire gli aiuti attraverso le diocesi e la Caritas”, ha affermato (ACS, 3 febbraio).

In Siria aumentano anche i rapimenti a scopo di riscatto, e anche se non è certo che i cristiani ne siano vittime a causa della propria fede, testimonianze giunte ad ACS sembrano avallare questa ipotesi. “Ho sentito chiaramente uno dei miei rapitori dire 'Per voi cristiani non c’è più posto in questo Paese. Dovete andarvene'”, ha raccontato un fedele.

“Siamo certamente Chiese 'del Calvario'”, ha sottolineato il patriarca latino di Gerusalemme, Fouad Twal riferendosi al cattolicesimo mediorientale in generale. Il calvario, ha tuttavia ricordato, “non è molto lontano da quella tomba vuota. E questo ci porta a essere anche Chiese della Resurrezione, della speranza, della gioia” (Agenzia Sir, 11 marzo).

A fine gennaio, il patriarca ha scritto una “Lettera di solidarietà per la Siria sofferente” in cui sottolineava come la comunità internazionale abbia compreso solo oggi il proprio errore nel pensare di riuscire a far capitolare facilmente il regime di Assad. “Da noi, in Medio Oriente come in tutti i Paesi arabi, è l’esercito che cambia il regime: mai il Parlamento o una volontà esterna! E l’esercito siriano, a maggioranza allawita, è ancora fedele al cento per cento al presidente”.

Per Massimiliano Trentin, ricercatore di Storia del Medio Oriente all’università di Bologna, dopo il via libera della Lega Araba alla fornitura di armi ai ribelli e il “no” della Nato ai missili patriot sulle zone liberate della Siria lo scenario più probabile è quello di un’escalation militare, perché da un lato c'è il regime di Damasco che ha riconquistato da poco il luogo simbolico di Homs, dall’altro ci sono le opposizioni militari che sono avanzate negli ultimi mesi ma stanno combattendo anche tra di loro.

“Sembra che stia prevalendo, quantomeno a livello internazionale, l’opzione di armare i ribelli e di puntare ancora sullo scontro militare come chiave di volta, come elemento risolutivo di un conflitto che vede, invece, dall’altra parte una capacità anche di resistenza militare notevole alla parte del regime di Damasco. È una situazione che si evolverà con un proseguimento di questa guerra di logoramento all’interno del Paese” (Radio Vaticana, 28 marzo).

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
guerrasiria
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
fedez don alberto ravagnani
Gelsomino Del Guercio
Fedez e don Alberto Ravagnani: confronto su s...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
EVGENY AFINEEVSKY
Camille Dalmas
Come Afineevsky ha recuperato l‘estratto sull...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni