Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 26 Novembre |
Santa Caterina d'Alessandria
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...Storie di Santi

Beato Luigi Novarese

Sacerdote e Fondatore

LUIGI NOVARESE

Ufficiostampa.mon CC

Luigi Novarese nasce a Casale Monferrato, in Piemonte, il 29 luglio 1914, ultimo di nove figli. Il padre morì quando Luigi aveva appena nove mesi. Così la giovane mamma Teresa, appena trentenne, si dovette occupare da sola della numerosa famiglia.

Luigi sperimentò personalmente la sofferenza. All’età di nove anni, gli fu diagnosticata una coxite destra, per cui gli venne applicato un apparecchio gessato per tenere dritte le gambe. Iniziò così il continuo pellegrinaggio da un ospedale all’altro, ma senza risultato. In quel periodo sperimentò sulla sua pelle quali fossero le gravi condizioni in cui si trovavano solitamente gli ammalati.
La cosa che più lo faceva soffrire era sentire i malati bestemmiare, a volte perché non assistiti dal personale. Allora, con notevoli sforzi cercava di aiutarli lui stesso, per evitare che bestemmiassero ancora di più.

Il 17 maggio 1931, uscì dall’ospedale completamente guarito, dopo una novena con i ragazzi di Valdocco. Tornato a casa il suo pensiero fu, come promesso alla Madonna, di dedicare la sua vita agli ammalati. Continuò gli studi per conseguire la licenza liceale e iscriversi alla facoltà di medicina a Torino ma, alla morte della mamma, nel 1935, decise di farsi sacerdote e di servire gli ammalati dal punto di vista spirituale. Proseguì gli studi a Roma, presso l’Almo Collegio Capranica.

Fu ordinato sacerdote il 17 dicembre 1938, nella Basilica di San Giovanni in Laterano. Nel 1941 fu assunto presso la Segreteria di Stato e vi rimase fino al 1970, quando fu distaccato per seguire esclusivamente l’Assistenza Religiosa Ospedaliera d’Italia, di cui ricevette incarico dal 1962.
Per la sua esperienza di malattia e di sanatorio, volle dedicare la sua vita a un nuovo apostolato: “la promozione integrale della persona sofferente”. Suo scopo era valorizzare, recuperare la persona ammalata “integralmente”, partendo dalla sua anima e proseguendo in ogni ambito della sua vita: il corpo, il lavoro, gli affetti, ecc.

Mons. Luigi Novarese, con Sorella Elvira Psorulla, alla quale chiese di collaborare in questo suo nuovo apostolato, diede vita alle fondazioni che, a diverso livello, si propongono il sostegno spirituale, umano e materiale delle persone sofferenti:
– “Lega Sacerdotale Mariana” (1943),
– “Centro Volontari della Sofferenza” (1947),
– “Silenziosi Operai della Croce” (1950),
– “Fratelli degli Ammalati” (1952).

Dal 9 al 15 settembre 1952 tenne, ad Oropa (BI), il primo corso di esercizi spirituali al primo gruppo di Silenziosi Operai della Croce provenienti da diverse parti d’Italia. Fu in quella occasione che si pensò di costruire una casa per ospitare ammalati e handicappati che desiderano vivere annualmente l’esperienza degli esercizi spirituali. La prima di queste case è stata costruita a Re (VB), e fu dedicata al “Cuore Immacolato di Maria“.

Volendo fare di più per gli ammalati, Mons. Novarese pensò a dei laboratori che permettessero l’inserimento dei disabili nel mondo lavorativo e l’indipendenza economica dalle loro famiglie. Questo avveniva nel 1954 dopo un fatto miracoloso che coinvolse un membro della comunità. È doveroso ricordare che in quegli anni nessuno si occupava ancora degli handicappati.
Qualche anno dopo, nel 1957, la prima Comunità di Silenziosi Operai della Croce entrò in quella che diverrà la “Casa Madre” dell’associazione, presso il Santuario di Valleluogo in Ariano Irpino (AV). Le opere continuarono a crescere e Mons. Luigi Novarese aveva iniziato a pensare oltre i confini italiani, sognando quella che definiva “l’unione mondiale degli ammalati”. Mons. Novarese elaborò idee divenute portanti nell’attuale impegno associativo nella Chiesa Universale e presenti in documenti del magistero universale come la Salvifici Doloris e la Christifideles Laici.

Alla sua morte, a Rocca Priora (RM) il 20 luglio 1984, San Giovanni Paolo II, definendolo “Apostolo dei malati”, commentò la notizia deplorando la morte di una persona veramente preziosa per l’intera Chiesa.

Luigi Novarese è stato dichiarato Beato l’11 maggio 2013 durante la Celebrazione nella Basilica di San Paolo fuori le mura in Roma, presieduta dal Card. Tarcisio Bertone S.D.B., Segretario di Stato, in rappresentanza di Papa Francesco.

Accedi qui all'archivio dei santi del giorno
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
WSZYSTKICH ŚWIĘTYCH
Gelsomino Del Guercio
8 modi per aiutare e liberare le anime del Pu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
Vedi di più