Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 27 Luglio |
San Pantaleone
home iconSpiritualità
line break icon

La parola «conversione» ha senso quando si è già battezzati?

HOPE

Shutterstock

Edifa - pubblicato il 02/03/21

La nostra prima conversione avviene al momento del battesimo. La seconda consiste nel vivere questa nuova vita di grazia. Ma perché abbiamo bisogno di convertirci costantemente? Come possiamo ottenere questa conversione?

padre Nicolas Buttet

Un vescovo, ex collaboratore della Curia romana, incontrò Giovanni Paolo II dopo essere stato posto a capo di una diocesi. Il Papa gli chiese: “Qual è il problema più grande nella sua diocesi?” – “Oh, Santo Padre, ce ne sono diversi, ma il più grande è la conversione del vescovo!” E il Papa rispose con un sorriso complice: “Ma allora è come a Roma!” Questo aneddoto, realmente accaduto, risponde già alla domanda posta. Resta da capire perché dobbiamo continuamente convertirci.

Convertirsi come battezzato significa immergersi sempre più profondamente nell’Amore divino

La nostra prima conversione si realizza col battesimo. È il dono della vita divina, il dono della comunione amorosa con il Padre, attraverso Gesù nello Spirito. La nostra vita di “creatura nuova” inizia quindi con la salvezza offerta gratuitamente da Dio.

La seconda conversione consiste nel vivere questa nuova vita che è la vita della grazia. Al centro di questo processo, c’è l’amore, ma non un amore qualsiasi o un’emozione qualsiasi, bensì l’amore fermo e risoluto che è pronto a dare la vita per Dio e per gli altri. Quell’amore che la Bibbia chiama agapè: la carità di Dio riversata nei nostri cuori, attraverso lo Spirito Santo.

Convertirsi come battezzato significa immergersi sempre di più in questo amore divino; significa raccogliere i frutti interiori di questo amore che sono la pace e la gioia; significa incarnare la misericordia nelle nostre relazioni con gli altri. San Tommaso definisce il peccato in questo modo: allontanarsi (aversio) da Dio e rivolgersi (conversio) verso le creature. La vera conversione, quindi, consiste nell’ritornare costantemente a Dio e nell’amare le creature attraverso Lui.

La conversione richiede prima di tutto un rinnovamento della nostra intelligenza

La parola greca per conversione è metanoia. Questa parola significa “ripensare”, “mettere in discussione il proprio modo di vivere”, “far entrare Dio nei criteri della propria vita”, precisava Benedetto XVI. E aggiungeva: “La conversione (metanoia) significa uscire dall’autosufficienza, scoprire ed accettare la propria indigenza – un’indigenza degli altri e dell’Altro, del suo perdono, della sua amicizia. La vita non convertita è autogiustificazione (io non sono peggiore degli altri); la conversione è l’umiltà di arrendersi all’amore dell’Altro, un amore che diventa misura e criterio della mia propria vita”.

I Padri del deserto hanno mostrato che chi non entra nella metanoia vive nella paranoia: un auto-centrismo mortificante. Dal punto di vista medico, la paranoia è caratterizzata da una sopravvalutazione di sé stessi, dalla diffidenza, dalla rigidità mentale e dall’asocialità.

La conversione esige prima di tutto un rinnovamento della nostra mente: “Non conformatevi a questo mondo, ma lasciatevi trasformare rinnovando il vostro modo di pensare, per poter discernere la volontà di Dio, ciò che è buono, a Lui gradito e perfetto” (Rm 12,2). Bisogna allora voler vivere questa nuova vita fino ad avere in noi gli stessi sentimenti di Cristo (Fil 2,5); fino a raggiungere la misura della pienezza di Cristo (Ef 4,13).

Tags:
conversione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontan...
4
MASS
Gelsomino Del Guercio
Niente Green Pass per andare a messa: la precisazione del Governo
5
Gelsomino Del Guercio
Cesare Cremonini indica al cardinale Zuppi “la strada per i...
6
don Marcello Stanzione
Fra Modestino da Pietrelcina rivela: Padre Pio ha visto mio padre...
7
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
Vedi di più