Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 04 Febbraio |
San Giuseppe da Leonessa
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Quando i nostri atti di generosità non sono poi così generosi

Red heart in child hands

Oksana Mizina | Shutterstock

Cerith Gardiner - pubblicato il 18/01/23

Quest'anno fate attenzione ai regali che fate e agli atti di gentilezza che mettete in atto, e assicuratevi che riguardino più chi li riceve che voi

Il Natale è ormai archiviato, ma potreste essere ancora frustrati per il fatto che un regalo che avete fatto non sia stato accolto con il calore e l’apprezzamento che speravate.

A volte, anche le nostre intenzioni sono le migliori, possiamo offrire regali che mettono a disagio chi li riceve. Forse li ritengono troppo stravaganti, o troppo seri, al punto da far sentire chi li riceve inadeguato. O ancora, magari si pensa di non meritare un dono del genere.

È quello che mi è accaduto giorni fa quando ero a pranzo fuori con il mio figlio più piccolo. Mentre andavamo verso il ristorante, mi sono imbattuta nel fornaio e ci siamo salutati. (Resti tra voi e me, è stato un po’ strano perché in precedenza mi aveva chiesto di uscire con lui).

Dopo il pranzo sono andata a pagare, e il cameriere mi ha detto che il fornaio aveva già pagato il nostro pasto. È stato un atto estremamente generoso, ma mi sono sentita a disagio, come se fossi stata messa all’angolo.

Fare dei regali a Natale e la speranza di qualcuno di ottenere un appuntamento sono due circostanze del tutto diverse, ma a volte quando facciamo degli atti generosi potremmo avere in mente più noi stessi che la persona che li riceverà.

Un’amica mi ha parlato di recente del regalo che le ha fatto il marito comprandole un nuovo bollitore che può far bollire l’acqua a diverse temperature per vari tipi di tè. La mia amica non beve tè, ma al marito piace. Questo è uno di quei regali che riguardano più il desiderio di chi dona che quello di chi riceve.

C’è poi il dono o l’atto di generosità così estremo che la persona che lo riceve si sente inadeguata perché non può ricambiare, magari perché non ha le stesse risorse o lo stesso tempo.

Ciò non vuol dire che non dobbiate fare doni stravaganti se sapete che non metteranno a disagio l’altra persona, ma è importante che quando doniamo qualcosa, in qualsiasi forma, pensiamo davvero a quello che stiamo offrendo e perché.

Nel corso di quest’anno comprerete sicuramente dei regali per gli altri, o offrirete il vostro aiuto alle persone in difficoltà. Questo può dare gioia a molti. Analizzate però le vostre motivazioni e ricordate che a volte i doni più piccoli e personali possono essere quelli più apprezzati.

Tags:
generositaregali
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni