Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 05 Dicembre |
Beato Filippo Rinaldi
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

Si prende cura di 4 fratelli dopo che la madre è morta a causa di una bomba

Questo articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus
wiaczeslaw_jalow_ukraina_chlopak-1.png

@radiosvoboda | Twitter

Karol Wojteczek - pubblicato il 20/05/22

Wiaczesław Jałow, 18 anni, viveva con la madre e quattro fratelli più piccoli a Wierchnotorieckie, nell'oblast di Donetsk (Ucraina). Il 15 marzo lei è morta tra le sue braccia a causa di una bomba

La storia di questo giovane coraggioso è stata raccontata da Radio Swoboda. “Mamma mi è morta tra le braccia. Ho provato a salvarla ma non ce l’ho fatta. Ho visto cadere la prima bomba. Mamma è caduta, io mi sono seduto. Lei era accanto a me. Dopo un po’ è caduta la seconda bomba e mi ha stordito per qualche secondo. Ho aperto gli occhi e lei era reclinata di lato. Le sue ultime parole sono state ‘Sto bene’. L’ho girata, e lì… Credo che sia con noi e che ci aiuti molto”, ha riferito Wiaczesław, 18 anni.

“Ricordo spesso mia madre. Non capisco semplicemente perché. Perché lei e non io? Mia madre era orfana”, ha aggiunto. Al ragazzo è stata affidata la cura delle due sorelle e dei due fratelli, tra gli 8 e i 16 anni.

Nonostante la sua giovane età, il ragazzo ora si riferisce a loro come ai suoi “figli”. I fratelli vivono attualmente a Drohobycz (oblast di Leopoli), dove sono fuggiti dall’avanzata delle truppe russe. Le autorità locali hanno assegnato loro due stanze in una struttura locale. Nelle strutture e nelle scuole di questa città di 70.000 abitanti, ci sono attualmente circa 22.000 rifugiati, soprattutto dell’est e del sud dell’Ucraina.

“Cerco semplicemente di fare di tutto perché la vita dei miei fratelli sia più comoda. Riorganizzo le cose. Ho riparato io la lavatrice. Ce l’hanno portata e hanno detto che se l’avessi riparata sarebbe stata nostra”. All’inizio la famiglia dipendeva completamente dalle donazioni di persone generose. Wiaczesław e i suoi fratelli sono fuggiti dal Donbass solo con i documenti e i vestiti che indossavano quel giorno.

Nelle foto di Wierchnotoriecki che ha potuto vedere online, Wiaczesław ha individuato la storica chiesa locale distrutta dai Russi. Prima dell’evacuazione, un missile è caduto davanti a casa sua rompendo le finestre. I Russi ora svolgono il servizio militare obbligatorio nei paesi vicini.

Il sogno del ragazzo è tornare nella sua città natale non appena verrà liberata. Ha promesso a se stesso che organizzerà una sepoltura adeguata per sua madre.

Prima dello scoppio della guerra, il 18enne studiava alla facoltà di Medicina di Bajmut, e in futuro vuole diventare medico esperto di riabilitazione. “Se diventerò un buon medico, sarò una brava persona”, ha affermato.

***

In base ai dati (significativamente incompleti, come si sottolinea) dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR), dall’inizio dell’invasione russa sono morti 3.309 civili, e altri 3.493 sono rimasti feriti. Questo numero include almeno 234 bambini assassinati (fino al 6 maggio). La parte ucraina fornisce tuttavia stime diverse, in base alle quali nella sola città di Mariupol sarebbero morte fino a 25.000 persone

Il 16 marzo, la Corte Internazionale di Giustizia dell’Aia ha dichiarato illegale l’aggressione russa contro l’Ucraina e ne ha chiesto la fine immediata. Le accuse alla Russia per crimini di guerra sono state presentate alla Corte Penale Internazionale. Al 4 maggio, si sospetta che il Paese sia colpevole di circa 9.600 casi di questo tipo dall’inizio dell’invasione. Finora, i rappresentanti russi non sono apparsi all’udienza delle parti davanti al Tribunale.

Il resto dell'articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus

Sei già membro? Per favore, fai login qui

Gratis! - Senza alcun impegno
Puoi cancellarti in qualsiasi momento

Scopri tutti i vantaggi

Aucun engagement : vous pouvez résilier à tout moment

1.

Accesso illimitato a tutti i nuovi contenuti di Aleteia Plus

2.

Accesso esclusivo per pubblicare commenti

3.

Pubblicità limitata

4.

Accesso esclusivo alla nostra prestigiosa rassegna stampa internazionale

5.

Accedi al servizio "Lettera dal Vaticano"

6.

Accesso alla nostra rete di centinaia di monasteri che pregheranno per le tue intenzioni

Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Tags:
guerraucraina
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni