Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 30 Novembre |
Sant'Andrea
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

La figlia sparisce da Mariupol: lei, in ginocchio, chiede una grazia a San Nicola

irina e ksenia pregano

trmh24 | Youtube

La preghiera in ginocchio sulle scale della cattedrale di Bari.

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 25/03/22

E' accaduto davanti alla basilica di Bari, chiusa per il furto delle reliquie del santo. La donna ucraina si è inginocchiata in preghiera sulle scale

Ksenia e Irina, ucraine, sono arrivate a Bari da Napoli, appositamente per pregare e chiedere una grazia a San Nicola. Le porte della basilica però sono chiuse a causa del furto compiuto nella notte tra il 21 e 22 marzo: è stata violata la teca che contiene la statua del vescovo di Myra, simbolo dell’unione tra occidente e oriente. Quando le due donne apprendono la notizia, rimangono in silenzio.

Irina piange e si inginocchia comunque sulle scale. Un’immagine potentissima. “Volevo pregare per le figlie e i miei nipoti che vivono a Mariupol – dice -. Da quando è stata bombardata non abbiamo più loro notizie” (La Repubblica, 22 marzo).

La fuga di Ksenia

La guerra ha distrutto le loro casa, la vita le ha portate adesso in Italia, lontane dai loro affetti. Ksenia non ha notizie dei suoi cari dal 9 marzo. E’ arrivata in Italia cinque giorni fa in fuga dalla guerra. Mentre suo marito è rimasto a combattere Mariupol, una delle città più colpite dai bombardamenti. Una delle figlie sembra sparita nel nulla; un’altra sarebbe nascosta nei sotterranei della città martire di questa assurda guerra.

La festa dei 40 Santi

Avevano scelto di pregare il Santo di Myra in questa giornata particolare, il 22 marzo, in cui si celebra la festa dei 40 Santi in Ucraina. Volevano pregare nella cripta di San Nicola per proteggere i loro cari, ma sono rimaste sul piazzale della chiesa chiusa.  Le loro preghiere sono strozzate dalle lacrime (www.trmtv.it, 22 marzo).

L’altra statua di San Nicola 

Nella stessa piazza, di fronte all’ingresso della Basilica, c’è un’altra statua di San Nicola, donata anni fa dal presidente russo Putin alla città di Bari. “A quella statua non vogliamo neanche avvicinarci – dicono – perché l’ha regalata Putin, che sta uccidendo le nostre famiglie e distruggendo le nostre città” (Ansa, 22 marzo). 

WEB3 – THE BASILICA DI SAN NICOLA – Antoine Mekary- ALETEIA-IMEDIA- AM_2156
Tags:
graziasan nicola di bariucraina
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni