Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 28 Gennaio |
San Tommaso d'Aquino
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Sono già trascorsi 17 anni dalla morte di suor Lucia, veggente di Fatima

EN_00087378_0157.jpg

EAST NEWS

Suor Lucia con Giovanni Paolo II: è stato lui a compiere la Consacrazione della Russia, secondo la veggente di Fatima.

José Miguel Carrera - pubblicato il 16/02/22

È stata la più longeva dei tre bambini che hanno visto la Madonna, perché i suoi cugini San Francesco e Santa Giacinta Marto sono morti durante l'infanzia


Il 13 febbraio sono trascorsi 17 anni dalla morte di suor Lucia, veggente di Fatima. La sua scomparsa risale al 2005, meno di due mesi prima di quella di San Giovanni Paolo II, morto il 2 aprile.

Suor Lucia è stata la più longeva dei tre bambini che hanno visto la Madonna. Gli altri due veggenti erano i suoi cugini, i fratelli San Francesco e Santa Giacinta Marto, morti durante l’infanzia e già canonizzati da Papa Francesco.

La vita

Lúcia Rosa dos Santos era nata ad Aljustrel il 28 marzo 1907, ed era stata battezzata due giorni dopo.

Nel 1915, come raccontava lei stessa nelle sue Memorie, ha iniziato ad avere visioni di una sorta di nube con forma umana in tre occasioni, quando si trovava insieme alle amiche.

Nel 1916, Lucia e i cugini Francesco e Giacinta hanno ricevuto le prime manifestazioni dell’Angelo del Portogallo.

Dal 13 maggio 1917 sono iniziate le apparizioni della Madonna ai tre pastorelli, che hanno cominciato a recitare il Rosario tutti i giorni e a offrire sacrifici per i peccatori. Per cinque mesi, tutti i giorni 13, tornavano sul luogo delle apparizioni, durate fino al 13 ottobre. In quel periodo i bambini sono stati accusati di falso, arrivando ad essere arrestati malgrado la giovanissima età, ma non hanno mai smesso di diffondere i messaggi ricevuti dalla Vergine.

I tre pastorelli di Fatima

Dopo l’ultima apparizione, quella del 13 ottobre 1917, Lucia era stata consigliata dal vescovo di Leiria, monsignor José Alves Correia da Silva, di ritirarsi nell’Asilo de Vilar. Il 5 gennaio 1922 aveva scritto il suo primo resoconto delle apparizioni. L’8 luglio 1924 era stata interrogata ufficialmente dalla Commissione Canonica Diocesana nominata da monsignor Alves per indagare sulle apparizioni di Fatima.

Nel 1925 Lucia era entrata nella congregazione di Santa Dorotea, in Spagna, e nel 1948 nel Carmelo di Coimbra (Portogallo) per diventare suora di clausura e dedicarsi ancor più profondamente alla preghiera e al sacrificio. È stato allora che ha assunto il nome di suor Maria Lúcia de Jesus e do Coração Imaculado. È rimasta nel Carmelo fino alla morte, il 13 febbraio 2005. I suoi resti mortali sono sepolti nella basilica di Nostra Signora del Rosario, nel santuario di Fatima.

Processo di beatificazione e canonizzazione

Quasi tre anni dopo la morte di suor Lucia, il 3 febbraio 2008, il cardinale José Saraiva Martins, all’epoca prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, ha annunciato per il caso di suor Lucia la dispensa dal periodo canonico di attesa di 5 anni per l’apertura del processo di beatificazione, con l’autorizzazione di Papa Benedetto XVI.

La fase diocesana del processo è stata aperta il 30 aprile di quell’anno e chiusa il 13 febbraio 2017, quando è stata trasferita alla diretta competenza della Santa Sede.

Secondo la vice-postulatrice della causa di beatificazione, suor Ângela Coelho, il processo è stato “rallentato” per via della pandemia. La religiosa ha spiegato all’Agência Ecclesia nel febbraio scorso che le restrizioni ai viaggi a Roma hanno imposto un altro ritmo ai lavori, che richiedono “pazienza” e “rigore”, ma ha anche affermato che sono giunte “molte comunicazioni di grazie”.

Attualmente, suor Lucia è venerata come Serva di Dio.

Tags:
fatimasuor lucia di fatima
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni