Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 27 Gennaio |
Santi Timoteo e Tito
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

L’uomo che semina misericordia piantando croci in Arizona (FOTO)

ALVARO ENCISO

Alvaro Enciso

Jaime Septién - pubblicato il 22/01/22

Il colombiano Álvaro Enciso ha il suo laboratorio a Tucson, quasi alla frontiera con Sonora (Messico), e il suo compito è mettere croci nel deserto nei luoghi in cui sono stati trovati dei cadaveri di migranti

Álvaro Enciso è arrivato negli Stati Uniti a metà degli anni Sessanta alla ricerca di migliori opportunità di vita. Come tanti altri Latinoamericani, in questa Nazione ha gettato nuove radici, ma senza dimenticare il dramma della migrazione, soprattutto in una regione inospitale come il deserto di Sonora.

ALVARO ENCISO

Dopo aver ascoltato i racconti di migranti e soccorritori, degli “angeli del deserto” e di altre fonti, cerca oggetti appartenuti ai migranti caduti nel tentativo di trovare un modo migliore per guardagnarsi da vivere, e con essi adorna le croci che semina nel deserto.

Panorama desolante

Il deserto di Sonora è un vasto territorio (260.000 chilometri quadrati) condiviso da Messico e Stati Uniti (sud della California, Arizona e nord-est del Messico). È forse il “muro” più efficace per fermare la migrazione illegale proveniente da Messico e America Centrale.

Oltre alle tempeste di polvere che flagellano il deserto di Sonora e gli animali velenosi, la situazione più pericolosa per i migranti è forse rappresentata dalle temperature di questa zona, che possono provocare disidratazione o congelamento.

Secondo la Biopedia, nel deserto di Sonora la temperatura può arrivare a 110° F (43.3°)

durante il giorno, e di notte scendere a zero o anche al di sotto. Queste variazioni implicano che sia le persone che gli animali della zona “debbano trovare rifugi sotterranei o nella vegetazione per sopravvivere”.

La morte in agguato

Secondo la base dati di Human Borders, negli ultimi 15 anni circa 3.658 migranti sono morti solo alla frontiera dell’Arizona. Questi sono coloro per cui è stato possibile procedere un’identificazione, ma tutti gli organismi di difesa dei diritti umani e la stessa Pattuglia di Frontiera degli Stati Uniti ritengono che il numero sia molto superiore.

Per evitare la morte o il rischio di danni permanenti per disidratazione grave, una persona che cammina nel deserto di Sonora con il caldo estivo deve consumare non meno di sette litri d’acqua al giorno.

“È quindi fisicamente impossibile per una persona media portare con sé acqua sufficiente”, avverte la Pattuglia di Frontiera in un comunicato che viene reso noto ai migranti attraverso organismi come Human Borders e molti altri che cercano di aiutare i migranti.

Dare una croce è dare un nome

Enciso ha fabbricato e installato più di 900 croci. “Più che simboli religiosi, queste croci sono demarcazioni che rendono visibili le morti ignorate ogni giorno nel deserto di Sonora”, ha affermato in un’intervista concessa alla web Democracy Now! degli Stati Uniti.

Ecco alcune delle croci:

“Queste croci fanno parte di un progetto che chiamo ‘Dove muoiono i sogni’”, ha proseguito Enciso. “È un progetto il cui obiettivo principale è onorare la presenza di qualcuno che ha preso la decisione di attraversare questo deserto tanto letale, tanto pericoloso, in un viaggio così arduo, così difficile, per venire a cercare una vita migliore in questo Paese, ma il caldo, la mancanza di acqua e gli elementi atmosferici lo hanno distrutto, ed è morto qui”.

Partendo da una mappa dell’Arizona piena di “puntini rossi” che rappresentano il luogo in cui sono stati trovati i migranti morti, Enciso si reca in quella zona del deserto e lascia una croce sul “puntino rosso” in cui il migrante ha trovato la morte nel suo cammino verso Nord.

“E questo fa parte del progetto, il cammino fino a qui, arrivare qui e riflettere su ciò che vi è accaduto, e sul fatto che non abbiamo potuto evitare queste morti e che continueranno a verificarsi”, ha concluso.

Tags:
crocimigranti
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni