Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 14 Agosto |
San Massimiliano Maria Kolbe
Aleteia logo
Cultura
separateurCreated with Sketch.

“Belfast”, un’ode toccante alla famiglia e una scrollata di spalle alla fede

Belfast

Focus Features

Matthew Becklo - pubblicato il 11/01/22

“The Troubles”, un conflitto durato decenni tra i repubblicani cattolici e i lealisti protestanti nell'Irlanda del Nord iniziato alla fine degli anni Sessanta, è al centro del nuovo film di Kenneth Branagh

Quando ho visitato Belfast da studente universitario nella primavera del 2007, sono stati i murales a colpirmi – un vivace collage di immagini cariche di significato politico che riempivano un muro sormontato dal filo spinato. C’erano immagini di George W. Bush, della Palestina e della “Segregazione per i Prigionieri di Guerra irlandesi” nella prigione di Maghaberry. 

Questo epicentro de The Troubles, un conflitto durato decenni tra i repubblicani cattolici e i lealisti protestanti nell’Irlanda del Nord iniziato alla fine degli anni Sessanta, è al centro del nuovo film di Kenneth Branagh, Belfast – un mondo che l’attore e regista conosce in prima persona.

Basato sulla giovinezza dello stesso Branagh, il film racconta la storia di un bambino di 9 anni, Buddy, che vive con la sua famiglia protestante: la madre “Ma”, il padre “Pa” (spesso al lavoro in Inghilterra), il fratello maggiore e i nonni. Le riprese in bianco e nero sottolineano il senso del passato, quando ci voleva un intero villaggio per crescere un bambino. E in questo villaggio, cattolici e protestanti si danno una mano a vicenda. “Nella nostra strada non c’è il ‘nostro lato’ e il ‘loro lato’”, sottolinea a un certo punto Pa. “Non c’era comunque”.

Questa comunità unita viene scombussolata quando un gruppo di rivoltosi protestanti arriva ad attaccare le case cattoliche. Quasi di notte, viene allestita una barricata alla fine della strada, tra i residenti aumentano le tensioni e Belfast sembra sempre più una zona di guerra. Man mano che la famiglia viene coinvolta in modi diversi in questo disordine, affronta un dilemma: aggrapparsi al luogo che chiamano casa o seguire Pa in Inghilterra per iniziare una nuova vita?

Branagh intesse una splendida storia in questo caos, rifacendosi molto alla musica di Van Morrison, originario di Belfast. Buddy, che si preoccupa di compiti, cinema e soprattutto delle cotte a scuola, è costretto a trovare un senso in un mondo che sembra ormai fuori controllo. Fa riferimento ai consigli dei nonni, ma è l’amore dei genitori, interpretati da Jamie Dornan e Caitriona Balfe, a farlo andare avanti. Marito e moglie affrontano grandi difficoltà con la fedeltà e il sostegno reciproci – cosa che si vede di rado nei film. E la scena di Pa che fa una serenata alla moglie con Everlasting Love a un funerale irlandese – mentre Buddy, l’incarnazione del loro amore, li guarda sorridendo – è una sottolineatura indimenticabile che vale già da sola il prezzo del biglietto.

Se si concentra in modo splendido su tutto quello che riguarda la famiglia, Belfast non affronta abbastanza un tema che meritava più attenzione: la fede. Forse non sorprende in una storia in cui le due fazioni antagoniste sono identificate con le tradizioni cristiane, ma il conflitto nell’Irlanda del Nord ha avuto ben poco a che fare con la religione, riguardando più che altro l’identità politica e nazionale. Le sottili differenze tra queste tradizioni religiose, le profonde similitudini tra loro e i modi in cui la violenza da entrambe le parti è stata una controtestimonianza della loro fede comune in Cristo – tutto questo era un materiale molto ricco di cui Branagh non ha approfittato.

  • 1
  • 2
Tags:
filmirlanda del nord
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni