Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 18 Gennaio |
Santa Margherita d'Ungheria
Aleteia logo
Cultura
separateurCreated with Sketch.

I Re Magi sono stati tentati dal demonio?

MAGI

Shutterstock | Zvonimir Atletic

Vidal Arranz - pubblicato il 05/01/22

Una “Storia dei Re Magi” della fine del XV secolo ci presenta il demonio che interferiva perché i Magi non adorassero il Dio Bambino

I Re Magi sono stati tentati dal demonio, che cercava di scoraggiarli dal loro proposito di adorare il Dio Bambino? È impossibile saperlo, perché la Bibbia, l’unica fonte degna di fede si questo tema, non ne parla. La Historia de los Reyes Magos scritta in Spagna alla fine del XV secolo, al tempo dei Re Cattolici, lo ritiene però un dato di fatto e lo riferisce in modo dettagliato.

Il testo, conservato nella biblioteca dell’Università di Salamanca, è opera di un autore ignoto, anche se quasi sicuramente si trattava di un ebreo convertito. Una delle argomentazioni a favore di questa tesi è proprio l’episodio dei Magi, che egli include nel suo racconto.

Le tre tentazioni con cui Satana cerca di far dubitare i Magi d’Oriente raccolgono proprio i dubbi che gli ebrei dovevano affrontare nel loro processo di conversione, visto che la parte più spinosa per loro era riconoscere la condizione divina di Gesù di Nazaret. 

Prima rivolgendosi a Gaspare

La Historia de los Reyes Magos mostra Satana che si rivolge in primo luogo a Gaspare. “Sembrandogli un grande saggio filosofo e mago come lui”, gli pone un dubbio: il bambino che vanno ad adorare è nato piangendo, ed è ben noto che il pianto non è un tratto tipico di Dio.

Di fronte a questo, un Gaspare illuminato dalla luce divina avrebbe risposto “Amico, tu non sei ben informato sui segreti di Dio”, ricordando a Satana tutti gli episodi della Bibbia in cui viene profetizzato l’arrivo di quel bambino. “Tutte queste profezie per quel bambino sono state dette, e se è nato piangendo questo mostra ancor di più la virtù della sua maestà, che inizia a insegnarci quello che viene a operare per noi e con noi, che è la nostra santa redenzione”. Gaspare liquida Satana senza mezzi termini: “Vattente con il tuo errore malvagio e perverso. Qui le tue argomentazioni ingannevoli non trovano spazio”.

Poi con Melchiorre

Fallito il tentativo con Gaspare, il demonio ci riprova con Melchiorre, con cui utilizza un altro ragionamento: “Come fa il tuo intelletto a non capire che l’adorazione è riservata solo a Dio? A mio avviso, sembra chiaramente che questo che è nato non sia Dio, ma un uomo come qualsiasi altro”.

Anche Melchiorre, ispirato dallo Spirito Santo, risponde a Satana, ricordandogli che l’arrivo di quel bambino era stata annunciata dal profeta Ezechiele, che aveva avvertito che doveva entrare per la “porta chiusa”. La porta chiusa, in base a questa interpretazione, è la verginità di Maria, porta che solo Dio può varcare.

“Ho detto tutto questo perché tu sappia che questo bambino è Dio, che opere come queste sono di Dio, e che Gli è piaciuto di assumere la carne umana volendo essere concepito Dio e uomo in una Vergine senza che ci fosse in lei alcuna corruzione della sua verginità”, risponde Melchiorre, che cita anche questo verso del Cantico dei Cantici come allusivo alla Vergine: “Tutta bella tu sei, amica mia, in te nessuna macchia ”.

  • 1
  • 2
Tags:
demoniore magitentazione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni