Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 27 Gennaio |
Santi Timoteo e Tito
Aleteia logo
Cultura
separateurCreated with Sketch.

Cardini: L’uomo senza Dio? Infinite rotte a disposizione, ma niente stelle in cielo per orientarsi

Franco-Cardini-AFP

ALESSIA GIULIANI / AFP

Lucandrea Massaro - pubblicato il 01/12/21

Il noto storico medievista Franco Cardini autore di “Le dimore di Dio” (Il Mulino) spiega così l'uomo contemporaneo: liberato dal divino non sa che farsene di questa libertà

Interrogato su cosa resti di Dio nella cultura contemporanea alla luce del recente saggio (“Le dimore di Dio”, il Mulino) che il professore ha scritto a proposito delle architetture sacre, cioè di “come Dio si sia proposto nelle opere dell’uomo, in quelle forme architettoniche spesso perdute, malintese e dimenticate del santuario, del tempio, della sinagoga, della cattedrale, della moschea”, Cardini ha risposto alle domande dell’Huffington Post da vecchio toscanaccio e fine intellettuale quale è, raccontando aneddoti di vita suoi e della sua famiglia, ma è nella chiosa finale che analizza con lucidità e nettezza, ma senza cinismo, la situazione attuale non tanto (o non solo) della Chiesa, quanto del rapporto tra l’uomo (occidentale in particolare) e la religiosità, dopo che per millenni quel rapporto – quello tra umano e divino, mediato dal sacro – era stato così fondamentale per sua storia e la sua evoluzione culturale:

In Chiesa, però, oggi non ci va nessuno […]

E crede che questo dispiaccia a Dio?

Io volevo sapere se dispiace a lei.

Senz’altro le Chiese non sono state fatte per rimanere vuote. Le Cattedrali medievali, addirittura, erano costruite per ospitare l’intera popolazione di una certa città. Così veniva stabilita la loro grandezza. A Natale e a Pasqua si riempivano completamente.

Ma oggi che sono vuote, secondo lei, c’è ancora la presenza di Dio, o anche Dio ha smesso di essere lì?

Dio non scompare perché scompaiono gli uomini che vanno in cerca della sua presenza. Certo, là dove si avverte la presenza di Dio, l’uomo funziona come un ripetitore radio. Trasmette il segnale. Lo diffonde. Lo amplifica. Se non c’è nessuno, nessuno lo sentirà.

Ma è possibile che Dio oggi sia andato altrove?

Dove?

L’uomo non ha smesso di adorare. Idee, capi, star.

Nel Novecento, l’uomo ha avuto delle divinità politiche: la classe, la nazione, che erano dei surrogati di Dio. Oggi sono culti – se così vogliamo chiamarli – a cui manca completamente la trascendenza. Tutto rimane qui, tremendamente con i piedi per terra. Non c’è teologia, non c’è alterità.

È necessariamente un male?

Il movimento di liberazione dell’uomo da Dio è cominciato molti anni fa, direi nel 1400. Oggi si è compiuto fino in fondo. L’uomo è completamente libero. Ma assomiglia a quel criceto che sale su una ruota e corre a perdifiato, rimanendo sempre fermo nello stesso posto.

Perché?

Perché il vuoto lasciato da Dio nella vita dell’uomo è stato via via riempito dalla ricerca di una soddisfazione senza nome. L’uomo ne agguanta una, la sperimenta, ma poi ne vuole subito un’altra, e poi un’altra ancora, senza riuscire mai a essere soddisfatto.

Perché pensa che prima lo fosse?

Innanzitutto, cerco di pensare il meno possibile. Preferisco guardare i dati oggettivi, come mi insegnano le discipline che studio.

E i dati le dicono che prima l’uomo stava meglio?

Questo sarebbe un giudizio di valore. E non è quello il punto.

Allora qual è?

Che l’uomo si è liberato di Dio, oggi la sua libertà è assoluta. Il problema è che non sa cosa farsene. È come un marinaio che si trova, di notte, in mezzo al mare. L’acqua calma. Infinite rotte a disposizione. Ma non ha più stelle in cielo che gli diano un senso dell’orientamento.

Tags:
religioneuomo contemporaneo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni